SIRIA – L’incaricato USA per la Siria James Jeffrey ha ammesso il ruolo USA per far crollare la moneta siriana

James Jeffrey ammette il ruolo di #Washington nel prendere di mira la lira siriana.

I funzionari dell’amministrazione americana non hanno riscontrato alcuna difficoltà nel riconoscere che lo scopo delle misure economiche coercitive unilaterali imposte alla Siria è influenzare il sostentamento del popolo siriano e fare pressione su di esso.

James Jeffrey, l’inviato americano in Siria, che ha incontrato più di una volta gruppi di terroristi, ha ammesso domenica che gli alti prezzi dei bisogni primari dei cittadini e il basso tasso di cambio della lira in Siria sono dovuti alle misure illegale dell’amministrazione statunitense che violano i diritti umani più elementari e il diritto internazionale umanitario.

“Il crollo della valuta siriana è dovuto alle nostre procedure”, ha detto James secondo numerosi siti di notizie, la stragrande maggioranza dei paesi del mondo considera all’unanimità queste misure come disumane e immorali e viola le leggi internazionali, in particolare il cosiddetto ” Caesar Act “che impone un assedio al popolo siriano e minaccia coloro che hanno a che fare con il loro paese di imporre loro sanzioni.

Jeffrey ha affermato che le misure illegali della sua amministrazione miravano a raggiungere un “processo politico” in Siria “sotto la supervisione delle Nazioni Unite”, nonostante il fatto che tutte le misure statunitensi violino la Carta delle Nazioni Unite e le leggi internazionali.

L’amministrazione statunitense insieme all’Unione Europea sta ignorando ripetute chiamate internazionali e chiede di revocare queste misure che offendono la Carta delle Nazioni Unite e tutte le norme internazionali, in particolare con lo scoppio della pandemia di Corona, che rappresenta una grande sfida per tutti i paesi.

La confessione di Jeffrey arriva giorni dopo che l’International Business Times ha pubblicato il suo rapporto pubblicato a Singapore, che confermava che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ordinò personalmente l’incendio di colture agricole in Siria per privare il popolo siriano delle merci del paese firmando un ordine esecutivo per le sue forze di occupazione per realizzare questo, oltre al saccheggio del petrolio siriano in collaborazione con i terroristi dell’ISIS.

Gli Stati Uniti affermano che è arrivato in #Siria per combattere l’organizzazione terroristica #ISIS, sebbene, secondo i dati sul campo, l’organizzazione terroristica non si trovi in ​​Siria se non in aree controllate dalle forze americane.

…………………………………………………………….

James Jeffrey admits Washington’s role in targeting the Syrian pound.

The American administration officials did not find any difficulty in acknowledging that the aim of the unilateral coercive economic measures imposed on Syria is to influence the livelihood of the Syrian people and put pressure on them.
James Jeffrey, the American Envoy to Syria, who met with groups of terrorists more than once, admitted on Sunday that the high prices of the basic needs of the citizen and the low exchange rate of the lira in Syria are due to the US administration’s illegal measures that violate the most basic human rights and international humanitarian law.

“The collapse of the Syrian currency is because of our procedures”, James said according to several news sites, the overwhelming majority of the countries of the world unanimously consider these measures as inhuman and immoral and violate international laws, especially the so-called “Caesar Act” which imposes a siege on the Syrian people and threatens those who deal with their country to impose sanctions on them.

Jeffrey claimed that his administration’s illegal measures aimed at reaching a “political process” in Syria “under the supervision of the United Nations”, despite the fact that all US measures violate the UN Charter and international laws.

The US administration along with the European Union are ignoring repeated international calls and demands to lift these measures off which offend the United Nations Charter and all international norms, especially with the outbreak of the Corona pandemic, which represents a major challenge for all countries.

Jeffrey’s confession comes days after the International Business Times published its Singapore- issued report which confirmed that US President Donald Trump personally ordered the burning of agricultural crops in Syria to deprive the Syrian people of the country’s goods by signing an executive order for his occupying forces for carrying this out in addition to the looting of Syrian oil in cooperation with ISIS terrorists.

The United States claims that it came to Syria to fight the terrorist organization ISIS, although, according to field data, the terrorist organization are in no place in Syria except in areas controlled by American forces.

MB

Exit mobile version