Siria – Card. Younan: orribile distruzione di quella regione, tenuta in ostaggio per così tanto tempo dai musulmani radicali

I prelati cattolici in Siria, accompagnati dal cardinale filippino Luis Antonio Tagle, presidente della Caritas Internationale, hanno visitato la regione orientale della Ghouta al di fuori di Damasco e hanno visto “sofferenze indicibili”.

“In ogni volto, soprattutto i bambini”, era un’espressione “molto confusa”, ha detto al Catholic News Service il patriarca siriaco cattolico Ignace Joseph III Younan. La visita del 6 marzo faceva parte della sessione annuale del Consiglio dei capi delle chiese cattoliche in Siria.

Younan ha detto che la reazione generale dei prelati durante la visita a Douma, la principale città di Ghouta orientale, “è stata profonda tristezza e repulsione” nel vedere “l’orribile distruzione di quella regione, tenuta in ostaggio per così tanto tempo dai musulmani radicali”.

Younan ha osservato che “evidentemente, questa visita ha avuto un impatto sul cardinale Tagle, che ha espresso il suo profondo dolore di fronte a tanta sofferenza”, aggiungendo che il cardinale ha paragonato le scene a un terremoto o un tifone.

“Oltre all’assistenza umanitaria tanto necessaria e all’urgente aiuto per ricostruire la loro città, è soprattutto e, prima di tutto, la speranza e la dignità che questa comunità coraggiosa cercava”, ha aggiunto il patriarca.

Oltre a Younan e Tagle, i partecipanti all’incontro e la sensibilizzazione della Ghouta hanno incluso il cardinale Mario Zenari, nunzio apostolico in Siria; Il patriarca melchita cattolico Joseph Absi, che ha ospitato la sessione del consiglio del 4 e 6 marzo presso il patriarcato di Damasco; e vescovi cattolici della Siria.

Ghouta, l’ultimo bastione dei ribelli a est della capitale Damasco, è stato riconquistato dal governo siriano nell’aprile 2018. A un certo punto, secondo le Nazioni Unite, circa 400.000 persone erano sotto assedio in Ghouta. Era il sito di presunti attacchi chimici.

Younan ha caratterizzato la sofferenza nella città come “indicibile”.

“È vergognoso che il cosiddetto mondo libero sia stato complice di quel disastro senza motivo che soddisfare l’avidità e l’opportunismo dei suoi politici. Tutte le notizie false dei media agglomerati, come lo spettacolo di attacchi chimici attribuiti ai soldati siriani, erano basate su menzogne, al fine di mantenere i combattimenti in corso “, ha detto Younan.

“Meno di un quarto della popolazione poteva tornare senza molestie e riusciva a trovare alloggio, nonostante la distruzione e il duro inverno”, ha detto della situazione. Il patriarca ha sottolineato che a Douma c’erano state 50 scuole. Ad oggi, il governo ha riabilitato 20 di loro.

La scuola elementare che i presuli hanno visitato “è stata imballata” con 1.800 bambini, ha raccontato. “Ci vorrà molto tempo perché i bambini guariscano dal trauma che hanno vissuto.”

“I giovani che abbiamo incontrato, sebbene esitanti e confusi, stavano cercando di ricominciare la loro vita”, ha detto Younan. “Abbiamo visto alcuni di loro rispondere al progetto del servizio militare, giudicandolo come il miglior tentativo di riavvio”.

Younan ha detto che lui, Tagle e Absi “ha assicurato la gente della nostra preghiera e solidarietà e ha piantato tre ulivi sul terreno della scuola, come simbolo di vita rivitalizzata”.

Nella loro dichiarazione del 6 marzo al termine del loro incontro, il Consiglio dei capi delle chiese cattoliche in Siria ha affermato di aver affrontato la “difficile situazione umanitaria e sociale che affligge il popolo siriano a causa del conflitto in atto nella loro patria e delle sanzioni imposte su di loro dall’estero. ”

I presuli hanno esortato la comunità internazionale e le organizzazioni internazionali a revocare le sanzioni, osservando che i più poveri sono colpiti.

Il consiglio ha indicato la loro visita Ghouta “per esprimere la loro cura e vicinanza ai loro sofferenti e indigenti fratelli siriani”, osservando che hanno parlato e ascoltato il popolo come espressione “del loro amore e solidarietà”.

Il consiglio ha espresso “soddisfazione per la sicurezza e la stabilità raggiunte dallo stato siriano e dall’esercito siriano nella maggior parte delle zone della Siria, grazie ai loro grandi sacrifici e alle loro saggia politiche”.

Ha anche ringraziato “tutti coloro che hanno una buona volontà che stanno lavorando per mostrare la vera immagine della crisi siriana e dare una mano al popolo siriano”.

catholic news service

Pubblicità