Sì alla difesa dell’ecologia, ma attenti: l’ecologia è stata trasformata in un enorme costrutto ideologico

Sì alla difesa dell'ecologia, ma attenti: l'ecologia è stata trasformata in un enorme costrutto ideologico 1

 Il pianeta si sta riscaldando pericolosamente, la colpa è dell’uomo. Gli scienziati hanno pronunciato questo verdetto e il mondo intero lo ha sottoscritto, compresa la Chiesa. Ma con la sacrosanta lotta al cambiamento climatico ci sono molte altre cose e non sono da poco (ed in questo il concetto di creazione viene distrutto). Questa è l’evidenza dello scrittore Giulio Meotti, che ne parla in un libro presentato dalla pubblicazione National Catholic Register:

ROMA — L’ambientalismo odierno si è trasformato in una “guerra santa”, che è ora parte di un enorme falso costrutto ideologico basato sul pensiero malthusiano e riflesso di un più ampio decadimento culturale.

È quanto afferma Giulio Meotti, autore di un nuovo libro in italiano intitolato The Green God — Ecolatry and Apocalyptic Obsessions , in cui sostiene che l’intero discorso ecologico si basa sulle teorie di Thomas Malthus, economista britannico del XIX secolo e fautore del controllo demografico.

Sostiene che l’ecologia oggi è un “enorme costrutto ideologico” “in cui il clima è solo una piccola parte, una scusa”. È diventato un mezzo per promuovere “slogan banali” come l’opposizione a “eteronormatività”, “patriarcato” e “generi binari” che non hanno nulla a che fare con l’ecologia, ma che sono stati citati al recente meeting internazionale COP26 di Glasgow e promossi da eminenti ambientalisti come Greta Thunberg.

Meotti ha anche avvertito che se il cristianesimo continua a saltare su questo carro, dovrà accettare “genderismo, transumanesimo e immigrazione, tutte teorie che postulano uno sradicamento di una certa visione dell’Europa, dell’Occidente, della cultura, del cristianesimo e delle tradizioni”.

Autore e saggista del quotidiano italiano Il Foglio, Meotti ha fatto queste osservazioni in un’intervista del 14 dicembre ad Andrea Mariotto dell’Osservatorio internazionale del cardinale Van Thuan sulla dottrina sociale della Chiesa.

Ha osservato che tutti sono preoccupati per l’ambiente e la creazione e che negli ultimi 40 anni sono stati fatti grandi passi avanti, ad esempio, nella produzione di meno auto inquinanti e più riciclaggio. Ma ha affermato che la natura di tale preoccupazione è cambiata quando grandi aziende, politici come l’ex vicepresidente Al Gore, lobby e gruppi di esperti hanno introdotto l’allarmismo ambientale, una “ansia collettiva di cui Greta Thunberg è il megafono”.

Thunberg, ha osservato, afferma che il problema climatico “è legato al sistema razziale, al genere e al patriarcato e che dobbiamo smantellarli tutti”. Tale pensiero, ritiene Meotti, “è uno specchio del decadimento culturale”.

Ha continuato sottolineando anche che Thunberg “è un prodotto del sistema che lei stessa critica” dicendo che tutto ciò che fanno i leader mondiali è ” bla, bla, bla “. Nel frattempo, le grandi aziende sono salite a bordo fingendo di avere politiche verdi ma “in realtà mantengono la loro coscienza pulita in questo modo”.

“E’ nell’interesse di tutti fare questo”, ha spiegato Meotti. “Le grandi aziende riescono ad essere benvolute in questo circolo perché altrimenti sarebbero attaccate ferocemente” e Thunberg “ne approfitta perché essere ricevuti dai potenti della terra è segno di potente legittimità”.

“Va a vantaggio di tutti tranne le persone, che saranno chiamate a pagare per questa transizione ecologica”, ha affermato. “Su chi ricadrà il fardello? Su chi usa l’auto perché non abita in una grande città e non ha la possibilità di acquistare uno scooter o un’auto elettrica.

