SIRIA – Continuano violenti scontri ad Hasakah, dove la prigione dell’ISIS è stata espugnata

SIRIA - Continuano violenti scontri ad Hasakah, dove la prigione dell'ISIS è stata espugnata 7

Per il settimo giorno continua lo scontro nell’area del carcere di al-Sinaa nella città siriana di Hasakah, che è stata catturata dai militanti dello Stato Islamico, mentre liberavano i loro compagni d’arme. L’assalto notturno curdo al carcere di al-Sinaa si è concluso senza successo: anche i terroristi dell’Isis non sono riusciti a evadere.

Alcuni dei prigionieri ei loro amici dall’esterno si nascondono nel quartiere adiacente alla prigione. Gli americani stanno ancora bombardando e i curdi rapiscono i residenti. L’agenzia SANA riferisce:

“Le forze di occupazione degli Stati Uniti continuano a bombardare edifici e strutture nell’area della prigione di Sanaviya al-Sinaiya nella città di Hasaka, maggiore il che porta a una distruzione ancora degli stessi con il pretesto di seguire i terroristi che ne sono fuggiti .

Un corrispondente della SANA ad Hasaka ha detto che il quinto giorno consecutivo per gli scontri tra i gruppi filoamericani evasi dal carcere, che si nascondono negli edifici vicini. Allo stesso tempo, gli aerei da combattimento americani distruggono edifici residenziali e altri oggetti nelle vicinanze della città, in particolare gli edifici delle facoltà di economia e ingegneria civile, l’edificio principale dell’università e il garage, nonché una serie di residenze ‘area di Az-Zuhur.

Come ha sottolineato il corrispondente, da ieri sera i gruppi del Kasad hanno avviato una campagna di razzie nei quartieri di Guwayran e Az-Zuhur, rapendo diversi e portandoli via in una direzione sconosciuta”.

Hasaka

La situazione attuale da Anna News:

Nella città di Hasakah, situata nel nord-est della Siria, prosegue l”operazione contro i militanti dell’organizzazione terroristica “Stato islamico (IS)”.  Secondo le Nazioni Unite, decine di migliaia di civili sono fuggiti dalla prigione. Nelle battaglie sono coinvolte nell’unità dell’aviazione e delle forze speciali dell’esercito americano.

Il 20 gennaio, militanti dello Stato Islamico hanno attaccato la prigione di Al-Sinaa nella città siriana nordorientale di Hasakah. L’obiettivo dei terroristi era quello di liberare i radicali che sono nella struttura. La prigione era presidiata da gruppi armati curdi delle cosiddette forze democratiche siriane (SDF).

I terroristi hanno utilizzato un’autobomba guidata da un kamikaze. Con l’ indebolimento dell’attacco, termina l’attacco alla prigione. Secondo i dati preliminari, all’attacco hanno partecipato da 80 a 200 militanti. Inoltre, i terroristi sono lì si sono ribellati all’interno del carcere. Insieme, i radicali sono riusciti a catturare il complesso. C’era anche un edificio vicino catturato della Facoltà di Economia dell’università locale. Allo stesso tempo, sono stati catturati più di 20 combattenti curdi. Altre dozzine sono morte. Secondo alcuni rapporti, i terroristi hanno giustiziato alcuni dei prigionieri.

Nella confusione, sono di militanti trattenuti nel carcere sono fuggiti dal carcere. Alcuni di loro sono rimasti coinvolti nel fuoco incrociato e sono morti. La mattina del 21 gennaio i curdi hanno iniziato a setacciare le aree di Hasaka adiacenti alla prigione. Alla fine della giornata, hanno riferito dell’arresto di 89 radicali fuggiti.

Tuttavia, gli scontri in città sono continuati Non è stato possibile liberare l’edificio del carcere di As-Synaa. Aerei ed elicotteri americani sono stati usati per attaccare i militanti dell’ISIS. È interessante notare che i terroristi hanno cercato di colpirli con il fuoco di armi leggere, ma non hanno avuto successo. Insieme agli attacchi aerei, i piloti hanno lanciato volantini in cui esortavano la popolazione locale a riferire informazioni sui movimenti dei militanti ai combattenti dell’SDF.

Per liberare l’edificio del complesso carcerario, le formazioni curde hanno utilizzatori veicoli blindati. Sono stati coinvolti veicoli corazzati e un veicolo da combattimento di fanteria con una mitragliatrice pesante montata su di esso in modo artigianale. I veicoli blindati vengono utilizzati per sopprimere i punti di fuoco dei terroristi.

La mattina del 25 gennaio è apparsa in rete una foto in cui i curdi trasferiscono un carro armato nel carcere di As-Synaa. Tuttavia, nonostante la superiorità aerea, ugualmente i combattenti curdi non sono riusciti a spezzare la resistenza dei terroristi.

La mattina del 25 gennaio, fonti delle SDF affermano che 175 militanti erano stati uccisi durante gli scontri e più di 300 si erano arresi. Le perdite delle formazioni curde ammontano a 27 persone uccise. Tuttavia, l’Osservatorio siriano per i diritti umani ha pubblicato altri dati sulle vittime, secondo i quali le SDF hanno perso 39 combattenti. Nello stesso tempo, 77 terroristi dell’Isis sono stati uccisi. Ci sono anche vittime tra la popolazione locale. Queste vicende città hanno portato all’emergere di nuovi rifugiati. Il loro numero, secondo l’Onu, può essere di 45mila persone.

Video: assalto alla prigione di Al-Sinaa, detenuta dai terroristi dell’IS. Coinvolto BMP M2A3 Bradley Forze armate statunitensi

Per ora, i militanti dell’ISIS resistono. Oggi gli aerei americani hanno lanciato di nuovo attacchi, i cui obiettivi sia il carcere di As-Synaa che il edificio della Facoltà di Economia dell’università locale.

mappa prigione

Fonti curde affermano di essere riuscite a concordare la resa degli ultimi 250 militanti a difesa del carcere di Al-Synaa. Tuttavia, queste affermazioni dovrebbero comunque essere trattate in modo critico.

In generale, quanto accaduto ad Hasaka ha dimostrato che, nonostante l’eliminazione delle enclavi territoriali dei terroristi dello “Stato islamico”, questi ultimi continuano ad essere attivi in ​​​​Sria. Sono riusciti a impadronirsi di una struttura protetta nel centro provinciale e a trattenerla per diversi giorni. A loro volta, le formazioni curde non solo non sono riuscite né a impedire l’attacco, né – nonostante l’aiuto dell’esercito americano – a riconquistare rapidamente la prigione di As-Synaa.

Anna News

Kamikaze dell’ISIS in azione

Dopo il fallimento, le unità delle SDF hanno continuato a sgomberare la città di Hasakah. Nella regione di Gweyran, i curdi hanno eliminato 5 kamikaze che si sono barricati nelle case dei residenti locali. Nella zona di Az-Zuhur sono stati uccisi 9 militanti dell’Is, tra cui due kamikaze. Nel sud della città, vicino al fiume Al-Khabur, sono stati uccisi 3 sostenitori dello Stato Islamico, che stanno pianificando un attacco al cordone attorno al carcere di Al-Sinaa.

Nel frattempo, lo Stato Islamico ha rilasciato una dichiarazione invitando i suoi sostenitori a organizzare la resistenza in tutta Deir ez-Zor. A loro volta, le Forze democratiche siriane, in risposta, temendo gli attacchi dell’Isis, hanno imposto il coprifuoco dalle 18:00 alle 06:00 nella città di Hajin.

Exit mobile version