Shanghai Cooperation: ulteriore passo verso il multipolarismo

L‘Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai  (SCO) ha fatto una diagnosi deludente del sistema politico globale durante il vertice tenutosi dal 15 al 16 settembre a Samarcanda. Tuttavia, i leader degli Stati membri della SCO hanno delineato indicazioni su come sanare le questioni mondiali più urgenti.

La Dichiarazione di Samarcanda adottata al termine degli incontri al vertice, riconosce che oggi “nel moderno sistema le sfide e le minacce internazionali stanno diventando più complesse, per cui si osserva un pericoloso degrado della situazione nel mondo, ove i conflitti e le crisi locali esistenti si stanno aggravando e ne stanno emergendo di nuovi”.

Documento comune

Secondo il documento finale, i paesi SCO sono concordi nel fotografare la situazione attuale caratterizzata dalle seguenti evidenze:
– crescita del divario tecnologico e digitale, la continua turbolenza dei mercati finanziari mondiali, il calo globale dei flussi di investimento, l’instabilità delle catene di approvvigionamento, il rafforzamento delle misure protezionistiche e altri ostacoli al commercio internazionale;
– approcci che tendono a ricostituire blocchi ideologizzati e conflittuali per risolvere i problemi internazionali e risolti;
– ingerenze negli affari interni degli Stati con il pretesto della lotta al terrorismo e all’estremismo;
– tentativi di coinvolgere i giovani nelle attività di gruppi terroristici, separatisti ed estremisti;
– tentativi di garantire la propria sicurezza a scapito della sicurezza di altri Stati;
– utilizzare l’agenda sul clima per introdurre misure che limitino la cooperazione commerciale e di investimento.

In breve e senza citazioni, la Shanghai Cooperation Organization – seppure con rammarico –  prende atto della radicalizzazione e politicizzazione della cooperazione internazionale organizzata dall’Occidente nel suo insieme, che ha colpito le economie nazionali e la vita della gente comune nel vasto spazio SCO, dove vive il 40% della popolazione del pianeta.

Orizzonte

Nel contempo, viene anche proposta una ricetta per curare i problemi corrispondenti:

“Gli Stati membri, in conformità con le loro leggi nazionali e sulla base del consenso, si adopereranno per sviluppare principi e approcci comuni alla formazione di un elenco unico di organizzazioni terroristiche, separatiste ed estremiste le cui attività sono vietate nei territori degli stati membri della SCO”, afferma la Dichiarazione di Samarcanda.

Ma, poi viene sottolineato che come soluzione di tutti i problemi l’enfasi non è sul confronto, ma sulla cooperazione, come suggerisce il nome stesso della SCO.
In particolare, è stata sottolineata l’idea di creare una Greater Eurasian Partnership con la partecipazione dei paesi dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, dell’Unione economica eurasiatica, dell’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico, nonché di altri stati interessati e associazioni multilaterali.

È stato notato che sullo sfondo delle sanzioni unilaterali e delle restrizioni commerciali dell’Occidente, l’indipendenza economica e la “sovranità tecnologica” dei paesi dell’organizzazione aumenteranno. In particolare, si afferma che “gli Stati membri hanno deciso di istituire uno Special Working Group on Startups and Innovations… viene inoltre sottolineata la necessità di sviluppare ulteriormente la cooperazione nel campo dell’industria e della cooperazione industriale, per fornire un sostegno finanziario alle attività del progetto al fine di sbloccare il potenziale di investimento dell’Organizzazione, ”

Viene anche indicato il desiderio di abbandonare la dipendenza dal dollaro. “I paesi hanno preso atto dell’adozione da parte degli stati membri interessati della SCO della Roadmap per il graduale aumento della quota delle valute nazionali negli accordi reciproci e si sono espressi a favore dell’espansione di questa pratica”. I leader in questa direzione sono Russia e Cina, che, secondo Vladimir Putin, forniscono già il 27,5% degli accordi reciproci nelle valute nazionali.
Da non dimenticare gli scambi umanitari. La Dichiarazione di Samarcanda della SCO suggerisce che il prossimo anno le restrizioni anti-COVID sulla mobilità tra i paesi membri dell’organizzazione saranno finalmente revocate. “Al fine di sostenere l’industria del turismo e aumentare l’attrattiva turistica di città e regioni nello spazio SCO, gli Stati membri hanno deciso di dichiarare il 2023 Anno del Turismo SCO”, afferma il documento.

Riassumendo il vertice, il G8 di Shanghai ha confermato: “La SCO, in qualità di partecipante responsabile e influente negli sforzi internazionali per garantire la pace e uno sviluppo stabile nello spazio eurasiatico, continuerà ad adottare misure coordinate per contrastare le crescenti minacce e sfide nella regione “
Il prossimo vertice SCO si terrà in India nel 2023. A quell’appuntamento, gli “otto” dei paesi si trasformeranno in “nove”: l’Iran diventerà un membro permanente dell’organizzazione. Verrà avviato il processo di adesione alla SCO della Bielorussia. È ovvio che la retorica dell’organizzazione attira sempre più partner.

Sulla Guerra russo-ucraina

Per quando riguarda la guerra ucraina, probabilmente la vicenda è stata trattata negli incontri bilaterali. Indicativo comunque che Putin abbia detto pubblicamente al primo ministro indiano Modi: “Faremo di tutto per garantire che tutto questo si fermi il più rapidamente possibile. Sfortunatamente, solo la parte opposta, la leadership dell’Ucraina, ha annunciato l’abbandono del processo negoziale, ha dichiarato di voler raggiungere i propri obiettivi con mezzi militari sul campo di battaglia”.

A Putin, a migliaia di chilometri di distanza, hanno fatto eco le parole della Von der Layen che ha auspicato che Putin sia condannato all’Aja per crimini di guerra. Inoltre, gli Stati Uniti hanno annunciato che l’ ”amministrazione Biden è pronta ad inviare un nuovo pacchetto di armi da 600 milioni di dollari per l’Ucraina (https://www.reuters.com/world/europe/us-announces-new-600-million-arms-package-ukraine-2022-09-15/). In una certa misura questo indica la mancanza di volontà europea e statunitense di avvicinarsi ad una soluzione diplomatica equa che tenga conto delle preoccupazioni di tutti.

Rapporti sino-russi riconfermati

Xi Jinping sull’obiettivo comune di Russia e Cina:

“Caro presidente Putin – mio caro e amico di lunga data -, sono molto felice di incontrarti di nuovo. Di fronte ai colossali cambiamenti del nostro tempo su scala globale, senza precedenti nella storia dei nostri tempi, siamo pronti con i nostri colleghi russi a dare l’esempio di una potenza mondiale responsabile e svolgere un ruolo di primo piano nel portare un cambiamento così rapido del mondo su una traiettoria di sviluppo sostenibile e positivo”.

VPNews

Exit mobile version