Siria – Cosa è successo esattamente il 27 febbraio alle truppe turche?

Descrizione del raid di ieri sui turchi da ‘Al-Monitor’, giornale online statunitense focalizzato sul medioriente.

Che cosa è successo esattamente il 27 febbraio? Verso le 17:00, un battaglione di fanteria meccanizzato turco di circa 400 soldati divenne il bersaglio di un attacco aereo lungo la strada tra Al-Bara e Balyun, a circa 5 km (3 miglia) a nord di Kafr Nabl, nel sud di Idlib. Secondo fonti locali contattate da Al-Monitor, due jet russi Su-34 e due jet siriani Su-22 hanno lanciato un intenso bombardamento di obiettivi dell’esercito nazionale siriano (SNA) supportato dalla Turchia nell’Idlib meridionale, verso le 11 di quel giorno. Fonti hanno riferito che questi stessi aerei sono stati colpiti da un convoglio turco a seguito di un’azione concertata. Inizialmente, l’attacco relativamente leggero del Su-22 costrinse il convoglio a fermarsi, dopo di che i colpi si intensificarono, costringendo i soldati a nascondersi in diversi edifici lungo la strada. Quindi gli aerei russi lanciarono le bombe KAB-1500L, un tipo di bomba bunker a guida laser avanzata in grado di penetrare a una profondità di 20 metri (65 piedi). Due edifici sono crollati a seguito dell’attacco, lasciando i soldati turchi sotto le macerie.

Al Monitor:https://www.al-monitor.com/pulse/originals/2020/02/turkey-syria-russia-deciphering-attack-on-turkish-troops.html#ixzz6FGl074W9