Relazioni di Israele con i ribelli siriani: una valutazione

Pubblico un interessante studio della Rubin Center Research in International Affairs che fa luce sulle connessioni tra i ribelli esistenti nell’area del GOLAN ed Israele. Attualmente la situazione sul Golan e nelle altre provincie contemplate nel piano russo-americano , è congelata dal cessate il fuoco.

All’uopo  le forze russe di interposizione (formate da polizia e forze speciali per lo più provenienti da repubbliche della Federazione Russa con popolazione in maggioranza musulmana)  hanno preso posizione tra i ribelli e le forze armate siriane e le milizie filo-iraniane . Come previsto dal piano de-conflict esse si sono ritirate a 40 km dalle aree di sicurezza.

Secondo quanto riportato da DEBKAfile, le truppe russe hanno fatto la loro prima apparizione nel sud della Siria Mercoledì 13 luglio, quando entrarono nella città di Daraa, per avviare un parziale di cessate il fuoco concordato dai presidenti di Donald Trump e Vladimir Putin ad Amburgo il 7 luglio. Inoltre paracadutisti russi, compresa la polizia militare e cecena hanno occupato una posizione nel centro di Durham.  Appena entrati in città, le unità corazzate della 5 ° divisione corazzata dell’esercito siriano sono state viste  uscire della città, insieme con Hezbollah. Le fonti di Denkrafile “prevedono che dopo l’arrivo delle truppe russe a Daraa per mantenere il cessate il fuoco,  Washington e Mosca cercheranno di far accettare a Gerusalemme le  truppe russe in Quneitra, anche, che sono contrarie sul  Golan”.

Vietato Parlare

3 luglio 2017 by Rubin Center Research in International Affairs

Alla luce della copertura mediatica per quanto riguarda il sostegno israeliano di alcuni ribelli siriani che combattono il regime di Assad lungo il confine con Israele nel governatorato di Quneitra, questo articolo fornisce una panoramica più ampia della situazione alle frontiere di Israele con la Siria. Esso stabilisce anche un contesto migliore attraverso la fornitura di dettagli aggiuntivi non altrimenti presenti nella recente copertura mediatica. L’articolo conclude con una valutazione delle politiche e degli obiettivi israeliani alla frontiera, in relazione alle varie preoccupazioni riguardanti la situazione in Siria.  

INTRODUZIONE

Il giugno 2017 ha visto un calo nella copertura mediatica per quanto riguarda la situazione sui confini tra Israele e Siria, concentrandosi in particolare sul sostegno israeliano ad alcuni ribelli siriani nel governatorato di Quneitra in conflitto con il regime di Assad.  [1] Per la prima volta, questi rapporti mediatici hanno identificato un gruppo di ribelli specifico che riceve il sostegno israeliano: Fursan al-Jawlan (“Cavalieri del Golan”), un gruppo basato nella città ribelle di Jubatha al-Khashab che si trova proprio di fronte alla città di Buq’atha di Druze nelle alture del Golan in Israele.

Questo articolo punterà in parte a fornire ulteriori informazioni su Fursan al-Jawlan e sulla situazione in Jubatha al-Khashab, in particolare in relazione al conflitto più ampio tra il regime di Assad e i ribelli che è la linea principale di confronto nel governatorato di Quneitra.

Più a sud lungo le alture del Golan è il confine con la parte sud-ovest del governatore di Dar’a. Il lato siriano di questo confine è attualmente controllato da un gruppo chiamato Jaysh Khalid bin al-Walid (“L’Esercito di Khalid bin al-Walid” – JKW), collegato allo Stato islamico e impegnato in una guerra con le fazioni ribelli siriane A nord e a est delle sue competenze, che condividono anche con il confine con la Giordania, paese partecipante alla coalizione guidata dagli Stati Uniti contro lo Stato islamico.
La copertura mediatica su questa zona ha segnalato del confine comune tra Israele e JKW , ma è stata fornita solo una piccola comprensione nella dinamica interna del gruppo. Infatti, alcuni recenti sviluppi di interesse sono in gran parte trascorsi inosservati. Per motivi di chiarezza, questo articolo esaminerà in primo luogo il fronte del Golan meridionale e separatamente dalla situazione nel governatorato di Quneitra.

JKW: DISTRUZIONE INTERNA E NESSUN INCONTRO IMMINENTE

JKW è stata costituito nel maggio del 2016 nella zona del Bacino del Yarmouk nel sud-ovest del governatorato di Dar’a, principalmente è stato costituito realizzando una fusione della Brigata dei Martiri Yarmouk (YMB), del movimento Muthanna con il  gruppo Mujahidin. Questi ultimi erano gruppi che erano stati costretti a rifugiarsi nel bacino del Yarmouk nel corso del 2015-2016 a causa dei loro conflitti con altri gruppi ribelli nei governatori di Dar’a e Quneitra, con accuse di legami con lo Stato islamico.

