Lo dice la scienza? No, lo dice la tecnocrazia

tecnocrazia

tecnocrazia

Sconfiggere la tecnocrazia è fondamentale per la vita

La propaganda e la politica a favore della vita incontrano una resistenza intransigente da parte dell’élite occidentale. Le Nazioni Unite promuovono l’accesso all’aborto come norma internazionale. I leader dell’Unione Europea criticano costantemente e cercano di soffocare le leggi a tutela del diritto alla vita in Polonia e Ungheria. 1. Tutte le riviste mediche più influenti al mondo: New England Journal of Medicine, Journal of the American Medical Association, British Medical Journal, ecc.  – considerano l’aborto come uno dei diritti fondamentali del paziente. sul sostegno al suicidio assistito. 2 E, naturalmente, praticamente tutti i media mainstream si oppongono alla promozione dell’inviolabilità della vita come una cosa ovvia.

di Peter Wexler –

Nonostante questi ululanti venti contrari, il movimento pro-vita ha utilizzato le libertà disponibili in Occidente a livello internazionale per sfidare nelle piazze pubbliche e nelle sale governative le opinioni e le politiche ortodosse contro la santità della vita, combattendo non solo contro l’aborto, ma anche contro la legalizzazione dell’eutanasia. / assistenza al suicidio, la correttezza morale della ricerca sulle cellule staminali embrionali e altre biotecnologie, che sono minacce alla coscienza dei medici e simili. Ma con l’avvento della “tecnocrazia”, ​​potrebbe arrivare il momento in cui le “zone di protezione” non impediranno agli attivisti della vita di presentare idee opposte alla società in generale e di perseguire le politiche pubbliche attraverso normali processi democratici.

Il pericolo della tecnocrazia

Cosa intendo per “tecnocrazia”? In effetti, questa parola è tradotta come “gestione degli esperti”. Ma nella sua versione attuale, significa molto di più. L’incombente tecnocrazia minaccia di stabilire un controllo significativo sugli aspetti più importanti della vita da parte di “esperti” – scienziati, bioeticisti e “influenzatori” sociali – ma minaccia anche di imporre ortodossie culturali e politiche oltre la legge ed anche attraverso l’azione volontaria di potenti segmenti del settore privato.

La tecnocrazia è un autoritarismo morbido. Non istituisce gulag per imprigionare i dissidenti, né pronuncia esecuzioni tiranniche per punire i ribelli. Invece, la tecnocrazia soffoca la discussione democratica spostando gran parte del processo decisionale sulle principali questioni politiche dalle persone dai loro rappresentanti eletti, a una classe di esperti le cui decisioni si basano sulla loro istruzione ed esperienza, nonché sui dati che pensano importanti. In altre parole, al posto delle leggi fatte dai rappresentanti del popolo, i burocrati impongono regole basate su opinioni e consigli tecnocratici. Come scrisse lo scrittore John H. Evans alcuni anni fa:

La prima caratteristica della tecnocrazia. . . è una “profonda ostilità alla politica in sé” e alla capacità della società di prendere decisioni. La seconda e più importante caratteristica della tecnocrazia è che il governo degli esperti è giustificato dal fatto che le decisioni politiche appaiano basate solo su postulati fissi; non su valori che variano tra i vari gruppi. Ciò si ottiene in politica eliminando il dibattito sui valori e prendendo decisioni politiche esclusivamente sulla scelta dei mezzi più efficaci per promuovere i propri valori. 3

Come siamo arrivati ​​al punto in cui gli esperti minacciano di stabilire un controllo effettivo sulla società? Puoi dare la colpa alla crisi innescata dal Covid, abbracciata opportunisticamente da una classe di aspiranti tecnocrati e che nello stesso tempo sono riusciti a creare timidezza tra le persone che vogliono essere al sicuro. I globalisti hanno colto l’occasione unica per aumentare il loro potere su una scala internazionale senza precedenti. Come ha spiegato Klaus Schwab, fondatore e presidente esecutivo del World Economic Forum, il “lato migliore” della pandemia è stato quello di dimostrare “quanto velocemente possiamo cambiare radicalmente il modo in cui viviamo”. 4

Per incoraggiare ancora una maggiore compliance pubblica, il WEF ha lanciato la “Great Reset Initiative” con l’obiettivo di “rinnovare universalmente ogni aspetto della nostra società ed economia, dall’istruzione ai contratti sociali e alle condizioni di lavoro” con “ogni settore, dal petrolio e del gas al tecnologia, trasformata.”

