SIRIA: in corso progetti di ristrutturazione del sistema produttivo petrolifero nazionale

Russia e Iran [in conformità ad un accordo con il governo siriano] condivideranno il “petrolio americano” nel nord-est della Siria

20.01.2020 – Ibrahim Hamidi – fonte: Asharq al-Awsat 

Le autorità siriane hanno stipulato nuovi contratti con società russe e filo-iraniane per il ripristino del sistema di trasporto petrolifero del paese e l’esplorazione dei giacimenti di petrolio e gas sul tratto siriano della piattaforma del Mar Mediterraneo. Secondo Al-Sharq Al-Ausat, i contratti sono stati firmati dal Ministero siriano del petrolio e delle risorse minerarie e da una società di proprietà dell’autorevole uomo d’affari siriano Mohammed Baraa al-Qatirji, che è soggetto alle sanzioni statunitensi. Apparentemente, gli accordi includono la costruzione di una raffineria di petrolio con una capacità di 120.000 barili al giorno vicino alla base navale russa di Tartus e la modernizzazione del sistema di trasporto energetico regionale per aumentare la produzione giornaliera di petrolio a 520.000 barili.
Il governo siriano ha concluso contratti con due compagnie petrolifere russe, nonostante il fatto che la maggior parte dei giacimenti di petrolio e gas siano ancora controllati dalle forze democratiche siriane arabo-curde (SDS), supportate da una coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti.

Il mese scorso, il presidente siriano Bashar al-Assad ha trasmesso le leggi al parlamento del paese. Di conseguenza, il Consiglio popolare siriano ha approvato i progetti di legge sulla creazione della raffineria di petrolio Rusafa Refinery (Raffineria di Rusafa) a Raqqa, sull’espansione del sistema di trasporto del petrolio e sulla costruzione di un terminal petrolifero a Tartus. È stato siglato un accordo sull’istituzione della raffineria di Rusafa tra il Ministero siriano del petrolio e delle risorse minerarie e l’Organizzazione generale per la lavorazione e la distribuzione di prodotti petroliferi guidata da Adnan Saleh, da un lato, e la società siriana Arvada, guidata da Mohammed Baraa al-Katirji e Sallizar Shipping SAL libanese in guidato da Muhammad Adnan al-Shihabi, d’altra parte.

L’uomo d’affari siriano Mohammed Baraa al-Qatirji è membro del comitato costituzionale siriano allargato, che ha iniziato i suoi lavori nel novembre dello scorso anno. Ricordiamo che l’obiettivo principale del comitato è preparare le riforme costituzionali nel paese. Recentemente l’Unione europea ha ampliato l’elenco delle sanzioni contro la Siria inserendo un certo numero di uomini d’affari siriani nella lista nera. Quindi, sotto l’influenza delle sanzioni europee, è stato aggiunto anche un membro del Comitato costituzionale siriano, Mohammed al-Katirji.

È interessante notare che recentemente un membro del Consiglio del popolo siriano, Husam al-Qatirji, fratello di Muhammad al-Kartiji, è stato criticato per aver girato video – che è stato diffuso in rete – in cui guida un’auto di lusso tra due convogli di persone armate che lo scortano. Husam in seguito si scusò per il suo comportamento nei confronti dei suoi colleghi e del presidente siriano Bashar al-Assad.

La famiglia al-Katirji ha fondato la più grande holding del paese, che è impegnata nel commercio di grano e petrolio, trasportando tra aree controllate dalla SDS e aree controllate da Assad. Ciò ha reso i fondatori dell’azienda le persone più ricche del paese. Inoltre, si dice che la famiglia al-Qatirgi abbia concesso prestiti al governo di Damasco per un valore di oltre $ 300 milioni.

Accordo sul petrolio

Il primo accordo prevede la creazione di una raffineria privata della società Rusafa, i cui fondatori includono il governo e la società al-Katirgi. Sarà coinvolta nella costruzione di una nuova raffineria di petrolio per il trattamento del petrolio pesante, lavorerà sulla modernizzazione delle raffinerie di petrolio e supervisionerà anche la preparazione del suddetto impianto per attrezzature e messa in servizio graduali. Si prevede che una nuova raffineria sarà costruita nella provincia di Raqqa e la sua capacità sarà di 60.000-120.000 barili al giorno.

L’accordo si riferisce agli obblighi del governo siriano, che dovrà fornire alla compagnia petrolifera il surplus di petrolio siriano ai prezzi concordati. Secondo l’accordo, il capitale iniziale della compagnia sarà di 10 miliardi di sterline siriane. La quota del governo in termini fisici sarà del 15% e il restante 85% delle azioni sarà trasferito alla proprietà di una società privata. L’accordo dice: “Le azioni, le attività, i profitti, i dividendi, le transazioni e tutti i tipi di attività della società sono esenti da qualsiasi imposta e tassa, compresa l’imposta sul reddito”. Pertanto, la società non solo sarà esente da imposte, ma beneficerà anche di tutti i benefici non previsti dal presente accordo.

