SIRIA / Hasaka – Attacco ISIS alla prigione, liberati 800 jihadisti, 3.500 famiglie fuggono

SIRIA / Hasaka - Attacco ISIS alla prigione, liberati 800 jihadisti, 3.500 famiglie fuggono 2

Nella provincia siriana di Hasaka, nella notte tra il 20 e il 21 gennaio, è stata attaccata da Daesh la prigione nella località di Al-Sinaa, che conteneva fino a 5.000 militanti dell’Isis catturati, tra cui un migliaio di terroristi stranieri.

Il Ministero degli Affari Esteri siriano ha informato l’ONU e la CPI della catastrofe umanitaria di Hasaka, dove prima c’è stato un attacco terroristico alla prigione per terroristi Geweran organizzata da curdi e americani, e dopo la cattura della prigione da parte dell’ISIS, diversi giorni di i combattimenti si conclusero con i bombardamenti degli americani e con la fine dei combattimenti. Nel frattempo, diverse migliaia di famiglie sono fuggite dai campi di battaglia nelle aree controllate dall’esercito siriano.

Lo Stato Islamico , attraverso la sua agenzia di stampa Al-Amaq, ha rilasciato un comunicato ufficiale in cui afferma che due attentatori suicidi hanno preso parte all’assalto. Abu Abd Rahman al-Muhajira e Abu al-Faruq al-Muhajira si sono fatti esplodere in due camion fuori dalle mura della prigione. Successivamente, le squadre d’assalto hanno fatto saltare in aria un camion di carburante e hanno dato fuoco ai pneumatici per complicare il lavoro dell’aviazione americana. Un altro distaccamento ha preso d’assalto la stazione di polizia di fronte al carcere, che non ha avuto il tempo di venire in aiuto dei curdi a guardia della prigione.

I prigionieri hanno dato fuoco alla prigione nel tentativo di distrarre le guardie, e gli 80 militanti IS attaccanti hanno fatto ulteriori brecce nella recinzione con l’aiuto di attrezzature da costruzione e hanno trattenuto i rinforzi delle Forze democratiche siriane ( SDF ).

Nel frattempo, gli ex terroristi catturati hanno fatto irruzione nelle stanze delle armi. Hanno catturato il capo della prigione e diverse dozzine di guardie, che hanno anche portato via le loro armi. Successivamente, il capo e parte della guardia furono giustiziati e i restanti 23 combattenti delle SDF divennero ostaggi.

I terroristi hanno iniziato a ritirare i prigionieri dal carcere, mentre allo stesso tempo prestavano loro giuramento. I liberati fecero bayat (giuramento) per combattere fino alla morte e continuare a ostacolare la “Jihad”. In totale, sono stati liberati oltre 800 ex militanti.

Nel frattempo, la dirigenza delle Forze democratiche siriane (SDF) ha nascosto quanto stava accadendo, affermando che erano fuggite solo 20 persone, di cui tre erano già state catturate e tre erano state eliminate.

I terroristi in fuga hanno organizzato battaglie di strada nella città di Hasaka. Inoltre, diventano vittime i civili che vivono nell’area del quartiere di Gweiran e cadono sotto gli attacchi aerei statunitensi. I corpi dei morti giacciono impuri nelle strade.

In soli tre giorni, dalla presa del carcere, i militanti dell’Is hanno già ucciso più di 200 curdi (le SDF ne affermano circa 20), ne hanno feriti centinaia, hanno distrutto 25 equipaggiamenti e ne hanno presi altri 4 come trofeo. I jihadisti continuano a opporre resistenza armata nel carcere e in alcuni edifici vicini alla struttura.

Attualmente, le ostilità continuano nella città di Al-Hasakah. Per contrastare i militanti, le forze democratiche siriane hanno trascinato nel villaggio veicoli blindati, compresi i carri armati. Elicotteri e aerei dell’aeronautica americana stanno attaccando gli edifici dove si sono rifugiati i jihadisti. La dirigenza delle SDF ha invitato i militanti asserragliati nel carcere a deporre le armi.

(da Free News)

Il ministero degli Esteri della SAR ha informato i rappresentanti delle Nazioni Unite e delle organizzazioni internazionali sulla catastrofe umanitaria di Hasaka

Damasco – SANA

24-01-2022

Il Ministero degli Affari Esteri e degli Emigranti della SAR ha invitato i rappresentanti delle organizzazioni internazionali operanti in Siria, in particolare le organizzazioni del sistema ONU, il Comitato Internazionale della Croce Rossa, la Società della Mezzaluna Rossa siriana e il Fondo di sviluppo siriano, a un incontro di emergenza presso la residenza del Dipartimento. È stato convocato un incontro urgente a causa della situazione pericolosa e terribile che si è sviluppata ad Hasaka a causa dell’attacco dei gruppi terroristici armati Daesh e delle azioni del gruppo separatista Qasad e delle forze di occupazione americane.

Una dichiarazione del ministero degli Esteri, di cui una copia è stata ottenuta dalla SANA, afferma che l’attacco ad Hasaka ha causato vittime e feriti, anche tra bambini, ha causato ingenti danni alle infrastrutture della provincia e ha causato lo sfollamento di migliaia di famiglie siriane in aree controllate dallo stato in ricerca di sicurezza e protezione.

