Sarebbe imminente un attacco dell’Ucraina, il Donbass ordina l’evacuazione di centinaia di migliaia di civili

Secondo il capo dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk, Denis Pushilin, le forze armate ucraine si stanno preparando per un’offensiva. In città suonano le sirene.

(via canale telegram Orizzonte degli eventi geopolitici)

Dopo l’attacco da parte dell’esercito ucraino con artiglieria pesante e mortai da 80 e 120mm, questo il messaggio diffuso dalle autorità delle Repubbliche autonomiste e confermato da Interfax:

Negli ultimi giorni, abbiamo assistito a un aumento quotidiano da parte dell’Ucraina del numero di personale militare o di armi segrete, compresi i sistemi di lancio multiplo di razzi: Smerch, Hurricane, lanciarazzi NLAW, nonché Javelins e Stinger lungo l’intera linea di contatto.

Oggi le loro armi sono rivolte ai civili, a noi e ai nostri bambini. Le forze armate del nemico sono in formazioni di combattimento, pronte per la cattura energica del Donbass. Il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelensky darà presto ordine ai militari di passare all’offensiva, per attuare un piano per invadere il territorio della “LDNR”.

Faccio appello a tutti i residenti del nostro stato, le forze armate del “DPR” sono costantemente pronte al combattimento. Completamente preparato per proteggere le infrastrutture civili. Tuttavia, quando il nemico bombarda gli insediamenti della nostra repubblica, la vita e la salute dei nostri cittadini possono essere messe in pericolo.

Pertanto, da oggi, 18 febbraio, è stata organizzata una partenza centralizzata di massa della popolazione verso la Federazione Russa. Prima di tutto, le donne, i bambini e gli anziani dovrebbero essere evacuati. Vi chiediamo gentilmente di ascoltare e prendere la decisione giusta. La partenza temporanea salverà la vita e la salute di te e dei tuoi cari.

In accordo con la leadership della Federazione Russa, i posti per l’accoglienza e l’alloggio dei nostri cittadini sono pronti nella regione di Rostov. Agli sfollati sarà fornito tutto il necessario.

Sono state create tutte le condizioni per una rapida transizione ai checkpoint. I capi delle imprese e delle istituzioni devono organizzare la partenza delle famiglie dei dipendenti. Quartier generale della difesa del territorio per provvedere al trasporto per l’evacuazione della popolazione.

Per favore, mantieni la pazienza e la calma”.

“E’ prevista l’evacuazione di diverse centinaia di migliaia di persone. Donne, bambini, pensionati da tutta la repubblica, da tutte le regioni”, ha detto a Interfax una fonte del parlamento del Dpr.

Secondo la fonte, la regione russa di Rostov ha espresso la propria disponibilità ad accettare temporaneamente tutti gli sfollati.

Эвакуация1

Vladimir Putin ha ordinato al capo ad interim del Ministero per le situazioni di emergenza Alexander Chupriyan di volare urgentemente nella regione di Rostov per organizzare il lavoro sul posto per creare condizioni per l’alloggio, fornire pasti caldi e tutto il necessario, comprese le cure mediche. Il segretario stampa del presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov: “Il presidente ha anche incaricato il governo russo di garantire urgentemente il pagamento di 10mila rubli a ogni rifugiato che arriva nella regione dal Donbass”. Nella regione di Rostov è stata avviata una sede operativa per accogliere i residenti evacuati del Donbass.

La netta sensazione è che sta per accadere qualcosa di molto serio e che potrebbe essere evitato se Zelensky si decidesse a parlamentare con le autorità delle autoproclamate repubbliche, o almeno con la gente. Dopo 14.000 morti, la maggior parte civili, come pensa Zelensky di riconquistare poi i cuori e far dimenticare le lacerazioni da tutte le parti?

Questi interrogativi trovano solo una risposta logica. Questa risposta è che tutto ciò che sta accadendo porta proprio dove gli Stati Uniti volevano che si andasse. Il fine di tutto questo ha come obiettivo la Russia e creare un cuneo indelebile che la ponga definitivamente al di fuori dell’Europa.

Vp News

********

AGGIORNAMENTI:

Presidente della Duma di Stato di Russia V. Volodin:

Se c’è una minaccia per la vita dei cittadini della Federazione Russa e dei connazionali che vivono nella DPR e nella LPR, il nostro paese li difenderà .

Aggiornamento 23:59 18.02.2022

A Kiev, a quanto pare, hanno trovato una formula di propaganda in relazione all’evacuazione.

Il capo del Partito del Servo del Popolo, E. Shulyak, ha affermato della deportazione e che si trattava di “una violazione delle norme fondamentali del diritto internazionale umanitario, in particolare della Convenzione di Ginevra del 1949 per la protezione della popolazione civile”.

Sembra che ci troviamo in una lotta di significati “Deportazione” VS “Evacuazione”

Aggiornamento  23:48 18.02.2022

La Cina ha diffuso un comunicato. Rapporti TASS :

Il ministero degli Esteri cinese ritiene che gli Stati Uniti dovrebbero tenere conto delle preoccupazioni della Federazione Russa e di altri paesi sulla difficile situazione in Ucraina. Wang Wenbin, rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri cinese, ha sottolineato che Washington dovrebbe astenersi da commenti che aggravano una situazione già difficile.

