SIRIA – L’ISIS uccide civili a Deir Ezzor e la situazione è resa più complicata per la presenza USA

Tuttavia le tribù cominciano a ribellarsi ...

Nell’est della provincia di Deir ez-Zor, controllata dalle Syrian Democratic Forces ( SDF ), è ripresa l’attività dei militanti dello Stato Islamico .

In un certo numero di insediamenti, sono stati affissi volantini su edifici amministrativi in ​​cui l’ISIS ha chiesto una tassa alla popolazione – chiamata “tramonto”.
I terroristi hanno ancora paura di attaccare le formazioni curde, ma taglieggiano e uccidono i residenti locali quando non cedono ai ricatti. In genere i terroristi dell’ISIS fanno visita agli agricoltori locali di notte, chiedendo loro denaro. Se il riscatto non veniva pagato, le loro proprietà delle persone vengono bruciate e spesso vengono uccisi.

Tuttavia stiamo parlando zone tribali e qualche tribù locale ha reagito co l stessa moneta: ieri mattina ad Al-Basir, a est di Deir Ez-Zor, sono state trovate le teste mozzate di due uomini dell’ISIS, insieme ad uno IED e un biglietto. Il testo del foglietto spiegava che gli uccisi stavano cercando di riscuotere le tasse per conto dello Stato islamico. Come avvertimento, è stato indicato che tale sarà il destino per tutti coloro che tenteranno di taglieggiare e uccidere gli agricoltori.

Secondo i rapporti dell’intelligence siriana, la maggior parte dei militanti dell’ISIS sono persone recentemente rilasciate da un campo curdo per sfollati a El-Hol (Hasaka). Al Masdar News riferisce che “dall’inizio del 2020, lo Stato Islamico ha spostato la sua attenzione sui governatorati di Al-Raqqa e Hama (…). L’esercito siriano ha dovuto spostare rinforzi dai governatorati vicini e dalle unità della Brigata di Gerusalemme a guida palestinese (Liwaa Al-Quds) per affrontare questi terroristi, poiché le loro forze hanno subito pesanti perdite in questi scontri con l’ISIS”.

In questi giorni le forze aeree russe stanno supportando esercito siriano e le forze al Quds incaricate di scovare i militanti ISIS che ancora si nascondono nel deserto siriano. Solo negli ultimi 3 giorni sono stati effettuati 27 attacchi aerei su obiettivi ISIS e fino a 120 militanti sono stati eliminati. Inoltre, circa 150 fucili mitragliatori e fucili automatici sono stati rinvenuti in depositi nel deserto.

L’eliminazione di ISIS ‘ complicata dall’atteggiamento USA che non permette l’organizzazione di azioni congiunte al confine con l’Iraq tra i distaccamenti filo-iraniani di ” Hashd al-Shaabi ” e l’esercito siriano.

Un esempio di questa situazione sono i ripetuti attacchi statunitensi alla base intitolata all’Imam Ali al confine con Siria e Iraq. Il compito di questa  base è coordinare le attività delle milizie iraniane e siriane nella lotta contro l’Isis al confine tra i due stati. Tuttavia, la “base dell’IRGC iraniano”, come viene chiamata in Occidente (ma in realtà è parte integrante dell’esercito iracheno), è regolarmente attaccata dalle forze aeree israeliane o americane.

L’impianto militare è in fase di ricostruzione, ma viene periodicamente colpito. È improbabile che un coordinamento efficace sia possibile in un tale ambiente. Pertanto, l’eliminazione definitiva dell’ISIS nella regione di Badiya al-Sham nel prossimo futuro è difficilmente possibile. Ciò richiede gli sforzi congiunti di tutte le parti interessate e ciò non è stato ancora osservato.

@vietatoparlare

Exit mobile version