Il Great Reset mira a rimodellare le economie su scala globale imponendo nuovi imperativi tecnocratici come mezzo per combattere il cambiamento climatico. Più pertinente all’argomento di questo articolo, il dottor Anthony Fauci ha affermato con coraggio che la lotta contro le future malattie infettive richiede il compito sbalorditivo di “ricostruire le infrastrutture dell’esistenza umana” autorizzando organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite e l’Organizzazione mondiale della sanità a imporre ” cambiamenti radicali. 5 Ciò significa, secondo Fauci e il suo coautore David M. Morens, che praticamente tutto nella società deve essere trasformato: “dalle città alle case e ai luoghi di lavoro, dai sistemi idrici e sanitari ai luoghi di svago e di ritrovo”.

La portata e l’ampiezza della loro ambizione è sorprendentemente arrogante. “In questa trasformazione”, scrivono, “dovremo dare la priorità ai cambiamenti nel comportamento umano che rappresentano un rischio di malattie infettive. I principali tra questi sono la riduzione dell’affollamento nelle case, al lavoro e nei luoghi pubblici e la riduzione al minimo dei disagi ambientali come la deforestazione, l’urbanizzazione intensiva e l’allevamento intensivo di animali”.

Pensa quanto costerebbe! Come minimo, il gigantesco compito richiederà una regolamentazione statale senza precedenti e invadente e il trasferimento del controllo politico dal livello nazionale a quello internazionale – nientemeno che un sistema sovranazionale tecnocratico e autoritario internazionale – con il potere di dirigere il modo in cui interagiamo con le altre persone nella famiglia, negli amici e nella società. Chiunque pensi che un potere così onnicomprensivo nel tempo a venire si limiterà a combattere i cambiamenti climatici o a creare una difesa contro future pandemie non comprende la natura umana e la natura seduttiva del potere.

Tecnocrazia e problemi della vita

In una tecnocrazia, quando si tratta di questioni a cui i proliferatori tengono di più, come politiche come l’aborto e il suicidio assistito che incidono sulla santità della vita umana, è probabile che i bioetici siano gli “esperti” più potenti su cui fare affidamento.  A questo proposito sorgono due domande: che cos’è la bioetica e chi sono i bioetici? 6

Bioetica è l’abbreviazione di “etica biomedica”. È una disciplina composta principalmente da un gruppo d’élite di filosofi morali accademici, medici, avvocati, teologi e altri intellettuali medici che si dedicano a un discorso pubblico e professionale flessibile sull’etica medica e su questioni più ampie della politica di salute pubblica. A meno che un bioeticista non abbia un elemento di modificatore del giudizio come l’essere “cattolico” o “conservatore” che precede la sua professione, i bioeticisti tendono ad essere ostili ai valori morali tradizionali della santità della vita e alle tradizioni etiche che i proliferatori tendono a far accettare.

Mentre l’etica medica si concentra sul comportamento dei medici nella loro vita professionale nei confronti dei loro pazienti, la bioetica ha un focus più ampio, concentrandosi sul rapporto tra medicina, salute e società. Quest’ultimo elemento consente ai bioeticisti di assumere competenze morali con ambizione e arroganza mozzafiato. Molti si considerano letteralmente i creatori di “quadri per il giudizio morale e il processo decisionale” 7 che creeranno “principi morali” che determinano come “dovremmo vivere e agire” in base alla loro “saggezza” percepita che deciderà cosa è “particolarmente adatto alle scienze mediche e alle arti mediche“. 8 Alcuni, infatti, sostengono che “la bioetica va oltre i codici etici delle diverse pratiche professionali.equilibrio globale » 9 (corsivo mio). In altre parole, tecnocrazia.