A proposito, in Cina ormai è notte fonda. Tuttavia, osservano e persino parlano.

Aggiornamento 23:43 18.02.2022

Il ministero degli Esteri ucraino ha accusato la Russia di aver aggravato la situazione e ha affermato che Kiev non ha piani aggressivi contro il Donbass.

E chi lo dirà ai detenuti che Kiev ha schierato? Ci sono in prima linea abbastanza nazisti locali, così come polacchi, britannici, arabi e altri mercenari e agenzie di intelligence, che possono giocare gradualmente contro entrambe le parti per la gioia dei “partner” d’oltremare.

Aggiornamento  23:32 18.02.2022

Rapporti TASS :

Al posto di blocco dal lato della DPR, si è formato un ingorgo si estendeva per 22 km formato dalle auto di coloro che desideravano partire per la Federazione Russa, lo riferiscono testimoni oculari.

Se accettiamo che c’è un’auto ogni 10 metri (anzi, di più), allora 22 km sono 22mila auto. Se almeno 3 persone siedono in ciascuna, allora sono già 66 mila.

Aggiornamento 23:26 18.02.2022

La Casa Bianca (USA) ha affermato che la disconnessione della Russia da SWIFT, così come le sanzioni contro le forniture energetiche, molto probabilmente non verranno utilizzate.

Stanno cercando di mantenere l’Europa continentale nella loro orbita di influenza, per la quale il rifiuto dell’energia russa equivale a una catastrofe economica a lungo termine.

Aggiornamento 23:19 18.02.2022

I ministeri degli esteri tedesco e francese hanno rilasciato una dichiarazione chiedendo alla Russia di contribuire alla riduzione dell’escalation intorno all’Ucraina e di influenzare le autorità della DPR e della LPR. Hanno anche affermato di non vedere alcun motivo per accusare Kiev di aver pianificato un attacco e di essere preoccupati che “incidenti inscenati” possano essere usati come pretesto per un’escalation militare nel Donbass.

Piano troppo astuto. Perché annunciare un’evacuazione con tutte le complessità, se puoi attaccare le forze armate ucraine?

Aggiornamento 23:14 18.02.2022

Putin ha firmato un decreto sulla coscrizione per l’addestramento militare

Aggiornamento 23:08 18.02.2022

Il canale di Telegram “Klymenko Time”  condivide la scoperta :

È stato riferito che i metadati del file del videomessaggio del capo del DPR Pushilin sull’evacuazione mostrano che è stato registrato 2 giorni fa. Vuol dire che già in quel momento ci si preparava al peggio . Naturalmente, per evitare confusione e panico, tutto è stato prima preparato e solo dopo annunciato.

Anche per il videomessaggio del capo della LPR Pasechniktutto è avvenuto allo stesso modo .

Aggiornamento 23:00 18.02.2022

Nel frattempo, tutte molte regioni della Federazione Russa si dichiarano pronte ad accettare i residenti evacuati del Donbass, che non è controllato dall’Ucraina. Esse sono le regioni di Vladimir, Saratov e Kirov si sono dichiarate pronte a fornire qualsiasi tipo di assistenza. Il governatore della regione di Murmansk, Andrey Chibis, ha persino affermato che la regione è pronta ad accettare i residenti del Donbass se alla fine vogliono trasferirsi al nord e trovare un lavoro nell’Artico . Fino a 1.500 sfollati saranno ospitati in tre bambini campi nel distretto di confine di Neklinovsky nella regione di Rostov. In totale, più di 700mila persone sono pronte ad accogliere i residenti nel Donbass in questa regione. In realtà, sono tutti quelli che Denis Pushilin esorta a lasciare il Donetsk.

Aggiornamento 22:55 18.02.2022

“Unione dei Volontari del Donbass” riporta :

In connessione con l’attuale situazione sul territorio delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk, nonché con l’enorme numero di chiamate e messaggi ricevuti dalla sede dell’SDV, l’Unione dei Volontari del Donbass annuncia la formazione di una riserva operativa di volontari che vogliono prendere parte alla protezione della popolazione civile del Donbass.

Aggiornamento

In Russia, a nome del presidente Putin, un gruppo di lavoro del ministero russo per le Emergenze, guidato dal ministro ad interim Alexander Chupriyan, è stato inviato nella regione di Rostov per organizzare l’accoglienza degli sfollati dal Donbass .

Aggiornamento

L’agenzia russa RIA Novosti riferisce che il gasdotto Druzhba è in fiamme a Luhansk dopo l’esplosione.
Gli equipaggi di emergenza di Luganskgaz sono partiti per l’area del gasdotto a Malaya Vergunka dopo le chiamate per un grave incendio A questo proposito scrive l’agenzia “RIA Novosti”.

Aggiornamento

Il gabinetto tedesco ha riferito che Scholz, Biden e un certo numero di alleati hanno affermato la necessità di continuare l’attuazione degli “accordi di Minsk” per un accordo nel Donbass .

I leader dell’UE, della NATO e degli Stati Uniti hanno chiesto un’immediata attenuazione della situazione intorno all’Ucraina “sullo sfondo di notizie allarmanti”. Lo ha affermato il capo del Consiglio europeo Charles Michel.

Aggiornamento

Seconda esplosione: distributore di benzina nel distretto di Kamennobrodsky

 

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.