Siria – I jihadisti contrattaccano sul Monte Zuweikat nelle montagne di Latakia

Hasaka . Le forze governative e l’ SDF hanno respinto un attacco dei militanti filo-turchi (TFSA) contro i villaggi di Dawoudiyah e Arishah, situati a nord della città di Al-Tamr.

Gli elicotteri militari russi sono stati avvistati sabato sulle posizioni dei militanti pro-turchi (TFSA) nell’area di Al-Tamr.

Domenica un convoglio militare americano è entrato nella città di Qamyshly e si è diretto ad est verso i giacimenti petroliferi nella parte orientale della provincia.

A nord della città di Al-Hasak, è stato operato un attentato: è esploso un ordigno piazzato su una moto parcheggiata.

Raqqa . I militari russi del Centro per la riconciliazione dei partiti in guerra (CPVS) hanno portato aiuti umanitari nella città di Ain Isa, nella provincia di Rakka, nel nord della Siria, dove fino a poco tempo fa c’erano scontri tra sostenitori dell’organizzazione terroristica dell’ISis e truppe curde.

I militari russi hanno distribuito 3.000 pacchetti di riso, farina e conserve alla popolazione . La distribuzione è stata progettata ripetersi per diversi giorni.

L’azione umanitaria si svolge per la prima volta nell’area vicino alle azioni delle forze armate turche.Per questo – riferisce  l’ufficiale del CPVS Sergey Zinchenko all’agenzia TASS – , è stata prestata particolare attenzione alla costruzione di un dispositivo di sicurezza durante l’azione umanitaria. La colonna dell’aiuto umanitario sulla terra era accompagnata dall’equipaggiamento della polizia militare della Federazione Russa e da copertura aera – operata agli elicotteri da combattimento delle forze aerospaziali russe, che sono scesi a quote estremamente basse per garantire sicurezza.

I residenti locali testimoniano che prima che le formazioni curde le sconfiggessero, i militanti dell’ISIS usavano Ain Isa come base.  L’ISIS nel periodo di occupazione ha sottratto cibo agli abitanti locali, privato loro dell’accesso all’acqua potabile, distrutto le infrastrutture e danneggiato i sistemi di irrigazione.

L’esercito siriano è entrato in Ain Isu nell’ottobre 2019.

Nel video un  convoglio militare russo si sposta da Raqqa ad Hasaka.

Latakia . Le unità d’élite dell’esercito siriano domenica hanno stabilito il controllo sulla regione montuosa di Zuweikat (Zuwayqat) nel nord della provincia di Latakia. Secondo il portale di notizie Al Masdar, bande terroriste del gruppo Jebhat al-Nusra – che avevano contrattaccato –  si sono ritirate sotto i colpi delle forze governative si sono ritirate a Kabani (è una città siriana nel distretto di Al-Haffah nel Governatorato di Latakia. – 902 persone nel censimento del 2004) , dove si trova il loro avamposto principale.

Secondo il portale, l’aeronautica militare siriana ha sostenuto le forze aeree russe, di conseguenza è stato possibile distruggere diversi tunnel nelle aree montuose lungo le quali viaggiavano i militanti e sui punti ove sparavano i cecchini. Le bande jiahdiste  hanno subito perdite di personale e attrezzature.

Giovedì i combattimenti sono ripresi su questa sezione del fronte . Le forze siriane hanno preso un  avamposto a Kabani  che copre il passaggio al valico di montagna strategico Jisr al-Shugur sull’autostrada Latakia-Aleppo, che è stato nelle mani delle formazioni Jebhat al-Nusra e del Partito islamico del Turkestan, composto da mercenari uiguri (essi originari della regione autonoma dello Xinjiang nel nord-ovest della Cina ).

Tutti i precedenti tentativi delle forze governative di scacciare i militanti da Kabani non hanno avuto successo.

I jihadisti lanciarono un contrattacco per respingere la presa del monte  Zuweikat. I militanti di Tharir al Sham ( HTS)  continuano ad attaccare l’esercito siriano sul versante settentrionale della montagna.

Hama . I combattenti dell’ISIS sono riapparsi nella provincia ed hanno aperto il fuoco su una pattuglia militare siriana nel villaggio di Al-Ayyour.

“Quando la pattuglia è arrivata alla periferia del villaggio, siamo stati sottoposti a pesanti bombardamenti da parte di diverse persone armate che si trovavano sulle colline circostanti il ​​villaggio. Quindi, feroci scontri tra la pattuglia e le persone armate hanno provocato la morte e il ferimento di quattro persone tra le persone armate “, ha detto un giornalista militare.

Quneitra . L’esercito siriano ha rinvenuto  “un altro  deposito lasciato dai jihadisti nella città di Beit Jinn, dove sono stati trovati gran numero di armi e munizioni ”

Fonte di informazioni:http://anna-news.info/operativnye-svodki-po-sirii/