Il pericolo della tecnocrazia per la medicina etica

I tecnocrati bioetici non credono nel giuramento di Ippocrate. Come il defunto dottor Sherwin Nuland sul New England Journal of Medicine sbuffò , scrivendo a favore della legalizzazione dell’eutanasia:

Coloro che prestano giuramento nel tentativo di formare o legittimare le loro opinioni etiche dovrebbero capire che negli ultimi 200 anni questa affermazione è stata considerata un simbolo di coesione professionale piuttosto che il suo contenuto. I suoi concisi suggerimenti non possono essere usati come principi generali per evitare la responsabilità personale inerente alla pratica medica. In definitiva, il comportamento del medico al capezzale è una questione di coscienza individuale.

Che pensiero spaventoso. Quando dico a un pubblico che solo il 13 per cento circa dei medici fa il giuramento di Ippocrate, se è così, immancabilmente rispondono con forti e scioccati sospiri di allarme. I pazienti credono che i medici abbiano determinati obblighi professionali nei confronti dei pazienti che non devono essere violati, indipendentemente dalle convinzioni individuali del medico. In effetti, i pazienti considerano giustamente il giuramento di Ippocrate come una delle loro difese primarie contro il potere schiacciante sulle nostre vite vulnerabili che di necessità mettiamo nelle mani dei nostri medici. Tale obbligo è sintetizzato dal principio ippocratico, secondo il quale il medico “non fa male” al paziente, anche se il paziente desidera diversamente.

Ma non è così che la maggior parte dei bioeticisti vede questa cosa. Piuttosto, i più influenti adottano un approccio che mette al primo posto “qualità della vita”ma in maniera utilitaristica, in modo che alcune vite contano di più o sono percepite come più autorizzate alla protezione legale rispetto ad altre. Ecco il problema: le considerazioni sulla qualità della vita sono buone quando sono un fattore nelle decisioni mediche, cioè se il paziente ritiene che i potenziali effetti dannosi del trattamento proposto valgano il rischio per ottenere i benefici per la salute desiderati. Ma diventa una forma di fanatismo quando la qualità di vita percepita del paziente diventa il fattore determinante del suo valore morale.

In questa applicazione, viene spesso definita “etica della qualità della vita”. Da questo punto di vista, una persona deve guadagnarsi il suo valore possedendo determinate capacità e caratteristiche.

Il bioeticista di Princeton Peter Singer spiega in Rethinking Life and Death :

l bioeticista di Princeton Peter Singer spiega in Rethinking Life and Death :

Dobbiamo trattare le persone in base alle loro caratteristiche eticamente rilevanti. Alcuni di essi sono inerenti alla natura dell’essere. Includono la coscienza, la capacità di interagire fisicamente, socialmente e mentalmente con altri esseri, avere preferenze consapevoli per continuare la vita e avere esperienze piacevoli. Altri aspetti importanti dipendono dal rapporto della creatura con gli altri, come avere parenti che piangeranno la tua morte, o la funzione di responsabilità tenuta nel gruppo tale che se taluno viene ucciso [sarà una perdita tale che] gli altri temeranno per la loro stessa vita. Tutto ciò influisce sull’atteggiamento e sul rispetto che dovremmo avere per un tale essere. 11

Il pericolo dell’approccio di Singer dovrebbe essere ovvio per ogni lettore. Gli standard che Singer utilizza per misurare la dignità umana sono i suoi standard, basati su ciò che considera importante e “rilevante”. E qui sta il nocciolo del problema. Le idee soggettive sul valore di una persona, dopotutto, sono associate alla forza bruta e a chi dovrebbe giudicare.

Nel nostro recente passato, ad esempio, le decisioni che denigrano il valore morale di un sottogruppo di persone, cioè i neri, sono state prese per giustificare la loro oppressione e sfruttamento sulla base di caratteristiche del colore della pelle presumibilmente appropriate e stereotipi culturali. L’etica della qualità della vita non è diversa: sono cambiate solo le “caratteristiche rilevanti”, non l’approccio sbagliato. La qualità della vita come misura morale priva le persone di valore e dignità sulla base della salute o della disabilità, proprio come fa il razzismo sulla base del pigmento della pelle, della struttura dei capelli o della forma degli occhi. 12

Va bene Wesley. Capisco il pericolo teorico. Ma come potrebbe svolgersi questo nel mondo reale se la bioetica fosse autorizzata dalla tecnocrazia a determinare la politica sanitaria? Sono felice che tu l’abbia chiesto. Ecco solo alcuni possibili esempi:

Aborto prima del nono mese. I bioeticisti tradizionali non solo credono che l’aborto dovrebbe essere legale, ma lo considerano un diritto positivo a cui ogni donna incinta ha un diritto morale se lo desidera. Ciò significa la rimozione di tutte le restrizioni sull’aborto in termini di tempo e metodo.

