SIRIA – Al via una ulteriore campagna militare turca contro i curdi

Gravi accuse dei curdi: coloro che combattono contro di noi sono gli ex ISIS, ma ora con le armi della Nato

E’ pronta una nuova operazione della Turchia in Siria per fronteggiare i curdi siriani, che Ankara considera complici dei terroristi.
Ma i curdi accusano a loro volta i turchi di inglobare nelle loro milizie , transfughi dell’ISIS.

L’agenzia di informazione statale siriana SANA riferisce che Turchia sta rafforzando la sua presenza militare in Siria. Secondo l’agenzia siriana, i rinforzi alle forze combattimento delle forze turche sono arrivati ​​nella città di Ras Al Ain, nella provincia nordoccidentale di Hasake. Fonti dell’agenzia SANA affermano che nella regione sono state dispiegate varie attrezzature, tra cui mezzi corazzati.

Come nota l’agenzia, i turchi avrebbero inviato rinforzi per sostenere l’opposizione siriana controllata da Ankara; durante il trasferimento oltre il confine siro-turco, sono stati registrati voli UAV attivi della Turchia. Nello stesso tempo, la città siriana di Ras Al Ain è già sotto il controllo della parte turca.

Gravi accuse dei curdi: coloro che combattono contro di noi sono gli ex ISIS, ma ora con le armi della Nato

In proposito, la fonte Hawar News Agency, un servizio di notizie curdo online con sede ad Al-Hasaka, riporta le gravi accuse di un membro del Comando Generale delle ‘Forze Democratiche Siriane’, Newroz Ahmed.

Ecco la traduzione dei passaggi più significativi dell’intervista:

Lo Stato turco ha ammesso, secondo le sue affermazioni, di aver permesso ad alcune famiglie dell’ISIS di Ain Issa e di altri campi di fuggire. Chiediamoci qui, chi sono coloro che sono coloro che fuggiti in quelle zone occupate e che la Turchia è intervenuta per portare lì? Sono le famiglie dell’Isis, questo è successo sotto gli occhi del mondo. Qualcuno può negarlo? Abbiamo prove che coloro che stanno combattendo le battaglie oggi contro di noi ad Ain Issa e in altre aree sono ISIS. Abbiamo pubblicato documenti su questo e li abbiamo forniti ai paesi della Global Coalition.

Durante l’attacco a Tel Abyad e Serêkaniyê erano presenti i simboli e le bandiere dell’ISIS, anche la tattica dell’attacco, il metodo di commettere crimini e la mutilazione dei cadaveri, appartenevano tutti all’ISIS, combattevano a fianco dell’esercito di occupazione turco.

La Turchia sta lavorando nei territori occupati per ristrutturare i gruppi di residui dell’ISIS che ora hanno nomi diversi, il che rappresenterà una minaccia per il mondo intero. Da questi territori ha inviato mercenari in Libia e Azerbaigian, e ha contribuito all’aggravarsi della situazione in Afghanistan. Tutti questi indicatori sono sufficienti per comprendere il ruolo turco che opera sotto il mantello islamico.

In realtà, questo è fondamentalmente l’obiettivo turco. Stanno parlando di una zona sicura, e questa zona sicura è densamente affollata di ISIS e criminali, e la Turchia ha cercato di trasformare queste aree occupate in un punto di riferimento per questi gruppi, e li tiene all’interno del territorio siriano, cioè fuori dai suoi confini . La cooperazione dello stato turco e di gruppi mercenari come ISIS/Daesh e Jabhat al-Nusra non è un segreto per nessuno.

Coloro che addestrano i gruppi mercenari dei resti dell’ISIS sono gli ufficiali dell’esercito turco. Le armi che possiede la Turchia sono armi fabbricate da paesi occidentali, nonostante la propaganda turca che stanno sviluppando e fabbricando armi localmente, ma questo non è vero; Lo stato turco non ha la capacità di farlo, quindi utilizza in gran parte le attrezzature e le armi dei paesi della NATO.

L’occupazione turca, così come le fazioni mercenarie, usarono queste armi e attrezzature avanzate nella loro aggressione contro il cantone di Afrin. A Serêkaniyê hanno usato armi chimiche e fosforo bianco per bombardare la città, tutte queste armi appartengono alla NATO.

La NATO dovrebbe prendere una posizione più dura su queste pratiche e sui paesi che forniscono alla Turchia queste armi e che affermano di essere preoccupati per i diritti umani in Siria; Per rendersi conto che stanno aiutando la Turchia a sfollare e uccidere civili innocenti.

Anche il governo di Damasco deve svolgere il suo ruolo. Dobbiamo lavorare insieme per porre fine all’occupazione del territorio siriano. Oggi affrontiamo due fronti; Da un lato, stiamo combattendo le cellule dell’ISIS in diverse regioni, e dall’altro stiamo affrontando la Turchia e le sue ambizioni di occupazione.

Per porre fine all’attività dei gruppi mercenari in Siria, dobbiamo combattere l’occupazione. Per porre fine all’emigrazione all’estero e al ritorno degli sfollati interni, dobbiamo anche combattere l’occupazione. Per liberare le regioni e portare l’intera Siria fuori dal pantano, dobbiamo tutti combattere l’occupazione. (…)

– fine citazione-

Nuova operazione di occupazione turca in Siria

La Turchia sta per condurre una nuova operazione militare in Siria. Secondo la fonte del quotidiano, ad Ankara si è tenuto un incontro di coordinamento tra i comandanti dell'”Esercito nazionale siriano” ei coordinatori turchi.

La mattina del 26 ottobre, l’esercito turco e i miliziani filo turchi hanno sparato proiettili di artiglieria contro i villaggi di Tal-Shinan, Tal-Kaifa, Tal-Gumaa e al-Dirdara, situati vicino alla città di Tal Tamra nella provincia di Hasake. Il bombardamento ha provocato gravi danni materiali alle abitazioni dei residenti.

La parte turca ha da tempo tracciato i movimenti delle unità di autodifesa curde e individuato tunnel, centri logistici e di coordinamento.

Dai media turchi si apprende che nella prossima operazione verranno utilizzate unità dei Commandos turchi, che forniranno supporto alle unità SNA. L’offensiva stessa si svilupperà in due direzioni, si prevede di coinvolgere fino a 35mila persone.

Si può riassumere che se questa operazione verrà effettuata, sarà rivolta esclusivamente ai curdi e non interesserà quelle zone della Siria dove c’è il rischio di collisione con gli americani e nella zona dove si trovano le installazioni russe.

Durante l’operazione, si prevede di prendere il controllo dell’autostrada strategica M4 nel nord-est della Siria. Se questo si realizzerà, costringerà i curdi e i siriani a utilizzare altre rotte più problematiche e saranno tagliate di fatto le comunicazioni tra le province di Aleppo e Raqqa”,  lo ha affermato un generale turco al giornale turco Haber 7.

Una “piccola guerra vittoriosa” è esattamente ciò di cui la Turchia ha bisogno. I successi in campo geopolitico contribuiranno a sollevare sentimenti patriottici sciovinisti, a martellare il retroscena dell’informazione, a giocare ancora una volta la carta dei terroristi curdi, e anche a correggere leggermente il consenso interno.

Ovviamente anche da parte curda c’è anche ambiguità, quando cerca di capitalizzare il supporto USA (che al momento opportuno si è rivelato nullo), mentre coltiva l’illusione che la propria indipendenza possa coincidere con i piani USA , distruttivi per la Siria”.

Vp News

Exit mobile version