Russia e Israele hanno trovato un accordo sull’offensiva siriana nella Siria meridionale

Diverse fonti riportano il raggiungimento di un accordo tra più parti che lasceranno all’esercito siriano il pieno controllo della Siria sudoccidentale senza il rischio di una piena conflagrazione che coinvolga Israele, l’Iran e la coalizione guidata dagli Stati Uniti … e molto probabilmente la Russia .

*************************

Secondo quanto riferito, Russia e Israele hanno raggiunto un accordo senza precedenti che permetterebbe alle forze di Bashar al-Assad di prendere il rimanente territorio ribelle nel sud della Siria, fintanto che i combattenti iraniani non parteciperanno.

Mosca sembra aver capitolato per le richieste israeliane di trattenere le milizie appoggiate da Teheran a 15 miglia dalle alture del Golan occupate, secondo quanto riferito da israeliani e sauditi. In cambio, Israele non si opporrà a nessuna offensiva del  regime siriano sulla città di Deraa e sul territorio lungo il confine israeliano e giordano.

La Russia ha detto oggi che solo le truppe dell’esercito siriano dovrebbero stazionare sulle frontiere meridionali del paese,  il messaggio sembra essere diretto all’Iran.

L’accordo sarebbe stato raggiunto nei giorni scorsi durante un colloquio telefonico tra Avigdor Lieberman, il ministro della Difesa israeliano, e Sergei Shoigu, il suo omologo russo. L’accordo evita un possibile confronto diretto tra Iran e Israele in Siria, dove le tensioni si sono intensificate tra i nemici negli ultimi mesi.   (The Telegraph)

In un articolo correlato su “Newsweek“, la Russia e gli Stati Uniti hanno concordato con le forze statunitensi di lasciare la loro base ad Al-Tanf e far trasferire tutti i ribelli a Idlib. In cambio, sarebbero stati aperti i valichi di frontiera tra la Siria e la Giordania. Tutte le milizie siriane e non siriane sarebbero state ritirate fino a quindici miglia e mezzo dal confine giordano. Presumo che l’ASA sarebbe stazionato lungo questo confine.

Questa è una vittoria importante per Damasco e solo un piccolo aggiustamento per Teheran. Le milizie affiliate iraniane hanno ancora molto da fare a ovest di Dara’a e del Golan. Gli unici veri perdenti in questi affari sarebbero i vari ribelli jihadisti nell’area. Senza il supporto logistico e militare da Israele, dalla Giordania e dal resto della coalizione guidata dagli Stati Uniti, i ribelli dovrebbero affrontare da soli il meglio dell’ASA. Le loro scelte sono di cercare la riconciliazione con Damasco, di essere spediti a Idlib con il resto degli avanzi jihadisti o di morire sul posto per mano della Tiger Force e il resto del fiore dell’ASA. I jihadisti dell’Isi nella zona di tre confini molto probabilmente moriranno sul posto.

Che Israele rinunci ai loro alleati jihadisti in cambio di una decina di miglia di separazione dalle milizie iraniane e l’IRGC mi indica che non hanno stomaco per un conflitto attivo sul fronte del Golan. Forse l’ultimo polverone in cui la SAA ha sparato ha dato all’IDF la ragione di ripensare alla propria strategia a lungo termine.

fonte: Russia Insider

Exit mobile version