A New York una legge del genere è già stata approvata. Come descritto da Richard Derflinger in “The Catholic Standard “:

Estende gli aborti legali dalle 24 settimane di gravidanza al parto per motivi di “salute” (che nell’ambito dell’aborto significa “benessere” emotivo e sociale, prescrizione di aborto su richiesta). Ciò consente a “professionisti sanitari” diversi dai medici di eseguirli.

Abroga inoltre 10 disposizioni della legge di New York. Tra questi: la disposizione che l’aborto è consentito solo con il consenso della donna; una legge che consente l’accusa di omicidio colposo per un aborto che ha causato la morte di una donna durante un aborto; una legge che vieta gli aborti spontanei (che Miller chiama “auto-amministrati”); una legge che richiede la cura di un bambino nato vivo in un tentativo di aborto tardivo; una legge contro la somministrazione a qualcuno di una droga o di un altro strumento allo scopo di “indurre illegalmente un aborto spontaneo in una donna”. 13

In una tecnocrazia, ci si può aspettare che tali politiche a favore dell’aborto vengano applicate su scala internazionale.

Supporto legale per suicidio/eutanasia: la legalizzazione dell’eutanasia e del suicidio assistito è standard nella bioetica tradizionale, con i professionisti più importanti che sostengono quella che eufemisticamente chiamano “morte assistita”. Ci sono delle eccezioni, ovviamente. Ironia della sorte, nonostante la sua opposizione all’etica della santità della vita, Ezekiel Emanuel, uno dei bioeticisti più influenti del Paese e uno dei principali consiglieri del presidente Joe Biden, si oppone alla legalizzazione dell’eutanasia. (Altre informazioni sulle opinioni di Emanuel di seguito.)

Razionamento dell’assistenza sanitaria: la maggior parte dei bioeticisti sostiene anche il razionamento dell’assistenza sanitaria. Tale politica può assumere diverse forme. Ad esempio, le “cure inutili”, in cui i comitati di bioetica ospedaliera hanno il potere di costringere i pazienti a rinunciare al trattamento necessario per prolungare la vita sulla base di un giudizio sulla qualità della vita. 14 L’inutile preoccupazione è un razionamento più o meno ad hoc. Molti bioeticisti preferirebbero un razionamento formale, come il sistema QALY (Quality-Adjusted Life Year), in cui l’accesso a determinati trattamenti è consentito o negato in base a formule di qualità della vita stabilite dai burocrati sanitari. 15

Distruzione della coscienza medica: sempre più spesso i bioeticisti sostengono che il diritto all’aborto o al suicidio assistito debba diventare un diritto obbligatorio. Questo è un enorme passo avanti rispetto a quella che io chiamo “mera legalizzazione” perché richiederebbe al governo di garantire l’accesso, il che in pratica significherebbe costringere legalmente i professionisti sanitari alla complicità, anche se violasse le loro convinzioni religiose o principi morali. . Ciò significherebbe emanare leggi e regole etiche che richiedono ai medici e ad altri operatori sanitari di agire su richiesta o di assumere un altro professionista che il medico originale sa eseguirà l’aborto, l’eutanasia, ecc., a volte indicato come “rinvio effettivo”. “.

L’attacco alla coscienza dei medici è già iniziato. Emanuel ha scritto a favore di tale coercizione nel New England Journal of Medicine . 16 Lo stato australiano del Victoria richiede tale partecipazione all’aborto e ha sanzionato almeno un medico per essersi rifiutato di partecipare all’aborto selettivo per sesso. 17 La partecipazione involontaria a tutte le procedure mediche legali, inclusi in particolare l’aborto e l’eutanasia, è richiesta dalle regole di etica medica in Ontario, Canada, confermate dalla decisione della Corte d’Appello. 18 (L’effetto collaterale desiderato di tale politica, dal punto di vista dei tecnocrati, sarebbe quello di costringere medici, infermieri e farmacisti pro-vita a lasciare il loro lavoro.)

