Russia e Siria valutano l’offensiva finale contro Idlib

Siria – La scelta di Erdogan è limitata poiché le forze siriane sostenute dalla Russia intensificano gli attacchi e valutano l’offensiva finale contro Idlib

La situazione di Erdogan in Siria

Tre soldati turchi sono stati uccisi l’11 settembre in un’esplosione di una bomba a Idlib, l’ultima roccaforte dell’opposizione islamista sostenuta dalla Turchia nel nord-ovest Siria. La Turchia ha reagito con un attacco contro i gruppi curdi sostenuti dagli Stati Uniti nel nord-est della Siria.

L’ultimo episodio “mette in evidenza la crescente situazione di Ankara a Idlib, dove le forze jihadiste prendono di mira le truppe turche, mentre la presenza militare della Turchia le protegge dall’esercito siriano”, spiega il giornalista turco e professore universitario Fehim Tashtekin.

Pensala come una guerra nella guerra: sebbene il conflitto decennale sia iniziato come un tentativo di rovesciare il presidente siriano Bashar al-Assad, si è trasformato in una guerra senza fine contro la Turchia senza alcuna strategia di uscita visibile oltre a quella proposta dalla Russia .

Una fondazione forte come una palude

Il ruolo della Turchia in Siria è diventato una palude decennale. Assad resta al potere con il sostegno di Russia e Iran. La Turchia e gli Stati Uniti continuano a sostenere le forze che vogliono rovesciare Assad, o almeno mantenere la propria posizione. Ma è improbabile che l’amministrazione Biden venga coinvolta nel cambio di regime. La Turchia è sempre più in disaccordo con Washington e Mosca praticamente su tutte le questioni.

Le fazioni si fanno sempre più strane: Turchia, Russia e Iran compongono il cosiddetto “Gruppo Astana” (dal nome del luogo in cui si sono incontrati per la prima volta) sulla diplomazia siriana. Il gruppo si è miracolosamente attraversato, nonostante il sostegno di Russia e Iran al governo siriano e all’opposizione turca.

La Russia, con il giusto tempismo, probabilmente sosterrà l’esercito siriano, che alla fine riprenderà la città di Idlib e schiaccerà il gruppo tacitamente sostenuto Hayat Tahrir al-Sham (HTS) e altri gruppi di opposizione jihadisti.

Le forze armate siriane hanno già intensificato gli attacchi a Idlib di recente e, secondo Khaled al-Hateb di Aleppo, ci sono timori nella regione per il massiccio sfollamento che potrebbe derivare dall’attacco.

Nel frattempo, il presidente turco Recep Erdogan sta cercando di prevenire un attacco a tutto campo. La Turchia ha già ospitato 3,6 milioni di rifugiati siriani, mettendo a dura prova la sua economia.

D’altra parte, vuole che gli Stati Uniti e l’Occidente mettano fine al sostegno ai Gruppi di protezione del popolo (YPG), un gruppo curdo che costituisce il nucleo delle forze democratiche siriane (SDF) sostenute dagli Stati Uniti che si oppongono al governo siriano. Le SDF sono state un partner locale siriano in alcune delle operazioni di successo della coalizione guidate dagli Stati Uniti contro lo Stato Islamico in Siria.

Erdogan vede le YPG come un gruppo terroristico indistinguibile dal Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) e alla pari con al-Qaeda e lo Stato islamico.

Così, mentre le forze turche affrontano il rischio crescente di un possibile attacco siriano a Idlib con il sostegno della Russia (maggiori dettagli di seguito), oltre che dagli attentatori dell’11 settembre, Erdogan continua ad attaccare i curdi siriani nelle aree occupate dai turchi. marionette siriane militari e filo-turche.

Metin Gurkan ha scritto qui il mese scorso che la Turchia sta usando sempre più i droni per colpire i leader curdi siriani e Amberin Zaman ha coperto i regolari attacchi turchi e bombardamenti di obiettivi curdi.

Metamorfosi non riuscita di HTS in Idlib

Nell’ambito degli impegni assunti nei colloqui di Astana e per preservare ciò che restava dell’opposizione armata contro Assad, la Turchia ha cercato di ammorbidire l’immagine di HTS e incoraggiarla a migliorare la propria immagine, anche rompendo i legami con gli elementi marginali più radicali, cercando allo stesso tempo di consolidare il resto delle forze armate di opposizione filo-turche come parte del nuovo Fronte di liberazione siriano, come riportato dal sultano Al-Kanj di Idlib.

