Rifaat Al-Assad: i personaggi controversi all’occidente vanno bene finche servono

Rifaat Al-Assad: i personaggi controversi all’occidente vanno bene finche servono

Molti media italiani ed europei si sono scandalizzati perchè Assad ha accolto in Siria Rifaat Al-Assad . Con molto malevolenza ed ipocrisia  hanno utilizzato ‘la fuga’ di Rifat dalla Bielorussia alla Siria come la prova che il ‘cattivissimo’ Assad è veramente cattivo. Il presidente siriano infatti ha concesso di rimpatriare colui che chiamano il ‘macellaio di Hama’ per la dura repressione della rivolta di Hama ai tempi del padre di Assad, (eventi con cui Assad non ha nulla a che vedere perchè stava a studiare a Londra come medico).

Comunque i media hanno la memoria corta: ciò che non dicono è che neanche in Francia Rifat sconterebbe la pena (a motivo della sua età) e che la Francia ha tributato nel 2001 ad Assad la più alto onorificenza, quella della Legione di Grand Croix , o Gran Croce, conferita dall’ex presidente Jacques Chirac nel 2001, poco dopo aver preso il potere dopo la morte di suo padre Hafez al-Assad.
Ovviamente la motivazione non era perchè era un bell’uomo.

Questo vuol dire che certi eventi appartengono al contesto a quando sono accaduti, vanno giudicati nel contesto di allora. Contesto che infatti portò a conferire l’onorificenza (come fece anche l’Italia).
La verità è che ora  il vento è cambiato, quindi la Francia , con Macron ha voluto la restituzione della medaglia. Poi qualcuno s è accorto che il vecchio oppositore di comodo del cosiddetto ‘regime’, alla Francia non serviva più. Perchè? Non lo sappiamo ma l’accoglimento in Siria potrebbe essere un utile indizio.

In ogni caso,  gli uomini dell’occidente non sono migliori: l’ex presidente afgano Ghani (protetto e voluto dagli USA) che fugge a gambe levate dall’Afghanistan con 160 milioni di dollari in contanti, è un utile promemoria.

Nell’all’articolo della pubblicazione Alaraby che segue, viene descritto il  contesto.

@vietatoparlare


Rifaat Al-Assad , lo zio di Bashar Al-Assad che ha lasciato la Siria dopo un presunto tentativo di colpo di stato nel 1984, è tornato a Damasco giovedì, ponendo fine al suo esilio di 37 anni dal paese.

Il suo ritorno arriva circa un mese dopo che una corte d’appello di Parigi ha confermato una condanna a quattro anni contro Al-Assad per appropriazione indebita di fondi pubblici siriani e riciclaggio di denaro. Il suo avvocato, Elie Hatem, sostiene che il caso giudiziario contro l’ex vicepresidente siriano di 84 anni sia motivato politicamente.

Il 7 ottobre, Al-Assad è partito per Damasco da Minsk, dove si trovava con “amici siriani” da luglio, ha detto Hatem a The New Arab .

La sua partenza dalla Francia è avvenuta prima della conferma della sua condanna, il che significava che era libero di lasciare il paese. Alcuni hanno definito la sua partenza un’evasione alla giustizia e hanno criticato i francesi per avergli permesso di partire.

“Molti difensori dei diritti umani siriani sono rimasti perplessi e delusi da questa preoccupante notizia”, ​​ha detto a The New Arab Kristyan Benedict, responsabile della crisi e della campagna tattica per Amnesty International UK .

“Le autorità competenti, specialmente in Francia e Spagna, hanno alcune serie domande a cui rispondere riguardo alla capacità di Rifaat di fuggire in Siria e se sono veramente impegnate a porre fine all’impunità”.

000 APP20000612221691

Al-Assad ha lasciato la Francia a luglio, in parte per paura che, nonostante la sua età avanzata, avrebbe dovuto affrontare il carcere per il caso di appropriazione indebita.

L’ex miliardario si è ritrovato improvvisamente indigente dopo che i suoi beni sono stati congelati dai tribunali francesi. Secondo Hatem, aveva “zero soldi” e di conseguenza è stato ospitato dai suoi amici in Bielorussia.

Con l’avvicinarsi dell’inverno nell’ex Repubblica sovietica, tuttavia, il cuore di Al-Assad iniziò a struggersi per la Siria.

“Si stava annoiando a Minsk, ed è diventato molto nostalgico per la sua terra”, ha detto Hatem.

Al-Assad lasciato la Siria è stato nominato vicepresidente nel 1984, in gran parte un ruolo cerimoniale. Presumibilmente ha anche guidato le forze del regime durante l’offensiva di Hama nel 1982 in cui sono stati uccisi fino a 20.000 civili – dandogli il soprannome di “il Macellaio di Hama”.

Quando è scoppiata la rivoluzione siriana nel 2011, Al-Assad ha organizzato un gruppo di autodefinitisi oppositori politici in esilio – il Consiglio nazionale democratico siriano – e ha chiesto a suo nipote, Bashar, di “lasciare la sua posizione”.

Non ha rilasciato dichiarazioni pubbliche su Bashar dal 2016 dopo che le maree della guerra civile siriana si sono spostate definitivamente a favore del regime siriano.

A maggio, Rifaat Al-Assad ha votato per Bashar e si è congratulato con lui per la sua rielezione in quello che è stato quasi universalmente considerato un processo politico imperfetto.

“Si è convinto di dover sostenere lo stato della Siria e le sue istituzioni – e che è stato Bashar a salvare la Siria”, ha detto Hatem.

A metà settembre, Rifaat ha iniziato a presentare una petizione al regime siriano per consentire il suo ritorno. Suo figlio, Somar Al-Assad – che è rimasto vicino a suo cugino Bashar durante la guerra civile – ha facilitato le discussioni tra Rifaat e Damasco.

Nonostante l’opposizione pubblica di Rifaat a Bashar e il suo presunto ruolo negli eventi del 1984, il regime gli ha dato il via libera per tornare in Siria.

“Al fine di prevenire la sua prigionia in Francia… il presidente Assad si eleva al di sopra di ciò che ha detto e fatto Rifaat al-Assad e gli consente di tornare in Siria” , ha detto la scorsa settimana Al-Watan , un quotidiano siriano pro-regime.

Il giornale ha aggiunto che non svolgerà alcun ruolo politico o sociale in Siria.

Rifaat e Bashar non si parlano da quando è iniziata la rivoluzione nel 2011, e i due devono ancora incontrarsi da quando Rifaat è arrivato a Damasco.

Tuttavia, Rifaat pensa a Bashar come a un figlio, ha detto Hatem. Bashar e Rifaat, che è un abile pianista, a quanto pare si sono uniti in passato per l’amore condiviso per la musica classica.

Dal suo ritorno, le foto di lui che sorride con la nipote sono circolate sui social media. È “molto felice di essere a casa”, ha detto Hatem, che ha parlato con Al-Assad dopo il suo arrivo a Damasco.
fonte: (https://english.alaraby.co.uk/)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.