Pericolo per la libertà di associazione e di pensiero

Ultimamente, sono diventato preoccupato che la tecnocrazia in Occidente adotterà molte delle strategie di controllo sociale dispiegate dal Partito Comunista Cinese per costringere il popolo cinese alla sottomissione. Non fraintendermi. Non credo che l’autoritarismo tecnocratico metterà i dissidenti nei campi o si impegnerà nella repressione violenta di idee non ortodosse. Ma credo che potremmo assistere a una forma di esclusione sociale imposta dal settore privato di coloro che non hanno idee “accettabili” o propongono quelle che sarebbero definite politiche discriminatorie, cioè salvavita.

Un modello approssimativo è il sistema di “credito sociale” in costruzione nella Cina comunista. Ecco come questa perniciosa tirannia dovrebbe operare una volta che sarà completamente online. Utilizzando potenti tecnologie informatiche avanzate come riconoscimento facciale, intelligenza artificiale e GPS, il governo monitora il comportamento individuale e le associazioni dei cinesi, premiando coloro che sono socialmente conformi e punendo coloro che si impegnano in attività “antisociali” indesiderabili. – in particolare, cristiani o altri credenti. 19 Algoritmi informatici analizzano i dati raccolti e calcolano i “punteggi sociali” di ogni cittadino cinese.

Il sistema del credito sociale potrebbe essere il mezzo di controllo sociale più efficace mai escogitato, utilizzando il “punteggio” per premiare l’obbedienza o punire la resistenza. I vantaggi di un credito sociale elevato possono includere affitti inferiori. Ma le conseguenze di un punteggio basso sono draconiane, inclusa la perdita del lavoro, l’impossibilità di affittare un appartamento e persino l’essere inseriti nella lista nera per aver preso l’autobus centrale. Ma peggiora. I “peccati” sociali dei genitori ricadono sui figli. Il bambino può essere espulso dall’università e privato della sua capacità di lavorare, il che a sua volta può distruggere il futuro del bambino, rendendolo incapace di trovare un coniuge o di partecipare a gruppi sociali della comunità. Una cosa è accettare le conseguenze delle proprie convinzioni personali, un’altra è vedere come le proprie azioni rovinino la vita dei bambini.

Non mi aspetto che i governi occidentali siano così arbitrari. La costituzione lo vieterebbe, certo. Ma sono preoccupato che una forma meno rigorosa di controllo sociale tecnocratico imposto dal settore privato possa essere utilizzata dalle grandi società “risvegliate” per isolare ed emarginare individui e gruppi socialmente conservatori che resistono all’ortodossia politica tradizionale.

Ascoltami. E se il settore privato iniziasse a imporre le ortodossie utilitaristiche e della qualità della vita imposte dalla tecnocrazia promulgate dalla tecnocrazia bioetica? Non abbiamo bisogno di essere sorpresi. Questo ha già cominciato ad accadere con quella che viene spesso definita “cultura della cancellazione”. venti

Quando il Religious Freedom Restoration Act è stato approvato in Indiana per proteggere la libera pratica della religione nello stato, alcune delle più potenti corporazioni del mondo hanno minacciato di boicottare lo stato fino a quando i legislatori non hanno cambiato la legge. 21 Lo stesso quando la Carolina del Nord ha approvato la “bolletta del bagno”, che richiedeva alle persone di utilizzare i bagni pubblici in base al loro sesso biologico. 22

Più recentemente, abbiamo assistito alla soppressione di idee non ortodosse nei campus universitari. Considera l’idea di accettare un invito a parlare in un campus secolare se sei un noto sostenitore della vita. Molto probabilmente, i progressisti del campus solleveranno proteste rabbiose, costringendo l’amministrazione ad annullare l’invito.

