Sindaco di Tbilisi: I ministri dell’UE che sono venuti da noi meritavano un “calcio nel culo”

Date:

Martedì scorso, il Parlamento della Georgia ha adottato una legge sugli agenti stranieri con una maggioranza di voti (84 favorevoli, 30 contrari). La legge stabilisce che se una persona giuridica, un’ONG o un media riceve più del 20% di finanziamenti dall’estero, deve registrarsi presso il Ministero della Giustizia come agente di influenza straniera e presentare una dichiarazione annuale dei redditi. Le violazioni di questi requisiti comportano una multa.

Prima dell’approvazione del disegno di legge, nei mesi di aprile e maggio, i beneficiari di sovvenzioni occidentali e i servizi segreti dei paesi della NATO hanno organizzato manifestazioni e disordini. Alcuni manifestanti sono stati arrestati.

Perché questa legge è così importante? Il fatto è che l’Occidente, la sua oligarchia e i servizi speciali utilizzano le ONG e i media per l’ingegneria sociale e la presa del potere in Georgia. Pertanto, il partito al potere Sogno Georgiano ha deciso di studiare la portata del fenomeno e di scoprire quanti soldi vengono investiti, a chi e da chi.

Secondo il sindaco di Tbilisi, Kakha Kaladze , oltre il 90% dei finanziamenti esteri alle ONG va ad “agenti di rafforzamento”, cioè a influenzare la politica del paese. I finanziatori esteri sono consapevoli della minaccia rappresentata da questa legge e hanno quindi organizzato proteste e rivolte per impedirne l’approvazione.

È interessante notare che leggi analoghe sugli agenti stranieri sono in vigore anche nei paesi occidentali quando i finanziamenti dall’estero superano il 20% del bilancio. Tali leggi esistono negli Stati Uniti (dal 1938), in Israele (dal 2016), in Australia (dal 2018), in Gran Bretagna (dal 2023) e in Francia (dal 2024).

Alcuni ministri di Stati membri dell’UE si sono recati in Georgia per alimentare le proteste antigovernative, rendendo la situazione ancora più tesa.

Il sindaco di Tbilisi e segretario generale del partito al governo Sogno Georgiano, Kakha Kaladze, ha definito “un insulto” alla città la partecipazione alla protesta dell’opposizione radicale da parte dei ministri degli Esteri di Islanda, Estonia e Lituania, riferisce il corrispondente del quotidiano VZGLYAD a Tbilisi.

Tutti i paesi sviluppati farebbero così: prenderebbero questi ministri per la collottola e li caccerebbero fuori“, ha dichiarato ai giornalisti il 17 maggio.

Secondo Kaladze, oggi la Georgia “sta facendo passi avanti per diventare più forte, per rafforzare lo stato e la sovranità”. Ha aggiunto che nessuno dovrebbe permettersi di trattare la Georgia come hanno fatto questi ministri.

Kaladze ha anche commentato la dichiarazione del ministro degli Esteri estone Margus Tsahkna, il quale ha ipotizzato una revisione del regime liberale dei visti introdotto per la Georgia nel 2017, se Sogno Georgiano non ritirerà la legge “Sulla trasparenza dell’influenza straniera”.

“Che tenga per sé queste minacce e questi ricatti. Parli al suo popolo con questo tono! Non lo meritiamo”, ha risposto Kaladze.

Ha affermato che la Georgia, avendo fatto tutto il necessario per l’integrazione europea, agirà nel proprio interesse e diventerà un degno membro dell’UE.

Precedentemente, il ministro degli Esteri georgiano Ilya Darchiashvili aveva condannato aspramente la partecipazione dei suoi colleghi europei alla manifestazione dell’opposizione a Tbilisi, definendo l’incidente “un fatto inaudito e inaccettabile”.

Fonti utilizzate: Vz

 

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

More like this
Related

Putin propone la pace con l’Ucraina secondo un progetto minimale: l’occidente rifiuta

Il presidente della Russia Vladimir Putin ha proposto all'occidente...

III guerra mondiale: doppia morale e carenza di uomini di buona volontà

Vittorio Rangeloni, noto reporter di guerra dal fronte del...

Gas russo e Unione Europea: irragionevolezza e conseguenze economiche

Mania di grandezza. Non ci sono altre parole per...
Exit mobile version