Russia /USA – Incontro a Ginevra per discutere su armi nucleari, sicurezza informatica e spazio

29 settembre 2021

A Ginevra, americani e russi fanno sì che il vertice Biden-Putin diventi realtà

“Il vice segretario di Stato americano Wendy Sherman e il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov si sono incontrati giovedì alla missione della Federazione Russa per continuare il dialogo strategico su armi nucleari, sicurezza informatica e spazio. Stanno realizzando la promessa fatta a Ginevra da Vladimir Putin e Joe Biden” – scrive il quotidiano svizzero Le Temps .

(…) “Il dialogo nella missione russa non si limiterà alla questione delle armi nucleari. Il ricercatore del Centro per la politica di sicurezza di Ginevra Mark Fino osserva:” Abbiamo la conferma che le discussioni saranno molto più ampie e che saranno riguardano la sicurezza informatica e lo spazio. Questo ricorda in qualche modo le dinamiche degli anni ’90, quando si svolsero i negoziati tra Mosca e Washington sulle armi nucleari e sullo spazio. In effetti, esiste una relazione molto stretta tra la stabilità strategica, ovvero la capacità di rispondere a un primo attacco, e la sicurezza informatica e le questioni spaziali. ”Inoltre, la sicurezza informatica è diventata il principale oggetto di contesa tra Mosca e Washington dopo l’interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali del 2016, circa come evidenziato dal rapporto del procuratore speciale Robert Mueller, e nel 2020.

(…) “Fino a che punto andranno le due potenze nei colloqui di Ginevra? Questa è una grande domanda”. La copertura di tutti i sistemi d’arma sarà significativa “, continua Mark Fino. – Secondo Mosca, i sistemi di difesa missilistica americani devono essere messi sul tavolo dei negoziati senza indugio. Le preoccupazioni russe sono anche legate alle armi strategiche non nucleari sviluppate nell’ambito del programma statunitense Rapid Global Strike. Questi sono missili a lunghissima gittata, non necessariamente molto veloci, ma molto precisi”.

(…) “La Russia, da parte sua, ha anche sviluppato nuove armi: missili ipersonici plananti, veicoli subacquei senza equipaggio con centrali nucleari, missili da crociera con motori nucleari che possono volare 24 ore su 24 in orbita. Probabilmente sarebbe pronta a includerli nelle trattative con gli americani, scrive Le Temps. “Più cose si mettono sul tavolo, più opportunità ci saranno per le trattative”, aggiunge Mark Fino. Le due delegazioni dovrebbero creare gruppi di lavoro congiunti”.

“Tra Stati Uniti e Russia, le misure restrittive sugli armamenti sono in realtà limitate principalmente da quanto previsto dal nuovo Trattato sulle armi strategiche, prorogato all’inizio dell’anno fino al 2026. Il Trattato limita il numero di testate nucleari da ciascuna parte a 1.550 e il numero di veicoli di consegna per armi nucleari verso l’obiettivo fino a 700. Tuttavia, non esiste tale limitazione nel cyberspazio e nello spazio esterno, due aree che stanno diventando sempre più importanti “, sottolinea la pubblicazione.

“L’ex alto diplomatico americano ed ex professore al War College di Washington, DC Michael Parmley considera molto importante questo dialogo russo-americano.” Si tratta di un ritorno a una lunga tradizione diplomatica tra i due paesi iniziata nei primi anni ’60. Molti esperti americani parlano russo, mentre gli esperti russi parlano inglese.

La cosa principale è che si parlano educatamente. Questo ricorda i senatori del Congresso come Richard Lugar che negoziavano regolarmente con i russi. “Michael Parmley conclude”, anche se Joe Biden ha parlato solo per più di un’ora con il presidente cinese Xi Jinping, vorrei che Washington stabilisse un tale dialogo con Pechino. ”

Fonte: Stéphane Bussard | Le Temps

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.