Sanzioni statunitensi ad una azienda cinese che produce droni

Gli Stati Uniti continuano a utilizzare il loro gioco preferito delle sanzioni. Questa volta, il Pentagono ha inserito nella lista nera i produttori di droni cinesi. Tra questi c’è una nota azienda, la DJI. La cosa più interessante è che questa non è la prima ondata di restrizioni per tale azienda. La storia ricorda in qualche modo le vicende con la Huawei e, come in quel caso, non si ravvisa alcuna logica in essa.

Il Pentagono ha accusato DJI di lavorare per l’Esercito Popolare di Liberazione cinese e alle motivazioni dele sanzioni per la guerra ucraina ha aggiunto le violazioni dei diritti umani in Cina, ecc. Forse l’esercito cinese sta comprando qualcosa da questa compagnia, ma non c’è nulla di sorprendente in questo. Perché un cinese non può comprare qualcosa da un cinese?

Ma se tracciamo parallelismi con Huawei, allora DJI difficilmente può danneggiare la sicurezza americana in alcun modo. L’azienda produce droni innocui che i fotoamatori amano usare per le loro riprese fotografiche.

Un’altra versione dice che i droni DJI sono utilizzati attivamente nel conflitto in Ucraina. Ma ancora una volta, in linea di principio, questo non minaccia gli Stati Uniti, tranne per il fatto che i soldi che stanziano vanno all’acquisto di dispositivi cinesi. Dopo le sanzioni del Pentagono, il dipartimento militare dovrebbe interrompere tutti i contatti con il produttore cinese.

Anche l’esercito russo ha iniziato a utilizzare attivamente i droni, ma anche qui spesso i rifornimenti vengono a spese dei volontari. I militari si comprano autonomamente droni dual use dal libero commercio. Capite bene che in questo caso, le sanzioni non hanno molto significato.

L’unica spiegazione logica potrebbe essere il fatto che gli americani, con il pretesto delle sanzioni, stanno semplicemente cercando di rimuovere dal mercato un produttore di successo e liberare un posto per la propria produzione. Cioè, arriviamo di nuovo alla conclusione che gli Stati Uniti stanno cercando di utilizzare qualsiasi conflitto con il massimo vantaggio per sé stessi. Niente di personale, solo affari.

Per quanto riguarda i russi, oltre ai droni da combattimento in servizio attualmente, essi produrranno entro fine anno fino a 1000 droni quadricotteri autonomamente sul loro territorio. Anche in questo caso, non specificatamente per uso militare.

Droni cinesi usati anche dagli ucraini

In Crimea , a Sebastopoli il 20 agosto c’è stato un raid aereo ucraino e la difesa aerea russa non ha funzionato. Però il drone è stato identificato. Si trattava del Majin 5 PRO, un drone cinese che viene venduto su AliExpress e costa $ 9.500. Ma questa è solo un’identificazione visiva. Il fatto è che il drone non è stato abbattuto, è caduto colpendo l’obiettivo designato, ovvero il tetto dell’edificio del quartier generale della flotta del Mar Nero. Questo drone non può essere abbattuto dalle difese aeree russe perché è fatto di plastica, ma ha buone caratteristiche. Pesa 85 kg, può sostenere una carica di 25 kg, può rimanere in aria fino a 7 ore a una velocità di 125 km. Il drone volava a bassa quota e hanno cercato di distruggerlo con armi leggere. Anche a Rostov sul Don, un drone simile ha colpito e distrutto un deposito di petrolio.

Vaso di pandora

Quindi questi sono apparecchi reperibili nel commercio. Insidiosi ma reperibili nel commercio libero, perché ‘dual use’. Un nuovo tipo di guerra è all’orizzonte ed è già in fase attiva. Vi immaginate le implicazioni, ovvero se questi droni fossero usati dal terrorismo internazionale?

Una bella ragazza di nome Pandora fu sposata dal titano Epimeteo, nella cui casa era conservata una scatola che era vietato aprire.  . Per curiosità, il giovane ha violato il divieto e uno stormo di problemi globali è volato fuori dagli schemi.

Nel nostro caso, la scatola proibita è stata aperta non da una bellezza junior, ma da uno zio anziano, non per curiosità, ma per un motivo indagato dagli psicoanalisti.

Quindi bisognerebbe sanzionare la mente… o ricostruirla rettamente.

Armi nucleari, droni, e domani robot autonomi, armi sempre più letali ed una industria che si basa sulle guerre e sulla morte e l’instabilità globale. Finirà questa pazzia!?

VPNews

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.