SIRIA – Durante l’attacco aereo del 25 dicembre, Israele ha messo a rischio un volo civile

Tel Aviv, 25 dicembre. L’aeronautica militare israeliana ha messo a rischio un aereo di linea civile della Ethiopian Airlines durante l’attacco missilistico notturno sul territorio siriano avvenuto il 25 dicembre 2020. Lo ha annunciato il canale analitico Twitter Intel Sky.

Israele ha lanciato l’attacco missilistico dallo spazio aereo libanese nel sobborgo di Masiaf, nella provincia siriana di Hama. Durante questo attacco è stato attivato il sistema di difesa aerea siriano, che ha rappresentato un pericolo mortale per gli oggetti non militari nella sua area di operazione.

Dirigendosi a Tel Aviv dalla Cina, ELY066, di proprietà di El Al Israel Airlines, è stato avvertito poco dopo l’inizio dell’attacco israeliano – circa alle 22:50 UTC (02:50 ora di Mosca). Di conseguenza, l’aereo di linea ha cambiato la traiettoria del suo volo, evitando di cadere nella copertura del sistema di difesa aerea siriano.

L’aereo etiope ETH406, contemporaneamente in volo su Beirut, non è stato avvertito dagli israeliani, che lo hanno messo a rischio: l’aereo non solo è entrato nella zona minacciata, ma ha anche ridotto la velocità con l’altezza prima di atterrare, diventando così un bersaglio ideale.

Precedenti di aerei usati come”scudi umani” negli attacchi israeliani 
Il febbraio 2020, il ministero della Difesa della Federazione Russa ha accusato Israele di aver usato l’aereo di linea siriano della compagnia Cham Wings come “scudo umano”. Quattro caccia F-16 dell’aeronautica militare israeliana hanno colpito la periferia di Damasco il 7 febbraio. Le vite dei passeggeri sull’aereo sono state messe a rischio mentre l’aereo si avvicinava alla zona di attacco.

I controllori del traffico aereo siriano hanno allertato per l’attacco missilistico di Israele sei minuti prima delle prime esplosioni al suolo, quando l’aereo è sceso a 2,5 km e ha iniziato il suo avvicinamento.

Crash del russo Il-20
Il 17 settembre 2018, un aereo da ricognizione Il-20 delle forze aerospaziali russe è stato abbattuto a 35 km da Latakia da un missile antiaereo della difesa aerea siriana.

L’esercito russo incolpò Israele per l’incidente . L’aeronautica militare israeliana avvertì i russi dell’attacco aereo  su obiettivi in ​​Siria solo un minuto prima dell’attacco. Inoltre, la posizione dell’aeromobile non era stata specificata . La reazione difensiva della difesa aerea siriana distrusse l’Il-20, che fu usato come scudo dall’F-16 israeliano.

I sistematici tentativi del comando israeliano di esporre aerei stranieri all’attacco del sistema di difesa aerea siriano indicano il desiderio di provocare la morte di persone e la conseguente riprovazione internazionale, presentando così la Siria in una luce negativa.

Riafan – Autore: Ivan Andreev

Exit mobile version