Siria – Hayat Tahrir al-Sham (HTS) cerca un collegamento più stretto con altre fazioni armate

HTS

Il gruppo terroristico HTS, dopo aver collaborato con gli USA per l’uccisione del leader dell’ISIS, ha avuto un’altra delle sue “geniali idee” per essere messo fuori dalla lista delle organizzazioni terroristiche: cambiare semplicemente bandiera e brand da HTS a “Brigate di resistenza popolare” (Saray al-Mukawama ash-Shaabiya). Probabilmente con il placet almeno della Turchia.

Secondo alcuni rapporti, il gruppo Hayat Tahrir al-Sham (HTS), che controlla la maggior parte della zona di de-escalation di Idlib, si sta consultando con i rappresentanti delle fazioni dell’esercito nazionale siriano per un coordinamento più stretto.

Questo potrebbe diventare la base per la creazione di un’amministrazione civile e militare unificata che governerà i territori non controllati dal governo siriano nella Siria nordoccidentale.

Il prossimo ciclo di consultazioni tra l’HTS e il Movimento di liberazione di Tayrun si è svolto a marzo.

Il movimento Tayrun si è formato all’interno dell’esercito nazionale siriano sostenuto dalla Turchia alla fine del 2021 dopo la fusione di Faylak ash-Sham, Sultan Murad, Al-Muntaser Billah, Suwar ash-Sham, Liva ash-Shamal”, “Division 9” .

Il Movimento di liberazione di Teirun, formato all’inizio del 2022, comprendeva anche il Fronte di liberazione siriano, creato nel settembre 2021, che univa le fazioni dell’SNA Sultan Suleiman Shah, Al-Hamza, Al-Mutasem, “Sukur ash-Shamal”, “Division 20” .

Nello stesso tempo, i rappresentanti dell’SNA cercano di non pubblicizzare tali contatti con l’HTS e di negarli.

A sua volta, da parte dell’HTS, un passo verso l’unificazione con il SNA potrebbe essere la riformattazione dello stesso HTS nel cosiddetto. “Brigate di resistenza popolare” (Saray al-Mukawama ash-Shaabiya).

Inizialmente, queste brigate sono apparse nel 2019 come strutture ribelli ausiliarie che erano impegnate a costruire fortificazioni e supportare l’opposizione armata e l’HTS nei settori secondari del fronte. Allo stesso tempo, queste unità iniziarono gradualmente a trasformarsi in vere e proprie unità indipendenti di autodifesa locale, schierate dai residenti locali (come è stato dichiarato) in molti insediamenti.

Formalmente, le Brigate non sono associate a nessuno dei gruppi e non ricevono alcun supporto esterno o interno, si basano sui propri sforzi e sulle donazioni della popolazione e sono, secondo le dichiarazioni, “equidistanti da tutti i gruppi militari in i territori liberati».
Tuttavia, sia la Turchia che l’HTS potrebbero essere interessati a creare tali strutture, che saranno in grado di utilizzare queste Brigate come “solvente” per l’HTS.

Cioè, possiamo parlare del fatto che le formazioni HTS passeranno gradualmente sotto la bandiera delle Brigate. E a un certo punto, la Turchia dichiarerà che non ci sono più formazioni armate HTS a Idlib, ma solo Saraya al-Mukawam ash-Shaabiya, che poi si unirà all’SNA.

VP news

Exit mobile version