Durante l’incontro, il direttore del Dipartimento delle Organizzazioni Internazionali presso il Ministero degli Affari Esteri della SAR ha informato i presenti, in particolare membri delle organizzazioni del sistema ONU, della necessità di adottare tutte le misure per fornire urgente assistenza alla popolazione civile e di rivolgersi le conseguenze di questa catastrofe umanitaria di emergenza alla luce delle condizioni meteorologiche avverse in cui migliaia di sfollati, famiglie siriane in fuga dal terrorismo, e condannando fermamente le azioni delle forze di occupazione statunitensi, Qasad e Daesh.

È stato inoltre sottolineato che il principale fattore che ha aggravato la situazione umanitaria in questa regione è l’introduzione da parte dei paesi occidentali, in particolare degli Stati Uniti d’America, di sanzioni coercitive unilaterali contro la Siria e il suo popolo.

Yu.K./A.A.

3.500 famiglie dei quartieri meridionali di Hasaka ospitate in centri di residenza temporanea

Hasake – SANA

24-01-2022

Il numero dei rifugiati dai quartieri meridionali di Hasaka è salito a 3.500 famiglie. Le persone continuano a spostarsi negli isolati e nelle aree della provincia controllate dallo stato attraverso corridoi sicuri aperti dall’esercito siriano (SAA) per proteggere i civili, per nascondersi dalla minaccia dei gruppi Qasad e dai bombardamenti delle forze di occupazione statunitensi con il pretesto di inseguire i terroristi di Daesh fuggito dal Sanaviya As-Sinai” nel quartiere di Guveyran.

Secondo il Dipartimento per gli affari sociali e il lavoro della provincia di Hasaka, il numero di famiglie sfollate dal sud ha raggiunto le 3.500 dall’inizio degli eventi giovedì scorso. Tutti sono stati collocati in centri di residenza temporanea o nelle case dei residenti locali che hanno accolto le vittime.

Il Direttore degli Affari Sociali Ibrahim Khalaf ha dichiarato in una dichiarazione a un corrispondente della SANA che “a seguito dell’aumento del numero di famiglie sfollate, sono stati aperti due nuovi rifugi temporanei. Il numero totale dei rifugi temporanei è arrivato a 5 in tutta la città e sono in corso i lavori per formare un sesto centro a causa del continuo afflusso di persone dai quartieri meridionali.

Khalaf ha osservato che “il dipartimento, in collaborazione con le agenzie umanitarie della Mezzaluna Rossa Siriana, associazioni di beneficenza e civili, sta lavorando per fornire cibo e cure mediche alle famiglie sfollate nei centri di detenzione temporanea”. Saranno inoltre supportati in tutti i bisogni e le esigenze urgenti.

Issa Khalaf, direttore del dipartimento sanitario provinciale di Hasake, ha affermato che “il centro medico modernizzato e il centro di emergenza della città continuano a curare e fornire assistenza medica agli sfollati interni e ai cittadini”.

Majed Fasih, capo del dipartimento della panetteria, ha affermato che “la panetteria di Hasaka sta operando alla massima capacità, cuocendo 27 tonnellate di pane al giorno per soddisfare le esigenze delle famiglie sfollate e dei residenti”. Secondo lui, lo stato fornisce tutto il necessario per questo.

A loro volta, le persone che arrivano ai centri di accoglienza hanno chiesto alle organizzazioni umanitarie internazionali che operano nella provincia di intervenire e dare una mano a sostegno degli sforzi in corso per proteggerle. Chiedono alle organizzazioni internazionali di entrare nei quartieri meridionali della città, che versano nelle condizioni più difficili a causa degli ostacoli delle forze del Kasad all’ingresso e all’uscita della popolazione. È particolarmente difficile per gli anziani e i malati che non possono partire. (http://sana.sy/en/?p=261462)

Yu.K./SF

La situazione non è ancora stabilizzata

I terroristi si vantano di aver liberato oltre 800 terroristi e ucciso 200 uomini delle milizie SDF filoamericane. Da parte loro le forze SDF affermano che 84 terroristi, 45 curdi e civili sono stati uccisi. Un’altra fonte dice che la lotta non è ancora del tutto esaurita, e dopo che gli americani hanno bombardato il carcere acquisito dai terroristi, i cadaveri ancora giacciono nelle strade …
Sotto lo slogan “combatti i terroristi fuggiti”, gli americani hanno bombardato quello che potevano: sono arrivati anche a bombardare gli edifici dell’Università di Hasaka e hanno colpito la prigione di  Geweran con le loro bombe.

La pubblicazione Southfront riferisce che “Secondo quanto riferito, i terroristi che hanno resistito nella prigione di Geweran e nelle aree vicine hanno promesso di combattere le SDF fino alla morte, quindi la battaglia potrebbe continuare per diversi giorni.”.

Video dei combattimenti: 1 (https://www.youtube.com/watch?v=NjJrWlCDer8&t=8s); 2 (https://www.youtube.com/watch?v=IaqjqXH-c9I); 3 ( https://www.youtube.com/watch?v=76scmsALKKA ).

Vp News

Exit mobile version