SCOZIA – Un politico cristiano in un Paese ateo

Un politico cristiano in un Paese ateo

L’identità storica degli scozzesi è stata forgiata nel fuoco delle lotte religiose, convergenti essenzialmente con le dispute politiche. E queste non sono mai state gentili o particolarmente trasparenti all’interno della nazione dei clan. Infatti, quando la Chiesa calvinista di Scozia, assumendo la posizione della denominazione nazionale, vinse sui cattolici tradizionalmente monarchici, dovette immediatamente combattere contro l’influenza dell’episcopalismo con la sua visione politica di un’oligarchia coronata. E gli stessi presbiteriani scozzesi – i Covenanters – erano divisi come hussiti, in radicali, chiamati Kirk Party, che vedevano la Scozia come una federazione di clan/congregazioni, anche in alleanza con i puritani inglesi e coloro che sceglievano una qualche forma di collaborazione con la propria dinastia nazionale come metodo per mantenere l’indipendenza dall’eternamente odioso vicino del Sud. Sì, la religione in Scozia è sempre stata viva, con molte morti violente. Allora perché oggi è quasi morta?

Genere invece di Dio

La Scozia gode (?) della reputazione di Paese più secolarizzato dell’Europa occidentale. Secondo varie stime, circa il 56 per cento degli abitanti si dichiarano atei e quasi il 70 per cento generalmente non religiosi. E questo nonostante, o forse proprio perché, la denominazione principale, Chiesa di Scozia, continui ad essere riconosciuta come Chiesa nazionale e componente importante della società scozzese in quanto tale. Ciò è in parte dovuto al fatto che la politica scozzese è diventata atea ma non ha perso le caratteristiche formali tipiche del calvinismo. Quindi, è ancora aggressivamente missionaria e piena di moralismi dichiarativi. Solo che oggi, ovviamente, sono completamente opposti al rigorismo etico storico dei vecchi protestanti. I politici scozzesi oggi sono molto spesso i successori di fanatici presbiteriani che non credono più nel presbiterianesimo, ma credono ancora fermamente nel fanatismo.

Con un tale fuoco degno di John Knox (sebbene contro tutte le sue raccomandazioni) – il governo autonomo scozzese di Nicola Sturgeon fissa i suoi principali obiettivi ideologici per imporre una piattaforma di genere completa, inclusa la dottrina del “genere per scelta” con norme penali molto rigide, estendendole oltre tutti i limiti della definizione di Crimini d’Odio. Sulla base del nuovo Hate Crime and Public Order (Scotland) Act 2021, una ragione sufficiente per essere perseguiti per incitamento all’odio non è solo per una critica al genderismo, ma anche una semplice ammissione che solo le donne hanno le mestruazioni. Per completare la sensazione di soffocamento sul serpente del progresso, vale la pena ricordare che questa legge è già utilizzata per perseguire non i misogini, ma… femministe e lesbiche. Sì, entrambi questi atteggiamenti, senza cambiare nulla nei loro presupposti, non sono più classificati come moderni e progressisti, bensì… reazionari e fascisti! Le prime per ricordare che le suffragette sono andate in prigione non per permettere ad alcune travestite di usare i bagni femminili e di vincere le gare sportive femminili. Le seconde perché affermano ostinatamente di voler andare a letto con altre donne, non con uomini che affermano che hanno personalità femminili.

Prima l’uomo, poi il politico

Questo è il livello attuale delle controversie ideologiche in Scozia, quindi grande costernazione è stata causata dalla comparsa nel governo locale di un segretario che dichiara apertamente e ad alta voce il suo impegno per i valori cristiani e che vi testimonia devozione nella vita privata e pubblica. Kate Forbes, 31 anni, Segretaria di Gabinetto per le Finanze e l’Economia, è un’attivista dello Scottish National Party (organizzazione responsabile di tutti gli esperimenti ideologici sopra menzionati), un’entusiasta sostenitrice dell’indipendenza del Paese – e allo stesso tempo una zelante fedele alla Free Church of Scotland, la fazione presbiteriana del XIX secolo, descritta oggi con un po’ di disprezzo come “qualcosa di simile alla Chiesa di Scozia ma con il cristianesimo”.