La Turchia “presupponeva che la soppressione di altri jihadisti di HTS avrebbe adempiuto ai suoi obblighi nei confronti della Russia di distruggere i gruppi terroristici”, spiega Tashtekin. “Tuttavia, HTS ha rafforzato il suo emirato di fatto a Idlib e decine di gruppi radicali come Ansar al-Islam, Ansar al-Tawhid, Ansar al-Din, Ajnad al-Kavkaz e il Movimento islamico del Turkestan hanno mantenuto la loro presenza in la Provincia. Khurras al-Din, il gruppo che è l’ombrello di al-Qaeda, si sarebbe disintegrato, ma le fazioni non hanno lasciato la regione. Allo stesso modo, il movimento di HTS per sciogliere Jund al-Sham a guida cecena non significa che il gruppo sia stato eliminato”.

Il leader di HTS Abu Mohammed al-Golani ha partecipato a un blitz di pubbliche relazioni quest’anno, con il sostegno turco, incluso lo scambio della sua veste con un abito blu firmato e un taglio di capelli alla moda a febbraio per un’intervista con un giornalista americano quando ha detto che è stato torturato. presente e HTS ha arrestato solo “agenti del regime”. Ha anche detto che le comunicazioni di HTS con al-Qaeda erano state interrotte.

Nonostante abbia abbandonato la sua affiliazione ad al-Qaeda, HTS è ancora identificato dagli Stati Uniti, dal Consiglio di sicurezza dell’ONU e dalla Turchia come un gruppo terroristico.

Le realtà sul campo a Idlib indicano anche che HTS e Golani continuano a condurre la jihad in buona fede. Golani ha recentemente elogiato la presenza di combattenti stranieri a Idlib, affermando che “questi combattenti ora sono parte di noi. Fanno parte del popolo. Sono felici con le persone e anche le persone sono felici con loro “, afferma Mohammed Hardan.

Un altro difetto nella cosiddetta riorganizzazione di HTS è la sostituzione delle tanto criticate forze di sicurezza di HTS con una nuova unità chiamata polizia morale, come riportato qui da Hardan, e la messa al bando di un canale di notizie a favore dell’opposizione, come riportato qui da al -Kanj di Idlib.

Putin e la strada per Damasco

Il fallimento della Turchia a Idlib nel riaprire l’autostrada M4 ed espandere il perimetro di sicurezza intorno alla città, come richiesto dall’accordo con la Russia, ha aumentato la pressione russa su Ankara, che si rende conto che le sue possibilità di successo in Siria stanno diminuendo.

“Idlib era decisamente sotto i riflettori” quando il presidente russo Vladimir Putin ha ricevuto Assad a Mosca il 14 settembre, ha riferito Tashtekin. “Putin ha detto durante l’incontro che il problema principale in Siria oggi è la presenza di forze straniere senza permesso o mandato delle Nazioni Unite, un riferimento alla Turchia e agli Stati Uniti”.

Erdogan sente il caldo e potrebbe voler esplorare l’apertura preliminare dei rapporti con Damasco, che Putin spinge da anni.

“La volontà di Ankara di aprire un canale di comunicazione con Damasco, senza interrompere il sostegno ai gruppi di opposizione, riflette il suo desiderio di una cooperazione limitata, contro il desiderio di autonomia dei curdi”, scrive Tashtekin. “È improbabile che una politica così controversa possa impressionare Damasco”.

Come abbiamo scritto nel gennaio 2020: “Putin sta giocando al gioco diplomatico in Siria come se stesse scommettendo i soldi di altre persone quando gioca alla roulette politica. Prevede ancora una svolta diplomatica sui contorni del cessate il fuoco basato su una versione aggiornata dell’accordo del 1998 tra Siria e Turchia, in cui Damasco ha posto fine al suo sostegno ed espulso il PKK”.

Assad potrebbe pensare che questo sia il suo vantaggio e che la Turchia potrebbe essere presa nella morsa della recente esplosione diplomatica USA-Russia in Siria.

“Il dialogo USA-Russia potrebbe facilitare seri negoziati tra Damasco e i curdi, che a loro volta potrebbero ridurre la presenza militare della Turchia a est del fiume Eufrate”, conclude Tashtekin. “L’amministrazione Biden ha effettivamente allentato le sanzioni imposte ai sensi della Caesar’s Law ( Atto di protezione civile siriana ) consentendo alle petroliere iraniane di entrare nel porto siriano di Tartus, nonché il flusso di gas egiziano ed elettricità giordana verso il Libano attraverso la Siria. Questi segnali di miglioramento del dialogo USA-Russia lasceranno poco spazio ad Ankara.”

fonte: al Monitor

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.