YMB, d’altro canto, era di gran lunga il più grande gruppo nativo del bacino di Yarmouk, controllava diversi villaggi dalla sua base principale nel villaggio di Jamla dove YMB aveva origine. YMB era in guerra con altri gruppi ribelli almeno dalla fine del 2014, a cominciare dall’assassinio del religioso  jihadista afgano Abu Muhammad al-Masalama nel novembre 2014 e culminando in uno scontro aperto il mese successivo con Jabhat al -Nusra, affiliato al-Qaeda in Siria che ha accusato YMB dei legami con lo Stato islamico. Queste accuse erano infatti corrette, anche se non c’erano molte prove di origine aperta per corroborarle all’epoca e le rivendicazioni non erano universalmente accettate. Tuttavia, dopo lo scontro con Jabhat al-Nusra, le affinità di YMB con lo Stato islamico, nonché la più vasta animosità nei confronti degli altri gruppi ribelli, sono diventati più evidenti. [2]

A sua volta, la formazione di JKW ha reso più chiari i legami tra i gruppi costituenti di JKW e lo Stato islamico. Report indipendenti e relazioni hanno provato l’attività di JKW e sugli sviluppi avvenuti nel bacino di Yarmouk attraverso le avvenute connessioni con lo Stato islamico.

A parte un breve scontro nel novembre 2016 che coinvolge alcuni membri della JKW, non sono sorti incidenti di sicurezza per le forze israeliane. C’è un’idea sbagliata per quanto riguarda l’incidente del novembre 2016 che lo Stato islamico si  “è scusato” con Israele per la questione. Questo mito è stato scatenato dalle osservazioni dell’ex ministro israeliano della difesa Moshe Ya’alon. [3] Nessuna prova supporta questa pretesa affermazione. Piuttosto, l’idea sbagliata è probabilmente sorta da un intuito del fatto che l’incidente non era un attacco pianificato su Israele, ma era piuttosto la reazione di alcuni membri JKW ad un’infrazione israeliana percepita sul territorio del gruppo. [4] Può anche accadere che la direzione di JKW sia arrabbiata con l’unità JKW che si è impegnata nello scontro, senza voler provocare una guerra più ampia con Israele. Tuttavia, la ragione per non volere una guerra più ampia con Israele è semplicemente una questione di priorità, non qualsiasi affinità segreta, relazione o contatto con Israele. JKW è impegnata in una guerra con altri ribelli siriani e non può permettersi di combattere su un altro fronte contro un potere con asset militari di gran lunga superiore. A sua volta, Israele non ha interesse a lanciare un’offensiva più ampia contro JKW, non per un desiderio cinico di mantenere una presenza islamica a livello statale lungo il suo confine come un modo per raccogliere la simpatia, ma piuttosto perché un serio tentativo di eliminare JKW richiederebbe un’incursione con truppe terrestri, un’opzione politicamente inopportuna.

Allo stesso tempo, è difficile supporre che Israele non stia operando in qualche modo per interrompere il funzionamento di JKW, probabilmente in coordinamento con la Giordania e con la più ampia coalizione contro lo Stato islamico. Nell’ottobre 2016, l’ emiro di JKW, Abu Hashim al-Shami, originariamente di Idlib , è stato assassinato in circostanze che suggeriscono un lavoro interno. A seguito dell’assassinio è stato nominato un nuovo emiro chiamato Abu Muhammad al-Maqdisi, e l’apparato di sicurezza di JKW ha arrestato diverse figure a Jamla che erano state associate all’originale YMB, tra cui Abu Obeida Qahtan, un veterano siriano-palestinese afghano jihadista molto vicino al fondatore originale di YMB Muhammad al-Baridi (al-Khal), nonché del fratello di al-Khal Nidhal al-Baridi. Le accuse accertate dietro gli arresti non sono mai state chiarite, anche se i sospetti della collusione con Israele e il coinvolgimento nell’assassinio di Abu Hashim al-Shami erano tra le voci circolate.

Una linea di interpretazione ha visto gli arresti come indicativi di una lotta di potere tra ex membri del Movimento Muthanna e YMB. [5] Il movimento Muthanna è stato ridotto a non più di decine di membri quando si è rifugiato nel Bacino del Yarmouk nella primavera del 2016, dopo aver perso – a causa dei combattimenti ed acquisizioni –  tutte le sue proprietà territoriali a favore dei gruppi ribelli siriani. Il comandante del gruppo, Abu Omar Sawa’iq, è stato ucciso in un’esplosione nella sua casa poco prima della formazione di JKW. Significativamente, è stato detto di essere stato tra coloro che hanno rifiutato l’idea di unirsi con YMB. A seguito della formazione di JKW, alcuni ex membri del Movimento Muthanna sono stati catturati dopo aver perso il bacino di Yarmouk, mentre Abu Ayyub al-Masalama, l’emiro del movimento Muthanna, ha lasciato il bacino di Yarmouk durante l’estate del 2016.

