SIRIA – Altre sanzioni USA, questa volta contro l’esercito siriano e NDF (le milizie di autodifesa locali siriane)…

SIRIA - Altre sanzioni USA, questa volta contro l'esercito siriano e NDF (le milizie di autodifesa locali siriane)... 12

esercito siriano

Il sito web del Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti il 28 luglio riporta che ha imposto sanzioni contro i rappresentanti del governo legittimo della Siria.

Le sanzioni hanno preso di mira principalmente rappresentanti dell’esercito governativo siriano associati all’intelligence militare, la milizia di Saray al-Arin (1) , alleata del presidente Bashar al – Assad , il gruppo terroristico Ahrar al-Sharqiya [ questo gruppo è nato come unità di Ahrar al-Sham a Deir ez-Zor e ha continuato a funzionare sotto la bandiera di Ahrar al-Sham anche dopo che il gruppo è stato espulso dalla Siria orientale insieme ai loro alleati tra cui al-Nusra a Idlib e ha preso parte alle battaglie contro il governo siriano e i suoi alleati fino al 2016 quando il gruppo si è separato da Ahrar al-Sham per prendere parte all’operazione Euphrates Shield] e persone associate che vivono in Turchia, un siriano e un cittadino del Tagikistan.

@vietatoparlare


nota a margine: gli USA ora sanzionano anche le NDF, Forze di Difesa Locali 

(1) La provincia costiera di Latakia ospita una varietà di milizie allineate con governo presieduto da Assad. Un tipo che può forse essere distinto consiste in gruppi che sembrano essere indipendenti nell’affiliazione ma sono chiaramente associati alla comunità e all’identità alawita tra cui la milizia Saray al-Arin(…)

 

Toppa delle insegne Saraya al-Areen con il numero 313.  Il numero 313 ha anche un significato escatologico , in riferimento ai compagni dell’Imam al-Mahdi. È quindi associato nel contesto escatologico soprattutto all’Islam Twelver Shi’i, di cui la religione alawita è una propaggine.

Forse parte dell’immagine di Saraya al-Areen può essere vista come influenzata dalla presenza delle milizie sciite, dal momento che i social media del gruppo hanno anche caratterizzato slogan come Labbayk ya Zainab (“Al tuo servizio, oh Zainab”), con le milizie sciite sostenute dall’Iran che combattono in Siria con l’idea di difendere il santuario Sayyida Zainab a Damasco. Ho accennato in precedenza all’uso più ampio degli slogan sciiti .(..)

Come Liwa Usud al-Hussein, si dice che Saraya al-Areen sia una fazione indipendente, secondo la testimonianza di una fonte nel Muqawama Souriya di Ali Kayali (la cui base principale è anche nella provincia di Latakia, anche se curiosamente Kayali mi dice che sentito il nome di Saraya al-Areen). Il capo di Saraya al-Areen-Abu al-Harith (da non confondere con Abu al-Harith che guida i contingenti Hawarith delle Forze della Tigre di Suhail al-Hassan) è un uomo chiamato Yisar al-Assad . Proviene dalla più ampia famiglia Assad della zona di al-Qardaha nella provincia di Latakia.

Perché le milizie? Il servizio dell’esercito siriano è davvero lungo, ha condizioni di lavoro scadenti e stipendi molto bassi. I cattivi termini di servizio sono un fattore chiave dietro il reclutamento della milizia, poiché i gruppi di miliziani possono offrire migliori stipendi e possono offrire l’amnistia per prevenire l’arresto per evasione alla leva. È anche vero che la regione ha molti poveri, anche tra gli alawiti rurali. Il fatto che gli alawiti siano sovrarappresentati nel regime e in particolare nella leadership del suo apparato di sicurezza non significa che gli alawiti siano in qualche modo immensamente ricchi rispetto al resto della popolazione. Al contrario, molte parti della Latakia rurale sono sottosviluppate.

Poster di Saraya al-Areen, con un’immagine di Bashar al-Assad.