Oppure pubblica un video su YouTube che contraddica l’insegnamento ortodosso su questioni che interessano i distributori. Non solo è probabile che il video venga rimosso, ma le società tecnologiche non permetteranno all’organizzazione di sponsor di monetizzare le loro opinioni. 23

La situazione potrebbe peggiorare. Stiamo già assistendo a pressioni sulle istituzioni finanziarie affinché non facciano affari con industrie sfavorevoli come i produttori di armi o i rivenditori. 24 E se ci fossero pressioni simili sulle banche affinché non facessero affari con gruppi “fanatici” che sostengono la limitazione delle “libertà riproduttive” o si oppongono alla difesa del transgender o ad altri programmi socialmente corretti? Non solo questo può accadere, ma sta già accadendo. Guarda cosa è quasi passato per la mente a un fornaio del Colorado che si è rifiutato di preparare una torta nuziale gay. Ci volle una decisione della Corte Suprema degli Stati Uniti per salvarlo dalla rovina. 25

Conclusione

È certo. Man mano che una tecnocrazia internazionale guadagna forza e influenza, impone politiche Covid obbligatorie all’adozione di visioni utilitaristiche su questioni bioetiche e sopprime la diffusione di opinioni e punti di vista non ortodossi.

Ma questo non significa che dobbiamo abbandonare i principi democratici a favore del dominio degli esperti. Alexander Ivanovich Solzhenitsyn, il grande dissidente sovietico, ha scritto in connessione con la nostra situazione attuale: “Vale la pena sottolineare che fin dall’antichità il declino del coraggio era considerato l’inizio della fineUna tecnocrazia del tipo sopra descritto può avere successo solo quando è imposta a un popolo codardo. Se il movimento pro-vita ha dimostrato qualcosa, è che i suoi attivisti non sono codardi.

Naturalmente, questo non significa agire in modo sconsiderato o scagliarsi in modi contrari alle norme di advocacy in una società libera. Ma in questa crisi in corso, non evitiamo di vivere pienamente come uomini e donne liberi, nonostante i potenziali costi, compresa la resistenza all’imposizione di un governo internazionale da parte di esperti. Perché se un tale autoritarismo stabilirà mai il suo potere, sarà quasi impossibile invertirlo.

APPUNTI

1. Reuters, “Il Parlamento europeo afferma la decisione sull’aborto influenzata dal governo polacco”, 26 novembre 2020 (Il Parlamento europeo afferma la decisione sull’aborto influenzata dal governo polacco, yahoo.com) .

2. Ad esempio, vedere Elizabeth Nash, Abortion Rights at Risk—What Clinicians Should Know, 8 agosto 2019 (N Engl J Med 2019; 381:497-499) ( Abortion Rights at Risk—What Clinicians Should Know) know | NEJM, www.nome.org ).

3. John H. Evans, The History and Future of Bioethics, A Sociological View (2011, Oxford University Press), pp. 122-123.

4. Klaus Schwab, “It’s Time for the ‘Great Reset’ World Economic Forum”, 3 giugno 2020 (It ‘s Time for the ‘Great Reset’ of Capitalism | World Economic Forum, weforum.org ).

5. David M. Morens e Anthony S. Fauci, “Emerging Pandemic Diseases: How We Got to Covid-19”, Cell, 182, 1077-1092, 3 settembre 2020 ( Emerging Pandemic Diseases: How We Got to Covid -19 19 , cellulare.com).

6. Parte del materiale seguente è stato tratto da The Culture of Death: The Medical Age of Do Harm di Wesley J. Smith (New York, Encounter Books, 2016).

7. Tom L. Beauchamp e James F. Childress, Principi di etica biomedica , quarta edizione (New York: Oxford University Press, 1994), 3.

8. Humanhood : Essays in Biomedical Ethics (Buffalo, NY: Prometheus Books, 1979), 5.

9. “La bioetica e la sua importanza nel mondo per la protezione dei diritti umani”, Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura (UNESCO), 93a Conferenza Interparlamentare, Madrid, marzo 1995

10. Sherwin Nuland, M.D., Suicidio assistito dal medico ed eutanasia in pratica, N Engl J Med 2000; 342:583-584, 24 febbraio 2000 ( Suicidio assistito dal medico ed eutanasia in pratica | NEJM, nejm. org).

