SIRIA – La situazione operativa in Siria è cambiata radicalmente.

L’esercito siriano (SAA)ha ripreso le operazioni nella provincia di  Idlib . Nello stesso tempo, l’avanzata dei SAA è iniziata non solo a Idlib, ma anche ad Aleppo.

Questa la situazione nelle due provincie:

L’esercito siriano sta affrontando pesanti combattimenti avanza a ovest di Aleppo

27/01/20  – Secondo fonti russe ‘Riafan’ e ‘EADaily’  (che oltre quelle siriane sono le meglio informate in proposito) le  forze governative siriane continuano l’offensiva nel sud-ovest di Aleppo, iniziata sabato 25 gennaio. L’operazione offensiva sulle posizioni dei militanti dell’alleanza islamista “Hayyat Tahrir al-Sham” (HTS, la principale forza nella sua composizione è rappresentata dal gruppo terroristico “Jabhat Fath al-Sham”, l’ex “Jabhat al-Nusra”) e l’ex Fronte di liberazione nazionale turco (NFO), era iniziata con enormi attacchi missilistici e di artiglieria alle posizioni nemiche nella periferia occidentale di Aleppo.

Dopo la preparazione di fuoco dell’artiglieria, le unità della 25a divisione delle forze speciali (ex Tiger Forces), della 7a divisione meccanizzata e della Guardia repubblicana delle forze armate siriane attaccarono i militanti alla periferia di Rashidin e Al-Assad Park. Lo stesso giorno, le unità dell’esercito occuparono l’intero parco di Al-Assad, raggiunsero l’autostrada M5 (Damasco-Aleppo) e presero una stazione di benzina situata tra i distretti di Rashidin-4 e il sobborgo di Khan al-Asal.

Finchè nella la mattina del 26 gennaio, l’esercito siriano raggiunse la periferia del sobborgo sud-occidentale di Aleppo – Khan al-Asal. Al momento, ci sono combattimenti nella periferia di Khan al-Asal e nella periferia nord-orientale di Rashidin-4.

Secondo fonti militari locali, la mattina del 27 gennaio, i militanti di HTS e dell’NFO hanno adoperato ampiamente missili guidati anticarro (ATGM) e hanno segnalato “gravi perdite” di veicoli corazzati dall’esercito siriano nell’area di Al-Assad. Un po ‘ più a nord i militanti islamisti hanno usato una autoveicolo imbottito di esplosivo guidato da un attentatore suicida. Di conseguenza giungono notizie che nell’area del parco di al-Assad, il SAA si è ritirato da una parte della posizione all’originale. L’artiglieria lavora ora su su Zerba, Hals, Zeytan.

Come riportato da Eurasia EADaily , l’Aeronautica Russa e l’Aeronautica siriana hanno lanciato ingenti attacchi alle posizioni HTS nella provincia di Aleppo negli ultimi giorni. Intensi raid aerei annunciarono un’importante operazione di terra da parte delle forze governative a ovest della seconda più grande città siriana.

In particolare, gli aerei russi hanno attaccato le linee di rifornimento dei jihadisti che portavano al quartiere di Al-Zahraa. A sua volta, l’esercito siriano ha iniziato la sua avanzata a ovest della regione di Ihtar al-Bizar. Secondo le informazioni disponibili, questa sezione del territorio è passata sotto il controllo di SAA.

Aleppo meridionale
Domenica, l’esercito arabo siriano ha attaccato posizioni militanti lungo l’autostrada Idlib-Aleppo (M-5). Gli uomini dell’esercito, dopo una feroce battaglia, catturarono le colline di Talat al-Mahrukat. Attualmente, SAA sta cercando di avanzare verso la città di Khan-Tuman. Attualmente SAA sta cercando di coprire  la città in un anello espandendo la zona di controllo attorno ad essa.

L’esercito siriano ha circondato Maarat al-Numan  (Idlib)

27/01/20  – Contemporaneamente ad Aleppo, l’offensiva siriana è iniziata il 25 gennaio anche a sud di Idlib. Sabato l’esercito siriano ha liberato l’ insediamento Tal Manas e Mar Shamsha. Ci sono feroci battaglie per il possesso dell’ex base dell’esercito Wadi-Deif.

Domenica mattina, unità della 25a divisione delle forze speciali (ex Tiger Forces) hanno fatto irruzione nella città di El Garfa. Poche ore dopo, l’insediamento è passato sotto il completo controllo delle Tigri.

Attualmente, l’esercito siriano ha raggiunto la periferia della città di Maarat en Numan, a una distanza di 700 metri dalla città. Di conseguenza, l’autostrada M-4 è sotto il controllo del fuoco degli aerei SAA. Come affermato a Damasco, lo scopo principale dell’operazione è sbloccare l’autostrada Hama- Aleppo. Secondo quanto riferito dalla pubblicazione  al-Watan SAA  ha attraversato l’autostrada M5 a nord della stessa.

Nel frattempo, nella seconda metà della giornata del 26 gennaio, i jihadisti hanno lanciato un contrattacco nel sud-est di Idlib. I militanti di “Hayat Tahrir al-Sham” hanno attaccato le posizioni del 5 ° corpo dell’esercito dell’esercito siriano nel villaggio di El-Samka. L’attacco jihadista è stato  respinto.