Quando è nata Saraya al-Areen/Fawj Abu al-Harith? Come accennato, la promozione sui social media sembra essere avvenuta nel 2018, ma ciò non significa che il gruppo di Yisar al-Assad non esistesse in qualche forma prima del 2016. Oltre al post di aprile 2015 citato sopra che lo identifica come capo di un contingente combattente , un rappresentante di Saraya al-Areen mi ha detto che “combattiamo dall’inizio della crisi, affiliati all’esercito arabo siriano. Combattiamo il terrorismo ovunque”. (..)

In termini di impegni militari promossi sotto i marchi Saraya al-Areen/Fawj Abu al-Harith, riguardano principalmente il fronte di Latakia, poiché le forze del regime mirano a cacciare i ribelli dalle ultime roccaforti nell’angolo nord-orientale della provincia, in contrasto con la minaccia rappresentata nel 2013 quando un’offensiva ribelle guidata dai jihadisti si avvicinò molto ad al-Qardaha. Le operazioni a Latakia hanno incluso il coordinamento con le forze Dir’ al-Amn al-Askari (“Scudo di sicurezza militare”) che sono affiliate all’intelligence militare nella provincia di Latakia . La milizia ha anche promosso schieramenti all’inizio dell’anno sul fronte di Aleppo .

Accanto a queste operazioni, i miliziani hanno rivendicato una serie di ‘martiri’, alcuni dei quali sono riportati di seguito.

Ali Jamil Zahra. La morte è stata annunciata il 3 giugno 2016. Ucciso sul fronte di Kabani nella campagna di Latakia. Nota la sua fascia da braccio Fawj Abu al-Harith 313.
Abd al-Badi’ Nu’aim al-Hashim. La morte è stata annunciata il 12 giugno 2016. Ucciso sul fronte della campagna di Latakia.

 

Mu’tazz Hassan Fidhdha. Morte annunciata il 15 giugno 2016. Ucciso a Khanaser, a sud di Aleppo.
Ahmad Muti’ Armit. Morte annunciata il 15 giugno 2016. Ucciso a Khanaser, a sud di Aleppo.
Mahmoud Samir Shahira. Morte annunciata il 20 luglio 2016. Ucciso nella periferia di Kabani, campagna di Latakia.
Sam Ali al-Qayyim. Morte annunciata il 5 ottobre 2016. Ucciso a Tallat Hassan al-Ra’i, campagna di Latakia. Fu comandante di campo nella milizia: nello specifico, il capo del ” primo gruppo d’assalto “.
Muhammad Jum’a Jabiro. Morte annunciata il 7 dicembre 2016. Ucciso sul fronte di Kabani, campagna di Latakia.
Talal Abdullah Mustafa. Morte annunciata il 10 dicembre 2016. Ucciso sul fronte di Kabani, campagna di Latakia.

Saraya al-Areen è attualmente affiliata al settore Latakia delle Forze di Difesa Locali sostenute dall’Iran .

(fonte dell’appendice: http://www.aymennjawad.org/)

Ovviamente sanzionare questa milizia che ha come unica colpa quella di difendere il proprio paese . sarebbe stato come sanzionare i partigiani in Italia nell’ultimo dopoguerra.

Talmente grandi sono le contraddizioni tra i valori professati dagli stati occidentali nell’aggressione siriana tra mite quelle forze fondamentaliste che si diceva di voler combattere iniziando ‘la guerra contro il terrore’.

Veramente molta confusione… Tanta confusione fino al punto che oggi è difficile reperire il bandolo della matassa, anche all’interno della stessa amministrazione USA.

Si tratta di una road map che sostiene l’architettura stessa degli Stati Uniti e della coalizione di volenterosi; quindi tornare sui propri passi vorrebbe dire far crollare tutto o quasi.

Si preferisce perciò continuare così , nelle contraddizioni.

Così la Siria si tiene i suoi martiri e gli Stati Uniti, li sanzionano…

@vietatoparlare

Exit mobile version