11. Peter Singer, Ripensare la vita e la morte , supra, p. 191.

12. Per un’inquietante prospettiva in prima persona su come “l’etica della qualità della vita” metta in pericolo i più deboli e vulnerabili, vedere Wesley J. Smith, ” The Deadly Quality of Life Ethic “, First Things , 6 luglio 2020 ( Deadly ” qualità della vita” etica | Wesley J. Smith | First Things, www.firstthings.com ).

13. Richard Doerflinger, Building a Wall Against Life , The Catholic Standard , 25 gennaio 2019 (Building a Wall Against Life Multimedia Catholic News, cathstan.org ) .

14. См., например, Wesley J. Smith, «Medicare and Medical Futility», Washington Examiner , 16 novembre 2015 г. ( Medicare e Medical Futility , washingtonexaminer.com ).

15. Molte riviste mediche hanno già pubblicato editoriali a sostegno dei sistemi QALY. Si veda, ad esempio, Peter J. Neumann e Milton S. Weinstein, ” Legge contro l’uso delle informazioni sull’efficacia dei costi “, N Engl J Med 2010; 363:1495-1497, 14 ottobre 2010 (Legge contro l’uso delle informazioni costi-benefici | NEJM, nejm.org ).

16. Ronit Y. Stahl e Ezekiel J. Emanuel, MD, Medici non di leva – Obiezione di coscienza medica, N Engl J Med 2017; 376:1380-1385, 6 aprile 2017 ( Medici, non coscritti: obiezione di coscienza al servizio militare nell’assistenza sanitaria | NEJM, nejm.org ).

17. Si veda Wesley J. Smith, In Defense of Physicians’ Conscience Rights, The Plough , 29 agosto 2018 ( In Defense of Physicians’ Conscience Rights, Wesley J. Smith, plough.com ).

18. Corte d’Appello dell’Ontario, Christian Medical and Dental Society of Canada c . Ontario College of Physicians and Surgeons , 2019 ONCA 393 DATA: 20190515 DOCKET: C65397

19. Vedi, ad esempio, Nina Shi, “The State of Religious Freedom in China,” Hudson Institution, 12 luglio 2019 ( “The State of Religious Freedom in China ,” Nina Shi, hudson.org ).

20. Neha Banka, “Spiegazione: cos’è una ‘cultura della cancellazione’?” The Indian Express , 23 agosto 2020 ( Spiegazione: cos’è la “cultura della cancellazione”?, msn.com ) .

21. Nicole Hensley, “Corporazioni, città e celebrità chiedono il boicottaggio dell’Indiana dopo che il governatore ha firmato un disegno di legge controverso sulla libertà religiosa”, New York Daily News , 27 marzo 2015 ( Corporazioni, città e celebrità chiedono il boicottaggio dell’Indiana dopo che il governatore ha firmato un disegno di legge sulla libertà di New York Notizie quotidiane, nydailynews.com ).

22. Savannah Pointer, “Netflix boicotta la Carolina del Nord per la fattura del bagno ‘controversa’”, The Western Journal , 12 gennaio 2019 ( www.westernjournal.com/netflix-boycotts-north-carolinabathroom-bill ).

23. Bill McMorris, “YouTube rimuove i video ProLife dal sito”, 26 maggio 2017 ( YouTube rimuove i video ProLife dal sito , freebeacon.com ).

24. Polly Mosendz, “Il business delle banche senza armi è preoccupante”, afferma il capo della CFPB, Bloomberg, 12 aprile 2018 (“Il business delle banche senza armi è preoccupante”, afferma il capo della CFPB su bloomberg.com ).

25. CAPOLAVORI DELLA TORTA, LLC. RAPPORTO SUI DIRITTI CIVILI DEL COLORADO 370 P. 3d 272 16-111 ( Masterpiece Cakeshop, Ltd. contro Colorado Civil Rights Community , 04/06/2018 , Supremecourt.gov ).

Circa l’autore

Wesley J. Smith è Senior Fellow presso il Center for Human Eccezionalità del Discovery Institute e consulente del Patients’ Rights Council. Nel maggio 2004, il National Magazine ha nominato Smith uno dei principali pensatori della bioingegneria della nazione grazie al suo lavoro in bioetica. Nel 2008, la Human Life Foundation lo ha nominato Great Defender of Life.

Exit mobile version