Si continuano a fare esperimenti sui virus per renderli più letali all’uomo

È incredibile. Si continuano a fare esperimenti – i cosiddetti “guadagni di funzione” – per rendere più letali i virus, che altrimenti in natura non avrebbero tali mortali caratteristiche:

“Un team di scienziati della Boston University ha creato un virus ibridocombinando Omicron e il ceppo originale di Wuhan, che ha ucciso l’80% di topi nello studio.  La scoperta mostra quanto sia pericolosa la ricerca sulla manipolazione dei virus, anche negli Stati Uniti, nonostante i timori che tali metodi possano innescare una pandemia.

Non credo alla utilità di questo studio, anche in considerazione del fatto che ci troviamo con una pandemia ancora in corso e quando è noto che il virus  Cov Sars 2 –  è fuggito da un laboratorio dopo un esperimento simile di ‘guadagno di funzione’.

Allo stato dei fatti, il nuovo virus chimerico uccide i topi nell’80% dei casi, mentre il precedente Omicron nessuno. È evidente che l’esperimento non ha nessuna utilità a vantaggio dell’uomo, mentre il livello di pericolosità è elevatissimo.

Ma ecco le preoccupazioni suscitate dall’esperimento, da  1Notizie:

 Il dottor Richard Ebright, chimico della Rutgers University: “Se vogliamo evitare la prossima pandemia guidata dai laboratori, è fondamentale aumentare la supervisione della ricerca ampliata sui potenziali patogeni pandemici. Di particolare preoccupazione è che questo nuovo studio del governo degli Stati Uniti, come il precedente studio sui coronavirus chimerici correlati alla SARS, non è stato convalidato”. 

La pandemia ha causato un aumento globale del numero di laboratori che si occupano di virus pericolosi. Dal 2020 sono state costruite o messe in funzione più di 40 strutture, principalmente negli Stati Uniti”.

La Boston University ha creato una nuova variante di Covid-19 che uccide i topi a un tasso dell’80%, secondo un nuovo studio.

Lo studio spera di comprendere meglio il ruolo della proteina spike del virus e quanto è dannosa l’una o l’altra variante.

Per fare ciò, gli scienziati del Laboratorio di ricerca sulla biosicurezza dell’Università di Boston 4 hanno attaccato la proteina spike più evasiva dal sistema immunitario Omicron alla “spina dorsale” del virus Covid originale dall’inizio della pandemia.

“Abbiamo creato un SARS-CoV-2 chimerico ricombinante che codifica per il gene Omicron S nella spina dorsale di un isolato SARS-CoV-2 ancestrale e abbiamo confrontato questo virus con una variante di Omicron a circolazione naturale”, afferma un  documento pubblicato su biorxiv e  in attesa di revisione tra pari .

“Nei topi K18-hACE2, mentre Omicron provoca un’infezione lieve e non fatale, il virus che trasporta Omicron S provoca una malattia grave con un tasso di mortalità dell’80%.

Ciò indica che mentre la fuga di Omicron è determinata dalle mutazioni in S, i principali determinanti della patogenicità virale si trovano al di fuori di S”.

Quando è stato infettato dal solo ceppo originale di Covid-19, il 100% dei topi è morto, mentre nessuno dei topi infettati dalla variante Omicron è morto.

Il biologo molecolare americano Richard H. Ebright ha criticato l’articolo [di Wired].

“È particolarmente preoccupante che questo nuovo studio ePPP del governo degli Stati Uniti – come il precedente studio ePPP sui coronavirus chimerici associati alla SARS presso il Wuhan Institute of Virology che avrebbero potuto causare una pandemia – non sembra essere stato sottoposto al precedente rapporto rischio-beneficio. Screening delle politiche del governo degli Stati Uniti”.

Tuttavia, la Boston University contesta che questo studio non sia un miglioramento nello studio della funzione perché non ha reso più virulento il ceppo originale di Covid-19.

“In primo luogo questo non è uno studio di amplificazione, il che significa che non ha amplificato il ceppo dello stato di Washington del virus SARS-COV-2 (il virus originale del 2020) e lo ha reso più virulento”, ha affermato BU in una dichiarazione dopo un messaggio online. che l’università ha definito “falso e impreciso”.

“In effetti, questo studio ha reso la replicazione del virus meno pericolosa”, ha aggiunto l’università.

L’autore principale dello studio afferma che il medesimo aiuterà a comprendere meglio la variante Omicron e a sviluppare nuovi trattamenti.

“In linea con gli studi pubblicati da altri, questo lavoro mostra che la patogenicità di Omicron non è determinata dalla proteina spike ma da altre proteine ​​virali”, ha affermato l’autore principale dello studio Mohsan Said.

“L’identificazione di queste proteine ​​porterà a una migliore diagnosi e strategie di trattamento per le malattie”, ha detto Said.

Mentre la Boston University nega che la loro ricerca utilizzi l’amplificazione della funzione, alcuni esperti  sostengono che nella lotta contro future pandemie è necessaria la ricerca di guadagno di funzione.

“Gli esperimenti di acquisizione di funzioni possono aiutare i ricercatori a testare teorie scientifiche, sviluppare nuove tecnologie e trovare trattamenti per le malattie infettive”, ha concluso il gruppo di esperti nel documento Conversation.

“Ad esempio, nel 2003, quando si è verificato lo scoppio iniziale di SARS-CoV, i ricercatori hanno sviluppato un metodo per studiare il virus in laboratorio. Uno degli esperimenti prevedeva la crescita del virus nei topi in modo che potessero studiarlo. Questo lavoro ha portato a un modello per studiare il virus e testare potenziali vaccini e trattamenti”. (…)

Il documento di ricerca della Boston University rileva che una limitazione dello studio è la razza di topi utilizzata, poiché altri tipi sono più simili a quelli umani.

Ciò significa che è più difficile dire quale sarà il tasso di mortalità di questa variante negli esseri umani.

****

Considerazione

Tutto il ragionamento si basa sull’onestà del mondo scientifico, qualità che come abbiamo visto ampiamente durante la recente pandemia non esiste, ove il profitto e non la salute umana è il motore delle decisioni e degli studi finanziati da multinazionali e da fondazioni. L’intera medicina attuale e ricerca farmacologica prevalente insegue il profitto e non prioritariamente la salute umana.

VPNews

vedi anche:
1 – Wired
2 – Mail Online

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.