Serbia/presidente Vucic: se la Nato non farà cessare il progrom contro i serbi in Kosovo, “la Serbia reagirà”

Il presidente serbo Vucic: “Se il pogrom continua sul nostro popolo, la Serbia reagirà”! Domenica sera, la Serbia ha messo in allerta una parte delle sue forze armate.

Da giorni l’esercito serbo sposta i carri armati al confine con il Kosovo, parlando di una “provocazione” del Kosovo, alla quale reagiranno. Ieri, in vista del confine e tra gli applausi dei serbi in Kosovo, ha sorvolato la zona con aerei da combattimento MiG-29.

In serata il presidente serbo Aleksandar Vucic ha annunciato che il suo Paese avrebbe “combattuto per il nostro popolo” per porre fine ai “pogrom contro i serbi” in Kosovo. Vucic letteralmente: “Se non combattiamo, non possiamo ottenere nulla”.

Ecco perché ha chiamato personalmente il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg e domenica sera ha dato all’alleanza militare un ultimatum per porre fine al “pogrom” contro i suoi compatrioti in Kosovo.

“Ho ribadito al segretario generale della Nato Jens Stoltenberg che non entreremo in Kosovo e Metohija [La Metochìa è una grande piana, bacino idrografico, che coincide con la parte occidentale del Kosovo] con le nostre truppe, perché non vogliamo mettere in pericolo la pace.  Aspetteremo 24 ore per raspettare che la NATO intervenga, ma è in atto un pogrom contro i serbi. “Se il pogrom della nostra popolazione continua, la Serbia reagirà e non permetterà che ciò perduri”, ha spiegato Vucic.

“La nostra procura valuterà nei prossimi giorni se ci sono motivi per avviare procedimenti contro i combattenti delle forze speciali del Rosu, che hanno commesso vari crimini contro i serbi nella nostra regione meridionaleInformeremo tutte le strutture internazionali su ciò che sta accadendo in Kosovo e Metohija e perché non vengono osservate le regole internazionali, la risoluzione dell’ONU e l’accordo di Bruxelles “, ha affermato.

kosovo

BELGRADO – Il presidente della Serbia, Aleksandar Vučić, ha ricordato stasera di aver inviato un messaggio inequivocabile alla Nato che la Serbia, se l’alleanza non reagirà se ci sarà un pogrom contro i serbi in Kosovo e Metohija, si muoverà da sola.

Nello spettacolo “Hit Tweet”, Vučić ha affermato che la Serbia ha solo richiesto la prontezza dell’esercito, e che l’esercito non è entrato nel territorio del Kosovo e Metohija, ma questo non perchè  lo consideri proprio territorio, ma a causa dell’accordo di Kumanovo e di tutte le decisioni successive , secondo gli accordi amministrativi, non c’è il diritto di farlo.

Abbiamo le mani legate con il Kosovo, ma dobbiamo combattere

Il presidente della Serbia ha detto che è importante che la gente capisca la difficile situazione in Kosovo e Metohija e quanto le nostre mani siano legate, ma ha detto che dobbiamo combattere per il nostro popolo.

“Se non combattiamo, non saremo in grado di ottenere nulla”, ha sottolineato Vučić nel programma Hit Tweet su TV Pink, in cui ha ringraziato i cittadini per il loro sostegno.

Si sono agitati quando la Serbia ha mostrato che non avrebbe permesso un pogrom

Il presidente della Serbia ha detto ieri sera che per sette giorni in occidente non sono stati entusiasti degli eventi in Kosovo e Metohija, ma erano eccitati quando la Serbia ha mostrato che non avrebbe permesso un pogrom contro la sua popolazione.

Nello spettacolo “Hit Tweet”, Vučić ha detto che oggi era arrabbiato con tutti i suoi interlocutori in Occidente e ha chiesto loro di dire cosa ha fatto la Serbia. “Dimmi cosa abbiamo fatto. Sta dicendo che non dobbiamo alzare i nostri elicotteri o carri armati per muoverci sul territorio della Serbia? “Cosa vuoi veramente dalla Serbia, quanto vuoi umiliarci, tu dall’ovest e, peggio ancora, tu in Serbia?”, ha chiesto.

(…) (http://www.tanjug.rs/full-view.aspx?izb=685604)

Ricordo che la situazione in città ha cominciato a degenerare quando le autorità locali hanno ordinato ai serbi di cambiare le loro targhe con quelle del Kosovo. Ciò ha provocato le proteste della popolazione serba. In risposta al malcontento, sono state inviate forze speciali alla minoranza serba. Le autorità serbe minacciano di introdurre truppe in Kosovo se l’oppressione dei serbi non si ferma.

@vietatoparlare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.