Siria – Com’è la situazione oggi a Madaya? L’intervista

Madaya è una piccola città montana della Siria, ubicata ad una altitudine di quasi 1,400 metri. La città amministrativamente appartiene al Governatorato del Rif di Damasco, e sorge a circa 50 km a nord-ovest di Damasco, in prossimità del confine con il Libano.  Madaya era occupata da due milizie takfiri: Ahrar al-Sham e il suo alleato fronte al-Nosra, ramo siriano di Al Qaeda. Queste formazioni era giunte  a questa città dopo essere fuggiti i combattimenti nella vicina città di Zabadani contro l’esercito siriano e i combattenti  Hezbollah.
La sofferenza che i terroristi hanno causato alla popolazione civile è indicibile: a lungo si sono rifiutano di evacuare, e anche far uscire la gente. Queste sono le ragioni che spinsero l’esercito siriano ed Hezbollah  a mettere il villaggio sotto assedio. Dal momento che queste milizie presero in ostaggio la sua popolazione monopolizzarono gli aiuti alimentari che vengono inviati all’interno di Madaya. E invece di distribuirli, vendevano gli aiuti” (al Manar).
Il 14 aprile 2017 è stato implementato l’ accordo di cessate il fuoco di Zabadani del 2015 e 60 autobus hanno trasportato 2.350 persone, tra cui 400 terroristi, da Madaya e Zabadani a Idlib: per la popolazione, finiva un incubo.
Il giornalista inglese Aymenn Jawad Al-Tamimi ha intervistato un abitante di Madaya che riferisce la situazione attuale.

@vietatoparlare

dal Blog di Aymenn Jawad Al-Tamimi

Madaya è una città situata nella campagna di Damasco vicino al confine con il Libano. Come la vicina città di al Zabadani, c’erano speculazioni su una re-ingegnerizzazione settaria di Madaya attraverso l’insediamento di sciiti nella città. Tali affermazioni sono infondate.

Per saperne di più sulla situazione attuale in Madaya, ho intervistato un residente della città il 26 agosto 2019. L’intervista è leggermente modificata e condensata per chiarezza. Qualsiasi inserimento tra parentesi  quadra è mio.

D: Com’è la situazione generale in Madaya?

A: Lode a Dio, le cose stanno migliorando.

D: Qual è il numero di abitanti attualmente?

A: Non ci sono stati sondaggi ufficiali dopo la crisi. Come in tutte le guerre le persone sono morte e le persone se ne sono andate. Circa 12.000 abitanti. Non un numero confermato ma qualcosa di approssimativo. Molti sono tornati ma non tutti.

D: Come sono l’elettricità e l’acqua in città?

A: L’elettricità tra noi è come la città di al-Sham [Damasco]: razionamento ordinario. L’acqua è disponibile

D: L’acqua proviene da pozzi statali?

A: L’acqua era scarsa l’anno scorso ci arrivava scarsa. Quest’anno il Signore ha avuto pietà di noi e ha fatto piovere [e la situazione è migliorata], lode a Dio.

D: Sì, ma l’acqua potabile proviene da pozzi statali?

A: No a Madaya ci sono quattro sorgenti naturali.

D: Quali sono stati i più grandi successi del consiglio comunale di recente?

A: L’ufficio municipale di Madaya ha riparato le strade e ripulito la zona dai detriti di guerra. Hanno rimosso tutto i residui della guerra da noi. Hanno pulito le strade e illuminato tutte le strade di Madaya. E fino ad ora stanno lavorando affinché la località torni com’era.

D: Quali sono le maggiori sfide relative ai servizi e alla situazione umanitaria?

A: Attualmente ci sono ancora sfide nella situazione, ma la gente di Madaya è un popolo che ama la vita. Durante un periodo record il suo mercato ha funzionato.

D: Quindi la vita economica è molto difficile.

A: No al contrario, il suo mercato funziona e le persone sono tornate alla ricostruzione. Tutti i negozi di Madaya sono aperti.

D: La crisi del gas e del petrolio ha avuto un impatto sulla vita in Madaya?

A: La spesa è [difficile] per tutte le persone, non solo a Madaya. Come tutta la Siria, ovviamente, l’attività della vita è lenta ma non interrotta.

D: Esistono attualmente organizzazioni o associazioni che operano a Madaya?

A: L’UNICEF delle Nazioni Unite non ha lasciato Madaya: squadre mobili e centri per la rimozione dell’analfabetismo e per l’educazione. Centri di cura sotto la supervisione della Croce [rossa].

Potresti essere sorpreso perché la situazione di Madaya è diversa dal resto dei villaggi vicini: la ragione è che la gente di Madaya ama la vita. Il distretto di Madaya va bene: i mukhtar, la direzione dell’ufficio municipale, tutti al loro posto.

D: Com’è la situazione della sicurezza in Madaya?

A: C’è un checkpoint per l’esercito siriano all’inizio della località e un checkpoint alla sua fine a Baqin.

D: Chi vuole tornare a Madaya ha bisogno di un accordo di sicurezza da parte dello stato siriano?

A: Certo: ci sono persone che sono la causa della distruzione della Siria. Naturalmente non permetteremo loro di tornare in questo modo senza essere tenuti in considerazione. Chi non la coscienza a posto può arrivare ai confini e nessuno si scuoterà i capelli dalla testa.

D: Ho visto anche alcune persone della Madaya che ora si sono arruolate nell’esercito arabo siriano e ora stanno combattendo sui fronti di Idlib.

A: Intendi il personale militare.

D: Sì

A: La metà dei giovani di Madaya si è arruolata nell’esercito, perché ciò che l’opposizione ha fatto al tempo dell’assedio a Madaya non può essere perdonato.

Blog di Aymenn Jawad Al-Tamimi

link:http://www.aymennjawad.org/2019/09/the-situation-in-madaya-interview

dati introduzione: wikipedia