SIRIA – Il nuovo inviato Onu arriva a Damasco: si spera sia più equo del suo predecessore

Il nuovo inviato delle Nazioni Unite in Siria, Geir Pedersen, è arrivato oggi a Damasco per la prima volta  da quando è entrato in carica (il 7 gennaio). L’esperto diplomatico norvegese  è il quarto negoziatore ad essere stato nominato inviato speciale delle Nazioni Unite in Siria da quando nel 2011 è scoppiata la guerra asimmetrica in corso, con obiettivo l’instaurazione- tramite un regime change – di un governo più consono agli interessi occidentali e di Israele.

Quindi grandi speranze che il nuovo inviato ONU dimostri di essere  più indipendente del suo predecessore (totalmente sbilanciato a favore delle milizie sostenute dai paesi del Golfo)  ed operi realmente per la pace. Pedersen ha sostituito Staffan de Mistura, che ha trascorso quattro anni e quattro mesi nel suo incarico di porre fine al conflitto. Celebre la proposta di Steffan Di Mistura che nell’imminenza della liberazione della città di Aleppo dai terroristi di al Nusra, propose l’”amministrazione autonoma” di Aleppo est.

Circa il nuovo inviato, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha detto che porta al lavoro decenni di esperienza politica e diplomatica per il suo governo e le Nazioni Unite.

Questi gli incarichi ricoperti in precedenza da Pedersen, desunti dal sito ufficiale dell’ Onu:

Pedersen porta in questa posizione decenni di esperienza politica e diplomatica, avendo prestato servizio sia a livello di governo che delle Nazioni Unite, recentemente come ambasciatore norvegese presso la Repubblica popolare cinese (dal 2017) e come rappresentante permanente della Norvegia presso le Nazioni Unite ( Dal 2012 al 2017).

Mr. Pedersen ha servito le Nazioni Unite in vari ruoli, tra cui come coordinatore speciale per il Libano (dal 2007 al 2008) e come rappresentante personale del Segretario generale per il Libano meridionale (dal 2005 al 2007). Ha anche lavorato come direttore della divisione Asia e Pacifico nel Dipartimento per gli affari politici.

Tra il 1998 e il 2003, Pedersen è stato rappresentante norvegese presso l’Autorità palestinese. Dal 1995 al 1998 ha ricoperto diversi incarichi presso il Ministero degli Affari Esteri del suo paese a Oslo, tra i quali il Capo di Stato Maggiore del Ministero degli Affari Esteri norvegese.

Nel 1993 è stato membro della squadra norvegese ai negoziati di Oslo che ha portato alla firma della Dichiarazione dei principi e al riconoscimento reciproco tra l’Organizzazione per la liberazione della Palestina (OLP) e Israele.

Nato a Oslo il 28 settembre 1955, è sposato e ha cinque figli.

alcuni articoli correlati su DE MISTURA: De Mistura: ”i missili ed i mortai dei ribelli sono più precisi”…
Vedi anche: Avvenire – intervista a De Mistura senza toccare i punti cruciali.