Si chiama ‘sezione 230’, la legge su cui i social hanno fatto una fortuna

Si chiama 'sezione 230', la legge su cui i social hanno fatto una fortuna 1

La ‘Sezione 230’ per molti è la legge più importante su Internet. Il comma è stato inserito nel 1996, agli albori dell’ascesa globale della rete. È opinione diffusa che sia proprio questo comma l’origine della fortuna di molti dei paperoni della rete.

La 230 di fatto sancisce che le piattaforme non sono responsabili di ciò che viene pubblicato da altri su di loro. Non solo: dà anche alle società che le gestiscono ampia discrezione nel modo in cui moderano i post e gli altri contenuti.

“Il modello di business dei social media implica diventare inimmaginabilmente ricchi da contenuti generati dagli utenti che sono autorizzati a ospitare senza responsabilità legale a condizione che aderiscano a una normativa chiamata Sezione 230. Agire in buona fede e non eseguire il controllo editoriale oltre le condizioni limitate stabilite nella clausola del Buon Samaritano (che si occupa della rimozione di troll, molestie mirate e contenuti altrimenti illegali).
Dichiarandosi editore della conversazione pubblica, Twitter ha confessato di utilizzare i privilegi editoriali riservati agli editori. Se non altro, queste affermazioni costituiscono un’ammissione che Twitter ha abbandonato la propria facciata di autentica piattaforma  e ha abbracciato la sua posizione di impero mediatico senza legge.
Se Twitter (e Facebook, che si è comportato in modo simile) fossero aziende normali, verrebbero trascinati davanti ai tribunali per affrontare la rimozione della loro immunità ai sensi della Sezione 230 e sarebbero rapidamente riclassificati come editori, distruggendo il loro modello di business. Ciò che è diventato ovvio per tutti è che queste non sono aziende normali. Oltre alla loro immensa ricchezza, Twitter si è ingraziato come arma politica per politici, individui e entità aziendali. Sono protetti da una rete di amici così potente che sembra probabile che sfuggiranno a una revisione antitrust (ora sospesa) e alle accuse di interferenza elettorale, avvenute quando i dirigenti hanno donato soldi alla campagna di Biden mentre le loro aziende censuravano storie poco lusinghiere. ”

Https: // spectator.com.au / 2021/01 / the-great-purge /? fbc ..

Exit mobile version