Sempre secondo il giornale al Watan , l’esercito siriano ha catturato i villaggi di Dana a ovest dell’autostrada M5 Damasco- Aleppo e Tell al-Sheikh, Babila e Maasaran a nord di Maarat al-Numan . “I militanti stanno fuggendo da Maaret Nuuman in gran numero”, scrive il giornale, citando fonti tra la popolazione della città.

Pertanto, l’esercito si è riuscito ad avvinarsi alla città, circondandola da est, ovest e sud ed ha “conquistato il villaggio di Dana, tagliando l’autostrada M5 tra Maarat al-Numan  e la città di Sarakib” (al-Watan).

Inoltre, secondo Sham FM , i militari hanno scoperto una rete di tunnel sotterranei sotto il villaggio di Maasaran, scavati dai militanti.

La liberazione di Maarat al-Numan detenuto dai militanti dal 2012 e la riconquista di una sezione dell’autostrada internazionale M5 sono definiti dagli esperti uno degli obiettivi più importanti dell’operazione militare dell’esercito SAA. (Fonte: RIA Novosti)

Le forze aerospaziali russe stanno operando con gli elicotteri Mi-35 su tutta l’area, fornendo supporto al fuoco alle unità delle forze di terra SAA.

I militari siriani prendono il controllo degli insediamenti a sud di Maarat al-Numan

27/01/20 – Secondo la fonte Interfax, Lunedì le truppe del governo siriano hanno preso il controllo di tre insediamenti situati a sud della città di Maarat al-Numan (provincia di Idlib), lo riporta il portale Al-Masdar.
Ciò è stato ottenuto durante l’operazione dei combattenti della 25a divisione delle forze speciali. È specializzata in operazioni offensive.

Pertanto, l’esercito siriano controlla quasi tutti gli insediamenti a sud di Maarat al-Numan.

Marat al-Numan, detenuto dagli avversari di Damasco, è ritenuta una città strategicamente importante. In particolare, attraverso di essa passa l’autostrada che collega Damasco con Aleppo. Secondo alcune fonti la città di Marat al Numan è quasi stata evacuata del tutto.

Ci sono suggerimenti su questo possibile sviluppo di eventi:

Ci sono suggerimenti su questo possibile sviluppo di eventi:

In preparazione altre false flag chimiche

Secondo i servizi segreti per la fine gennaio  i leader del gruppo terroristico “Jabhat al-Nusra” stanno preparando nel villaggio Serakib della provincia di Idlib  un rapporto video di propria produzione sui risultati di un attacco aereo da parte delle forze aeree  nei luoghi di residenza dei civili per accusarle di aver usato sostanze proibite.
Secondo le informazioni disponibili, a tal fine, i militanti hanno scelto l’edificio di una scuola locale. Sono stati formati circa 25 bambini, ai cui genitori è stato promesso un premio di $ 100 ciascuno.
Secondo il il capo del Centro russo per la riconciliazione delle parti in guerra, il maggiore generale Yuri Borenkov. dovrebbero partecipare alle riprese provocatorie canali televisivi e alle agenzie di stampa ostili del governo siriano, tra cui Al Jazeera e le  Orient notizie. “Secondo le informazioni ricevute da residenti locali e detenuti membri di gruppi armati illegali, i rappresentanti dell’organizzazione pseudo-umanitaria White Helmet sono arrivati negli insediamenti delle province di Kafer Hamra, Aleppo, Maaret Misrin ed Erich di Idlib, sorvegliati dai militanti del gruppo terroristico Hayat Tahrir al-Sham caschi “con contenitori contenenti presumibilmente cloro gassoso”. Lo scopo della provocazione è accusare le autorità siriane di usare armi chimiche contro i civili.
Borenkov ha osservato che nei laboratori di Idlib, dove vengono sintetizzate sostanze tossiche, lavorano specialisti formati in Europa.
“Le scorte di prodotti chimici sono immagazzinate nei magazzini nell’area dell’ex base militare vicino al villaggio di Dar Taazza, provincia di Aleppo, negli altopiani di Jebel al-Zawieh e nell’area del villaggio di Salkin, provincia di Idlib.”

I terroristi hanno attaccato un sito di stoccaggio di petrolio in Siria

27/01/20  – I terroristi hanno attaccato strutture petrolifere nella raffineria di Banjas in Siria usando  bombe esplosive, lo riferisce l’agenzia governativa siriana SANA con riferimento al ministero del petrolio.

“Il Ministero del petrolio: i terroristi e coloro che li sostengono, hanno nuovamente attaccato l’industria petrolifera in Siria. Sono state  colpite le strutture petrolifere offshore di Banjas”, scrive l’agenzia. Si chiarisce che i dispositivi esplosivi sono stati posti da subacquei (uomini ‘rana’).
Secondo l’agenzia, le squadre di riparazione stanno già svolgendo lavori e stanno eliminando i problemi per la ripresa della piena funzionalità della stazione petrolifera.