Figlia di missionari calvinisti in India, dove ha trascorso la sua infanzia, Forbes parla della sua devozione a Dio con una passione degna dei suoi genitori. “Per essere onesti, credo nella persona di Gesù Cristo. Credo che sia morto per me, che mi abbia salvato e che la mia chiamata sia di servire e di amarlo e di servire e amare i miei vicini con tutto il mio cuore, anima, mente e forza. Quindi questo per me è essenziale per il mio essere. La politica passerà. Sono una persona prima di essere un politico e quella persona continuerà a credere che sono fatto a immagine di Dio” – ha detto l’attuale Segretario alcuni anni fa in un’intervista per la BBC [1], e ricordiamoci che oggi queste non sono parole che si sentono molto spesso dai politici occidentali.

Paradossalmente, un ethos così espressivo alla Christian Forbes si distingue radicalmente dall’attuale linea dominante dell’SNP, fino a poco tempo fa multiforme, con una forte ala moralmente conservatrice, un tempo costruita sotto il patrocinio del leggendario Winnie Ewing, il primo deputato SNP eletto alla Camera dei Comuni nel 1967. Tuttavia, la sua tendenza è stata quasi completamente eliminata all’interno dell’SNP. Emblematiche per questo sono state le dimissioni di Dave Thompson, l’animatore del movimento Christians for Independence e ora leader del gruppo Action for Independence, il padre spirituale della carriera politica di Forbes, con il quale ha iniziato come assistente. Ma d’altra parte, il giovane politico ha ottenuto il riconoscimento delle comunità cristiane, anche quelle dall’altra parte del fiume Tweed.

Esprimiamo la nostra fede senza paura

L’attuale segretario, però, è fedele al suo partito, anche se non esita ad esprimere un parere a parte – ma non è più popolare nelle fila del mainstream SNP, la cui dirigenza va a caccia di non-politicamente-corretto “trans-“ e “queerfobi” per non parlare di atteggiamenti ancora di più… reazionari. Nel frattempo, Kate Forbes ha pregato ad alta voce durante la Giornata di preghiera pubblica del 2018: “Possano i nostri politici riconoscere che il modo in cui trattiamo i più vulnerabili, che siano i nascituri o i malati terminali, è una misura del vero progresso”. Quindi, mentre anche i politici dell’opposizione unionista ammettono che non c’è nessuno nel parlamento scozzese a cui non piaccia personalmente Kate, nel suo stesso partito ci sono seri dubbi sulla promozione della sua Segreteria da una delle posizioni più importanti nel governo di autonomia. Forbes deve occuparsi, tra l’altro, dei preparativi da parte della Scozia indipendente per l’introduzione della propria valuta – e ciò può essere fatto da qualcuno il cui atteggiamento nei confronti del movimento LBGTQ è quantomeno controverso?!

Forbes, tuttavia, ha ricevuto la nomina a Segretario, che è stata vista come un gesto della dirigenza dell’SNP nei confronti degli elettori più tradizionalisti, in particolare quelli della regione delle Highlands and Islands, dove le comunità cristiane (Church of Scotland, Free Church of Scotland e cattoliche), sebbene non sostengano il postmodernismo estremo di Holyrood, costituiscono ovviamente anche vere e proprie roccaforti del movimento indipendentista. Un paio di mesi fa, i circoli di genere più radicali hanno quindi lanciato un attacco collettivo, sia pubblico che dietro le quinte, nel tentativo di impedire a Forbes di votare per formare un governo. Tuttavia, un MSP di una delle circoscrizioni più belle della Scozia – Skye, Lochaber e Badenoch – ha risposto con dignità che lei rappresenta tutti i suoi elettori, indipendentemente dal loro atteggiamento nei confronti della religione. Ma il cristianesimo è l’essenza della sua propria esistenza e lei considerava e considera tale onestà sulla sua fede come la cosa più importante in assoluto. – Vorrei che il mio esempio ispirasse gli altri a superare la paura e le difficoltà di esprimere pubblicamente la nostra fede nel servizio pubblico – ha annunciato Forbes.

I critici si sono calmati. Ma possiamo essere sicuri che non sarà per molto…

[1] https://www.bbc.co.uk/news/uk-scotland-scotland-politics-57203901

************************************************

Articolo originale di Konrad Rękas:

https://www.geopolitica.ru/en/article/scotland-presbyterians-without-god

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.