SIRIA – L’Isis rivendica il sabotaggio del gasdotto in Siria

In Siria è ripreso il gasdotto nella regione di Deir Ali a sud di Damasco, dove il sabotaggio è avvenuto il giorno prima. Il sabotaggio aveva portato a un’interruzione di corrente nella capitale. La responsabilità dell’attentato è stata rivendicata dallo “Stato islamico”, riferisce Reuters.

Il ministero del Petrolio e delle risorse minerarie siriane ha annunciato che l’approvvigionamento di gas attraverso il gasdotto è stato ripristinato, riferisce SANA . La riparazione delle infrastrutture è stata completata.

La sera del 17 settembre, la Siria, che ha dovuto affrontare una grave crisi energetica, ha subito un completo blackout a causa di un attacco di sabotaggio.

Ghassan al-Zamil, ministro dell’elettricità siriano, ha affermato che l’attacco ha preso di mira il gasdotto arabo, che alimenta le centrali elettriche di Deir Ali e Tishreen, nonché due torri elettriche chiave che collegano le due stazioni.

Syria oil infrastructure1

I sabotatori hanno usato ordigni esplosivi che sono riusciti a far saltare in aria un tratto dell’oleodotto siriano nei pressi della cittadina di Harran al’Awamid a sud della capitale Damasco.

L’elettricità è tornata nella città di Damasco la mattina presto del 18 settembre e nel resto del Paese poche ore dopo. Sono in corso i lavori per riparare il gasdotto.

L’attacco è avvenuto mentre il secondo lotto di autocisterne che trasportavano carburante iraniano importato da Hezbollah stava attraversando il Libano dalla Siria. A causa di ciò, alcuni attivisti siriani hanno ipotizzato che l’intelligence israeliana fosse dietro l’attacco di sabotaggio.

Un’altra possibilità è che il gasdotto siriano sia stato preso di mira da militanti dell’opposizione, irritati dalla recente iniziativa statunitense di trasferire gas dall’Egitto ed elettricità dalla Giordania al Libano attraverso la Siria. Damasco, pesantemente sanzionata da Washington, trarrà vantaggio dall’accordo.

(fonte Kommersant/Southfront)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.