SIRIA – Continua la battaglia di liberazione di Idlib

SIRIA - Continua la battaglia di liberazione di Idlib 1

foto almasdarnews.com

Ecco qui in breve un aggiornamento sulla situazione in atto nelle principali località siriane, tratta dalle notizie diffuse dall’agenzia Anna News e Southfront:

Aleppo. Secondo quanto riferito da Al-Masdar News, una delegazione militare russa è arrivata nella città di Azaz in mano ai militanti filo-turchi. La delegazione ha incontrato i comandanti dell’esercito libero siriano (FSA). Secondo la fonte, la delegazione russa ha discusso delle prospettive per la regione di Afrin e del suo trasferimento al governo siriano. Secondo la fonte, l’esercito russo ha richiesto che i militanti si trasferissero Afrin in cambio delle regioni settentrionali della provincia di Aleppo.

Idlib. Le truppe turche si trovano nel villaggio di Maharatat a sud di Idlib. I terroristi dei gruppi estremisti Horace ad-Din e Ansar ad-Din hanno attaccato martedì le posizioni dell’esercito siriano ad est della città di Khan Sheikhun, nel sud della provincia. Al Hadas ha riferito che l’attacco dei militanti è stato inaspettato. Le forze governative hanno sviluppato con successo l’offensiva in direzione della città di Maaret-Naaman, a 25 km da Khan Sheikhun, negli ultimi tre giorni. Intensi combattimenti sono scoppiati  attorno agli insediamenti di Salumiya, Tell-Merek, Jadwiya e Shim el-Hawa. I terroristi hanno sparato contro contro le unità dell’esercito siriano (SAA)  con un forte fuoco di artiglieria, sperando di riportare questi villaggi al loro controllo. I jiadisti sono riusciti a distruggere diverse unità di veicoli corazzati SAA. A seguito dell’attacco per sostenere l’esercito siriano, è stata chiamata l’aviazione .

Durante l’attacco delle posizioni delle truppe governative nell’area dell’insediamento di Abu Dali I combattenti dell’HTS hanno usato un’auto bombardata suicida (SVBIED). Le forze terrestri e aeree siriane hanno sparato contro le posizioni e le roccaforti dei militanti dell’alleanza islamista HTS nel sud di Idlib. Secondo i media statali siriani, martedì il nemico ha subito pesanti perdite , la sua linea di difesa nel sud di Idlib è completamente distrutta.

Nella zona di insediamento Abu Dali, i jihadisti hanno perso due unità di veicoli corazzati. I terroristi hanno subito le perdite più pesanti nell’area di Al-Taman, nel sud di Idlib, dove sono stati uccisi almeno 20 militanti. Il quotidiano siriano Al-Watan riporta che l’Aeronautica militare SAR ha attaccato le posizioni dei terroristi a sud di Idlib, tra cui Jarnaz, Kafar Sayn, Al-Taman e le aree circostanti della città di Maaret al-Numan. Nella zona della cittadina di Khan Sheikhun nel sud della provincia, il gruppo FNL filo-turco ha sparato contro l’esercito siriano con lanciarazzi multipli  MLRS. Inoltre, è stato preso di mira anche il checkpoint SAA ad est della provincia vicino ad Al Salmiya.

L’analista Sfefano Orsi nella sua consueta Sitrep segnala che l’altro ieri “le forze speciali siriane Tigre hanno attaccato alla roccaforte di Al Tamnah. In particolare “le Unità Tigre sono entrate all’interno di Kuwain al Kabyr e non si sono fermate, hanno allungato il passo conquistando le fattorie di Al Tamnah e sono avanzate in profondità arrivando a prendere il controllo del villaggio di Ard az Zurzur” .

Latakia. Continuano feroci battaglie delle forze siriane con i militanti per la riconquista della città di Kabani.

Hasaka. L’agenzia SANA ha segnalato che martedì è avvenuta  una esplosione  nella città di Al-Shaddadi. Come conseguenza, almeno sei persone sono rimaste ferite e sono state ricoverate in ospedale. Alcuni di loro sono in gravi condizioni. Secondo SANA l’attentato è avvenuto tramite una moto minata posizionata su una delle strade della città. Nessun gruppo militante ha ancora rivendicato la responsabilità dell’incidente.

Deir ez-Zor. I terroristi dell’ISIS hanno attaccato le truppe siriane nelle aree di Al-Jalaa e Badiyah Al-Mayadeen, uccidendo e ferendo diversi soldati.

Raqqa. L’autorità di difesa dell’Amministrazione autonoma della Siria settentrionale e orientale ”ha annunciato l’attuazione della prima fase di un accordo tripartito sulla sicurezza delle frontiere, in base al quale YPG e armi pesanti devono essere evacuate dalle aree di Ras al-Ain (Ras al-Ayn) e Tel Abyad (Tel Abyad) , insieme alla rimozione di numerosi posizioni  ovvero tumuli di terra che fungevano da postazioni. A Tabka, i capi delle tribù arabe – Wahab, Haviyat e Sokhna, hanno dichiarato la loro solidarietà con l’SDF e la loro determinazione a combattere l’invasione turca.

Eliminato uno dei principali leader della NFL

Le forze speciali russe durante un raid di successo dietro le linee nemiche nel nord-ovest di Hama hanno eliminato Mohamad Turki, uno dei principali comandanti delle forze filo-turche turco .

Secondo le informazioni disponibili, un’unità delle forze speciali russe, equipaggiata con occhiali per la visione notturna e silenziatori, è penetrata nelle difese dei militanti radicali vicino alla città di Alhakor nelle prime ore del 28 agosto. Inoltre, contemporaneamente è stata presa  d’assalto una posizione chiave chiamata Jaish al-Nasir.
Fonti associate a Jaish al-Nasir hanno ammesso che il comandante Mohamad Turki, insieme a due delle sue guardie del corpo – identificate come Jihad Nasar e Brazi Huran – sono stati uccisi.

Jaish al-Nasir è un posto chiave del cosiddetto Fronte di liberazione nazionale (NFL), che si è formato lo scorso anno con il sostegno diretto della Turchia.
La NFL attualmente supporta Hayat Tahrir al-Sham (HTS) e altri gruppi terroristici legati ad al-Qaeda nella Grande Idlib. Ciò ha reso la coalizione un obiettivo per l’esercito arabo siriano (SAA) e le truppe russe.

https://southfront.org/russian…ter-idlib/

Infine è da segnalare la mancata attenzione da parte dei media nazionali dei servizi del reporter di guerra Gian Micalessim, che si trova ora in zona di operazioni in provincia di Idlib. Finora solo alcune TV straniere hanno riportato alcuni suoi servizi in zona. Voglio solo sperare che i report saranno mostrati al suo rientro e che si tratti solo di precauzioni o di fattori tecnici.

fonti: Anna News, Southfront

Exit mobile version