Contratto di modernizzazione di Tartus

Il secondo accordo parla dello sviluppo e dell’espansione del terminal petrolifero di Tartus, della creazione di un nuovo sistema di trasporto del petrolio e del ripristino e della manutenzione dell’attuale NTS. Le parti del contratto possono stipulare contratti con il governo siriano e società private, nonché beneficiare dei relativi profitti.

Il piano del progetto prevede la creazione di un nuovo sistema di trasporto petrolifero e di serbatoi aggiuntivi per lo stoccaggio di petrolio, nonché il ripristino dell’attuale NTS, che si estende dall’Iraq occidentale alla Siria orientale e al Tartus. Contiene inoltre informazioni dettagliate sullo sviluppo di Tartus e del porto, compreso il ripristino del sistema di trasporto del petrolio per il trasporto di petrolio pesante tra Tel Adas e Homs. Ricordiamo che il summenzionato NTS ha una lunghezza di 559 km e una capacità di 271.000 barili al giorno, ma le condutture non sono state gestite con questa potenzialità a causa di danni esistenti.
Il sistema di oleodotti del petrolio per il trasporto di petrolio leggero si estende dai confini dell’Iraq a Baniyas, che si trova a circa 466 km. Si estende dalla prima stazione di pompaggio di petrolio in Iraq alla regione di Al Miliya, per poi andare più in profondità a Homs per 22 km. L’NTS siriano comprende anche l’oleodotto di Kirkuk, costruito nel 1961. Ricordiamo che si estende dalla prima stazione di pompaggio di petrolio in Iraq alla regione di Al-Lubaydah e ha una lunghezza di 424 km attraverso la Siria (dal confine iracheno ad Al-Lubaydah 392 km, e da lì altri 32 km al confine siriano-libanese). Lì, l’oleodotto si dirama in due direzioni. Un ramo di 96 km va a Banias. Secondo le informazioni disponibili: la seconda stazione di pompaggio dell’olio è stata distrutta all’inizio di aprile 2013 e la terza il 21 maggio 2015.

Secondo l’accordo, è prevista la costruzione di un oleodotto per il trasporto di petrolio pesante con una produzione di 120.000 barili al giorno, nonché il ripristino del sistema di trasporto di petrolio per il trasporto di petrolio leggero, che ha una lunghezza di 466 km e una produzione di 400.000 barili al giorno. C’è anche un ambizioso progetto per creare un nuovo sistema di trasporto di petrolio per il trasporto di petrolio pesante con una produzione di 300.000 barili al giorno e un altro per il petrolio leggero con una produzione di 1 milione di barili al giorno.
L’accordo prevede anche la costruzione di nove serbatoi di stoccaggio di petrolio a Tartus con un volume di 40.000 m3 e sei serbatoi con una capacità di 20.000 m3, che contribuiranno ad aumentare la capacità totale delle strutture di stoccaggio di petrolio a tre milioni di barili attraverso l’uso dell’area di proprietà dell’azienda statale.

Il parlamento siriano ha approvato diversi progetti di legge, tra cui la conclusione di contratti con le società russe Mercury e Vilada per l’esplorazione e la produzione di petrolio e gas. Il ministro del petrolio siriano Ali Ghanem ha affermato che i contratti di esplorazione mirano ad aumentare le riserve di carburante comprovate, sviluppare nuovi campi e rafforzare le relazioni con i paesi amici che hanno sostenuto la Siria. Secondo lui, la Russia e l’Iran sono in testa a questo elenco, riceveranno migliori condizioni commerciali rispetto ai contratti conclusi negli ultimi anni.

Secondo le informazioni disponibili, le autorità siriane hanno affittato il porto di Latakia a Teheran e Mosca ha acquisito il controllo del porto di Tartus. Inoltre, le autorità russe stanno negoziando con il governo siriano per la ricostruzione dell’aeroporto internazionale di Damasco. La Russia ha anche annunciato la creazione di una nuova base aerea nella città di Qamyshly, dove precedentemente si trovava la base americana. L’esercito americano la lasciò dopo la decisione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump di trasferire truppe ad est dell’Eufrate per proteggere i giacimenti petroliferi e continuare a monitorare le “cellule dormienti” dell’ISIS .

Ibrahim Hamidi (إبراهيم حميدي)
Pubblicazione originale: روسيا وإيران تتقاسمان “النفط الأميركي” شمال شرقي
سوريا