Siria: dal cavallo di Troia ad Afrin, la guerra è sempre stata uno stratagemma

[ad_1]

Ho sempre pensato che l’offensiva turca in Afrin fosse solo un altro tentativo di realizzare il piano generale per creare un corridoio nel nord della Siria. I tentativi umanitari sono stati tentati invano prima che iniziassero a parlare di “No Fly Zone”, senza ulteriori risultati. Ieri, il pretesto era Daesh, e oggi sono i curdi a fungere da pretesto, ma la linea di fondo del campo atlantista rimane la stessa, nonostante i discorsi fragorosi di Erdogan, troppo rumorosI per essere sinceri. Solo il futuro ci illuminerà sullo scopo dell’offensiva turca, ma se si scopre che Erdogan era un cavallo di Troia, la guerra in Siria è fuori per un nuovo round, e Afrin sarebbe solo l’inizio, essendo posizionato all’ingresso occidentale del famoso corridoio in attesa di essere collegato alla parte nord-orientale della Siria, dove le forze statunitensi e i loro mercenari sono già schierati. La Francia sta già chiedendo un incontro alle Nazioni Unite, apparentemente per porre fine ai combattimenti, ma è soprattutto per chiedere, ancora una volta, l’istituzione di un corridoio umanitario.  RI  

***

La nostra lettura degli eventi in Siria si è rivelata abbastanza corretta.

Durante il suo incontro con il presidente del Consiglio strategico iraniano, il presidente siriano Bashar Al-Assad ha detto che la recente offensiva turca sulle enclavi curde nel nord della Siria fa parte di un piano USA prestabilito in cui Ankara è contraddittorio e si trova su due posizioni antagoniste e inconciliabili allo scopo di  ingannare Damasco e i suoi alleati a Mosca e Teheran.

Il governo siriano non solo ha condannato con fermezza ciò che ha descritto come aggressione turca su parte di questi territori, ma ha esortato tutte le tribù arabe e turkmene del Nord a sostenere i loro concittadini kurdi di fronte a questa aggressione.

Ciò mette fine ai dubbi sulle reali posizioni del presidente turco Tayep Erdögan, che ha è rimasto su posizioni ondivaghe per 24 mesi. La Turchia è ancora uno dei membri più importanti dell’Alleanza atlantica, ma anche uno dei principali pilastri dell’intera strategia statunitense in Medio Oriente. Erdögan può insultare e diffamare tutti i capi di Stato e di governo europei, criticare fino in fondo l’Europa, elogiare le coraggiose imprese dei coraggiosi sultani ottomani o menzionare il Baraka di Solimano il Magnifico e di Mahmoud il Conquistatore, sarà sempre accolto con grande clamore e inchini in Europa, perché continua a essere uno dei principali attori nel piano generale per ripristinare la supremazia degli Stati Uniti, piano a cui gli europei sono associati come una semplice risorsa utilizzabile e non come partner. Questo spiega in parte il disprezzo infinito di Erdögan per un’Europa fantasma. In effetti, l’Europa non conta più.

L’offensiva limitata delle forze turche su Afrin e il desiderio di creare una fascia isolante di 30 a 45 chilometri nel territorio siriano è solo uno stratagemma per la guerra guerra contro Damasco. La tesi secondo cui la politica americana nella regione si scontra con gli interessi strategici nazionali della Turchia è solo una cortina fumogena volta a decostruire la visione strategica congiunta dell’Asse Damasco-Mosca-Teheran.

Negli stivali turchi a nord di Idlib, gli Stati Uniti hanno visto gli stendardi degli Stati Uniti spiccare sopra gli ICV Stryker di Hasaka – e questo è abbastanza rivelatore della profondità della frustrazione avvertita dalle forze armate statunitensi nella regione e specialmente in Iraq dove ha perso tutto

I turchi hanno stabilito legami economici piuttosto stretti con la provincia ribelle di Idlib in Siria. Ma non solo: Damasco ha vecchie pretese su Alexandretta (Iskanderun) e l’occupazione o il controllo di Idlib è una sorta di pegno sul futuro per una Turchia ossessionata più che mai dal suo passato.

Per la fazione in guerra di Washington, coinvolta da una presidenza ribelle, le cose sono sia più chiare che più complicate: l’obiettivo originale e unico è sempre lo stesso e riguarda un cambio di regime in Siria a beneficio Israele e Arabia Saudita, e qualunque sia il mezzo da utilizzare.

Dal cavallo di Troia ad Afrin, la guerra è sempre stata una serie di stratagemmi più o meno elaborati che gli storici ufficiali del campo dei vincitori si sforzano di lucidare e truccare secondo i bisogni del reggente.

fonte: https://strategika51.wordpress.com/2018/01/21/syrie-du-cheval-de-troy-a-afrin-the-wars-at-every-one-stratageme/

source: Reseau International

[ad_2]

Exit mobile version