SIRIA: Chi sta verificando i verificatori? Nessuno sta verificando i verificatori, che un giorno ci porteranno in guerra ripetendo falsità.

Peter HITCHENS

Sospetto che la terza guerra mondiale inizierà con una presunta atrocità – probabilmente l’uso di gas velenosi da parte di un “regime” contro “il suo stesso popolo”. Queste cose sono ora il modo preferito di fare guerre dove c’era pace.

Le violazioni dei confini sono passate di moda anni fa. Le invasioni sono illegali ai sensi della Carta delle Nazioni Unite. Le “armi di distruzione di massa” susciteranno per sempre risate vuote. Ma la democrazia ha bisogno di un pretesto popolare per la guerra e la disumanità del nemico è quasi invariabilmente efficace.

Ecco perché è piuttosto importante che le persone di cui ci fidiamo per verificare tali affermazioni siano oneste e affidabili. Per chi verificherà i verificatori? Ignora questa piccola questione e potremmo cancellare il mondo per errore, prima di quanto pensi.

Da qui nasce la storia di uno dei maggiori scandali meno coperti del momento. A parte Tucker Carlson nel suo show su Fox, nessun giornalista negli Stati Uniti lo ha ancora toccato. Le cose non vanno molto meglio in Europa.

Inizia il 7 aprile 2018, quando i social media, rapidamente seguiti da network di notizie professionali, hanno iniziato a diffondere rapporti strazianti di omicidi di massa a gas nel sobborgo di Damasco a Douma. Sono stati segnalati molti decessi. Sono subito apparsi film di dilettanti che mostravano i morti, orribili da vedere, alcuni dei quali bambini, con schiuma alla bocca. Il presidente Trump reagì rapidamente, twittando “Molti morti, tra cui donne e bambini, in un insensato attacco CHIMICO in Siria. L’area di atrocità è chiusa e circondata dall’esercito siriano, rendendola completamente inaccessibile al mondo esterno. Il presidente Putin, la Russia e l’Iran sono responsabili del sostegno all’animale Assad. Grande prezzo da pagare. Aprire immediatamente l’area per assistenza medica e verifica. Un altro disastro umanitario senza alcun motivo”. SICK!’

Trump non aspettò alcuna verifica. Nel giro di una settimana, gli Stati Uniti avevano inondato la Siria di missili stipati di esplosivi. Francia e Gran Bretagna inghiottirono tutti i dubbi che potevano avere e aggiunsero le loro piccole salse, nella solita coalizione del sicofanico [sicofante o sicofanta​ (in greco συκοφάντης sykophantes) era un denunciante professionale]

Ma poi sono iniziati i problemi. In realtà è illegale bombardare i paesi sovrani se non si ha una chiara giustificazione. E nessuno sapeva davvero cosa fosse successo a Douma. Non c’erano fonti occidentali indipendenti lì al momento della presunta atrocità. Le notizie provenivano  dalla famigerata milizia jihadista selvaggia,  Jaysh al Islam , che poi occupava l’area. I giornalisti che ne scrissero con tanta fiducia non erano in nessun caso più vicini di Beirut, a 85 miglia di distanza. Molti di loro erano ancora più distanti, a Istanbul, Londra e New York. Le fonti che descrissero dalla posto erano senza nome e incontrollabili. Per quanto riguarda i film, non c’era modo di sapere con certezza dove fossero stati realizzati o come.

È per risolvere dubbi come questo che la maggior parte delle nazioni del mondo – tra cui gli Stati Uniti – pagano per i servizi imparziali di verifica offerto dall’Organizzazione per il divieto delle armi chimiche (OPCW). Dal suo quartier generale a forma di fungo a L’Aia, capitale dei Paesi Bassi, l’OPCW ha inviato un piccolo team di esperti. I jihadisti erano spariti. L’area era chiara. Sono stati in grado di ottenere un accesso rapido.

Alla fine di giugno di quell’anno avevano compilato il loro rapporto. Non conteneva segni della supposta “pistola fumant”. Piuttosto il contrario. Nessuna traccia di sarin – nonostante il fatto che i cadaveri nei film mostrassero sintomi normalmente associati a quel gas crudele. E lì non c’era più cloro che potresti trovare nella tua cucina. Era presente solo in oligoelementi, parti per miliardo, e in forme così comuni che poteva venire dalla candeggina per uso domestico.

E poi gli scienziati hanno scoperto di aver trovato la risposta sbagliata. Un’indagine equa diligente non era affatto desiderata. Grazie a un informatore coraggioso, che ha trasmesso i dettagli, io e un piccolo numero di altri giornalisti abbiamo riferito questa settimana che è accaduto qualcosa di vergognoso all’interno dell’OPCW. Un nuovo rapporto era stato preparato per la pubblicazione. Era una parodia di ciò che gli investigatori avevano scritto. Il loro attento, imparziale lavoro era stato spazzato via da persone o persone sconosciute. Il loro documento era stato tagliato e censurato per rimuovere informazioni cruciali, in particolare che le tracce di cloro erano minuscole.

Ci sono state proteste. In risposta, un gruppo di tre funzionari statunitensi non identificati apparve inaspettatamente all’edificio di alta sicurezza dell’OPCW. Secondo uno scienziato presente, questi uomini hanno semplicemente detto loro che il regime siriano aveva condotto un attacco di gas. Anche dopo questo, la lotta per la verità è andata avanti. Gli alti funzionari hanno infine promesso – dopo molte discussioni – di includere le informazioni chiave sulle minuscole tracce di cloro nel rapporto che stava per essere pubblicato. La promessa è stata immediatamente rotta.

Il documento che fu finalmente rilasciato era convenientemente vago e le principali organizzazioni di stampa si affrettarono a decidere, in modo abbastanza errato, che era stato detto dall’OPCW  che era stato usato il cloro gassoso. In realtà, non è stato mai detto nulla del genere. Dobbiamo chiederci quante agenzie, emittenti e quotidiani principali abbiano raggiunto tutti questa conclusione errata da queste poche vaghe parole “Sono stati trovati vari prodotti chimici organici clorurati nei campioni delle Posizioni 2 e 4”. Ma lo hanno fatto.

Ora è stato stabilito senza dubbio che il rapporto è stato redatto. Ma la maggior parte delle persone ancora non lo sa, come è stato appena riportato. Perchè è questo? È possibile che molti media, proprio come molti in politica, abbiano investito così tanto nell’indignazione originale che ora non potevano sopportare di scoprire che, in realtà, non c’erano prove adeguate della cosa che avevano sponsorizzato sulle prime pagine e gridavano nei loro bollettini? Erano stati furiosi, giusti e hanno condannato. E infine erano rimasti senza alcuna prova che la cosa fosse persino accaduta.

Sappiamo tutti che la favola di Hans Christian Andersen dei “Nuovi vestiti dell’Imperatore”, che non esistono, e del ragazzino che grida che il potente è nudo, e tutti in città si uniscono al ragazzino. Ma l’esperienza in questo caso mi dice che è tutta spazzatura. In realtà la polizia segreta dell’Imperatore avrebbe arrestato il bambino e suo padre e detto loro di stare zitti. E, naturalmente, i media imperiali avrebbero taciuto sull’incidente, fornendo descrizioni dettagliate per i loro lettori del sontuoso abbigliamento del monarca. Così è stato nel caso dell’OPCW. Il fischio fu emesso, ma quasi nessuno lo sentì. Chi sta verificando i verificatori? Nessuno sta verificando i verificatori, che un giorno ci porteranno in guerra – e all’inferno – su una falsità.

spectator.us