“È un grande bluff che le classi medie e lavoratrici finiranno per pagare”, ha detto Meotti. “Lo stiamo vedendo in queste settimane con l’aumento delle bollette che i governi stanno cercando in tutti i modi di abbattere, ma lo fanno [aumentando] il debito pubblico, peggiorando così ulteriormente la situazione delle generazioni future”.

Meotti ha avvertito che se l’opinione pubblica non riesce a sfidare e affrontare questi “leader e ideologi”, la situazione continuerà, così come la Cina e i suoi alti livelli di inquinamento.

“Con la globalizzazione abbiamo esportato la produzione in Cina e con essa abbiamo esportato anche l’inquinamento”, ha osservato, e quindi il mondo transnazionale responsabile della globalizzazione (Davos, COP26, ONU) “ora non può dire che è colpa della Cina perché [ globalizzazione] è a vantaggio di tutti”.

Oltre a questo, Meotti ha osservato che “l’uomo bianco occidentale è diventato il grande Satana” e che l’ecologismo, unito a un’ideologia di ” decrescita felice [riduzione del consumo globale a favore di una società economicamente sostenibile]”, fa ora parte di “cancellare la cultura”.

Ma al centro di questa ideologia generale, ha osservato, c’è che il cambiamento climatico è “colpa dell’uomo” e che la sua attività umana e la sua presenza sulla terra dovrebbero essere messe in discussione.

“Tutto questo discorso ecologico è basato su Malthus”, ha osservato Meotti. “Anche oggi c’è un ritorno a questi temi legati alla riduzione della popolazione – basti pensare agli slogan della star della sinistra radicale americana, Alexandra Ocasio Cortez, del movimento ‘birth strike’ [donne che rifiutano di avere figli fino alla fine del cambiamento climatico ], i reali britannici che si scusano per avere due figli e promettono di non averne più, i cartelloni sulle autostrade americane che dicono che il miglior favore che puoi fare al clima è avere un figlio in meno, il calcolo di quanta CO2 produce ogni bambino che viene al mondo.

“C’è certamente una misantropia sottostante”, ha detto Meotti.

Riguardo all’impegno della Chiesa con questa ideologia, Meotti ha sottolineato che coloro che sono a favore della protezione della terra non sono amici della Chiesa in quanto “non sono interessati alla conservazione delle identità, delle culture, delle tradizioni, tutte cose che dovrebbero essere al centro di un Cattolico.”

Consigliava quindi cautela, soprattutto nell’ascoltare “preghiere ‘per la terra’ nelle liturgie, perché è una forma di paganesimo che è l’antitesi della dottrina cattolica”.

“Quando la predicazione della Chiesa sull’ecologia era in difesa della creazione e cercava di mantenere una preoccupazione per l’ambiente, era eccezionale: sono state scritte bellissime pagine”, ha detto. “Ultimamente, però, mi sembra che ci sia stata una deviazione su questi temi”.

Le preoccupazioni di Meotti sono simili a quelle recentemente condivise con il Registro dal teologo romano padre Paul Haffner. L’autore di Verso una teologia dell’ambiente , padre Haffner, definì l’ecologismo “una religione new age, fondamentalmente un cosmo-centrismo per cui il cosmo è posto al centro, l’essere umano è un fastidio, e tu vuoi metterlo da parte.

“Pertanto l’aborto, l’eutanasia e, naturalmente, lo spopolamento, fanno tutti parte di questo programma malvagio”, ha detto, e la gerarchia della creazione – per cui “la persona umana è l’apice, sotto Dio, sotto Cristo, con il dominio sulla creazione” – è “dimenticato”.

fonte: National Catholic Register (https://www.ncregister.com/blog/italian-author-warns-against-destructive-misanthropic-ideology-of-today-s-ecologists)

Exit mobile version