Russia e Cina discutono da anni una possibile alleanza e siamo in dirittura di arrivo

"Alleanza militare tra Russia e Cina: basi, prospettive e conseguenze Il peggior sogno dei generali americani sta per diventare realtà"

Un articolo dell’istituto Russtrat (Institute of Russian Strategies) di Mosca affronta la possibile alleanza militare tra la Russia e la Cina: Il 4 febbraio 2021 c’è stata una conversazione telefonica tra i ministri degli Esteri della Russia e della Cina Sergei Lavrov e Wang I, il cui significato non può essere sopravvalutato. Infatti, in questa occasione Russia e Cina hanno deciso di prorogare di 10 anni l’accordo intergovernativo sulle notifiche di lanci di missili balistici e del lancio spaziale di velivoli. Tuttavia, ogni volta i due paesi compiono ulteriori passi di avvicinamento, anche per la persistente ed aumentata pressione degli Stati Uniti e della Nato e da una politica estera occidentale sempre più aggressiva nei confronti degli stessi.


MOSCA, 8 febbraio 2021, Istituto RUSSTRAT. 

Il 4 febbraio 2021 si è svolta una conversazione telefonica tra i ministri degli Esteri di Russia e Cina, Sergei Lavrov e Wang Yi, il cui significato non può essere sopravvalutato.

In vista del rinnovo del Trattato dell’amicizia e del buon vicinato, che sta per scadere, Pechino ha proposto di aggiungere i nuovi contenuti che riflettono il desiderio di entrambi i paesi di proteggere non solo la propria sicurezza ma anche la sicurezza reciproca e quella dei paesi amici. In effetti, possiamo dire che Pechino ha offerto a Mosca il perfezionamento di un’alleanza militare ufficiale.

È importante notare che quanto accaduto non è stata un’iniziativa improvvisa di Pechino. A giudicare dalle numerose riserve e dichiarazioni, comprese quelle degli alti funzionari, la questione è stata portata avanti e discussa a porte chiuse fin dal dal 2016, e nel 2020 c’è stata una seria convergenza di opinioni reciproche.

In particolare, il presidente della Russia il 22 ottobre 2020 a Novo-Ogaryovo ha dichiarato di accettare pienamente la conclusione di un’alleanza militare tra i due paesi, anche se “in generale” non ne hanno bisogno. Al che la parte cinese ha reagito immediatamente “molto calorosamente”.

Quindi la geopolitica globale e il riavvicinamento tra Russia e Cina è un processo naturale e inevitabile. Soprattutto considerando il fatto che entrambi i paesi hanno obiettivi e strategie a lungo termine molto simili, che peraltro non si sovrappongono tra di loro anche prevedibilmente in futuro. Ciò significa che per almeno mezzo secolo, se non di più, non dovrebbero esserci seri conflitti tra i nostri paesi che potrebbero sfociare in uno scontro armato.

E per tutto questo periodo, abbiamo un nemico comune piuttosto serio e lo stesso obiettivo geopolitico.

L’interesse della Cina per questa alleanza può essere riassunta in tre punti.

  1. Primo, [il primo punto di interesse] è l’ombrello nucleare strategico russo. Solo contro la Cina, gli Stati Uniti possono andare a una guerra nucleare (diciamo, limitata dal livello tattico delle testate), anche se in modo molto teorico, ma può farlo. Ma con una alleanza con la Federazione Russa – decisamente no.
  2. In secondo luogo, avendo ricevuto garanzia di avere le spalle coperte, Pechino potrà concentrare le proprie forze armate sul settore “orientale” , ovvero su un fronte potenziale piuttosto ristretto, garantendo così una decisiva superiorità di forze e mezzi su di esso.
  3. In terzo luogo, l’ esistenza di un simile trattato non solo scioglierà le mani della Cina nella “questione di Taiwan”, ma significherà anche che la Russia riconosce ufficiosamente il diritto di risolvere questa “questione” a propria discrezione.

Quale potrebbe essere l’interesse della Russia in una simile alleanza?

Prima di tutto, la firma dell’accordo costringerà automaticamente la Cina ad assumere una posizione più attiva e filo-russa su molte questioni internazionali importanti. Dal riconoscimento della Crimea alle sanzioni contro il Nord Stream 2 fino al sostegno dell’economia russa con la finanza e le tecnologie.

Inoltre, l’alleanza costituirebbe una base eccellente per una chiara separazione degli interessi dei due paesi dell’Asia centrale e di tutti gli altri spazi post-sovietici, dove il livello di incertezza rimane troppo alto. E se in Asia centrale e Turkestan sono possibili combinazioni molto ampie di costruzione di interessi comuni, allora sui confini occidentali della Russia Pechino può solo sostenere la formulazione che queste terre siano incluse nella zona degli interessi strategici russi, proprio come Taiwan è nella zona. degli interessi strategici di Pechino.

L’importante è che, di conseguenza, diventa possibile sincronizzare la posizione reciproca sull’opportunità di preservare il progetto di integrazione europea. Avremo ancora bisogno di “definire” con lui senza opzioni. Ma con il sostegno del colosso economico della RPC, sarà molto più facile per la Russia risolvere questo problema che da sola.

È chiaro che, oltre ai vantaggi, una possibile alleanza militare tra Federazione Russa e RPC ha anche i propri punti controversi. Alcuni di loro –  se un tale accordo viene formalizzato – saranno piuttosto significativi. Innanzitutto,  essi sono dati dalla differenza nel peso economico, dalla dimensione dei rispettivi problemi di politica estera, nonché una certa differenza di visione del mondo, Mosca si troverà in una certa dipendenza dall’estero e nelle proprie politiche interne.

Tuttavia, è vero anche il contrario. La Cina avrà la stessa dipendenza. E se esprimerà il suo consenso al trattato, l’élite al potere del paese sarà d’accordo con questa dipendenza reciprocamente vantaggiosa.

Non si può quindi escludere che già nell’anno in corso, al massimo, nel 2022, possa benissimo essere conclusa un’alleanza militare ufficiale tra Russia e Cina.

https://russtrat.ru/comments/8-fevralya-2021-0010-2929

Exit mobile version