Da allora sono emerse relazioni contraddittorie  [6] ma una affermazione in relazione al supposto potere di movimento del Movimento Muthanna  è che è andato al territorio formale dello Stato islamico per  favorire  la leadership contro YMB.

Contrariamente all’interpretazione degli eventi sul potere di movimento di Muthanna, la verità è che non tutte i capi di YMB sono state tenute in una detenzione indefinita e altri non sono stati arrestati affatto. Ad esempio, Abu Ali Saraya, noto anche come Abu Ali Shubat, ha diretto la corte islamica durante i giorni finali di YMB. Non è stato arrestato. Abu Hamza al-Kum, che ha guidato la corte islamica per JKW durante la tarda estate e l’autunno del 2016, è stato messo agli arresti (dopo essere stato rimosso dalla sua posizione poco prima ) ma fu poi liberato. [7]

L’assassinio di Abu Hashim al-Shami e l’ondata di arresti successivi, non sembrano interferire con il funzionamento complessivo di JKW. Per esempio, l’attività dell’ufficio stampa JKW in primo luogo sotto forma di pubblicazioni fotografiche è proseguito. Infatti, JKW è riuscito a lanciare un’offensiva di successo nel febbraio 2017 nei confronti dei ribelli che hanno catturato diverse città, tra cui Tasil e Sahm al-Jawlan, confondendo i ribelli attraverso l’hacking delle loro comunicazioni. [8] 

Nel giugno del 2017, però, la leadership di JKW è stata colpita due volte da raid aerei he suggeriscono una notevole penetrazione di intelligence da parte di Israele, Giordania,  e la più ampia coalizione contro lo Stato islamico. Il primo attacco è avvenuto nel contesto di una visita estesa al bacino di Yarmouk da un comitato inviato dallo Stato islamico dal nord. Lo scopo di questa visita, iniziato alla fine del maggio 2017, sembra essere stato un’ispezione, compresa la sorveglianza dei punti di primo piano e la ricezione di eventuali reclami da parte della popolazione . [9] C’era anche una voce che il comitato in particolare stava esaminando i casi di Abu Obeida Qahtan e Nidhal al-Baridi . [10]

Un attacco aereo successivo ha colpito una riunione il 6 giugno 2017, coinvolgendo questo comitato e alcune delle dirigenze del JKW: tra coloro uccisi nel raid aereo  sono stati Abu Muhammad al-Maqdisi, Abu Mahmoud Binnish (un comandante militare in JKW) [11] e Abu Uday al-Homsi (un altro comandante militare in JKW). [12] Alcune prime affermazioni hanno affermato che Abu Ali Saraya era tra i morti, [13] anche se ciò non si è verificato. [14] Abu Hashim al-Rifa’i, un comandante militare originario di Tal Shihab, ha sostituito Abu Muhammad al-Maqdisi come emiro di JKW. A questo punto Abu Obeida Qahtan, Nidhal al-Baridi, Khalid Jamal, Nadir al-Qasim e Abu Tahrir al-Urduni sono stati tutti giustiziati. [15] Ancora un altro attacco contro il 28 giugno 2017, ha colpito un incontro che coinvolge Abu Hashim al-Rifa’i e altre figure JKW, uccidendo Abu Hashim e Abu Hamza al-Kum e Abu Obeida (una figura nell’apparato JKW Hisba ).[16] Abu Ali Saraya sembra aver scampato vivo da questo attacco aereo. [17]

Ci sono diversi ipotesi su chi esattamente abbia eseguito  gli attacchi aerei: Israele, Giordania e / o la coalizione più ampia contro lo Stato islamico. Nessun rapporto dei comunicati stampa di CENTCOM sulle date pertinenti rivela attacchi aerei nel bacino di Yarmouk. [18] È semplicemente improbabile che Israele, Giordania e la coalizione non intendano acquisire intelligence sul funzionamento del JKW e cercare di interrompere il gruppo a livello di leadership, nella speranza che tali disturbi avrebbero dato ai gruppi ribelli l’opportunità di riprendere il territorio detenuto da JKW e infine spingere verso le fortificazioni di JKW. C’è certamente una percezione nel bacino di Yarmouk che le informazioni sono state passate da alcuni abitanti a questi attori in un’azione attiva per sconvolgere JKW: “Chiedo a Dio punisca [i locali che stanno passando informazioni]”, ha detto Abu Uday al-Dar ” Awi a questo autore. [19]

Quanto efficace questa strategia accelerata di decapitazione contro JKW sarà ancora da vedere, ma dalla prospettiva di Israele, Giordania e dal punto di vista della coalizione, è l’unica opzione efficace a fronte di un intervento sul suolo. Per motivi di corruzione, di frammentazione  e del difficiltà del  del territorio che costituisce il bacino di Yarmouk, la lotta dei ribelli contro JKW ha solo portato ad una situazione di stallo migliore, nonostante siano senza dubbio superiori a JKW. Considerando le priorità e le capacità di JKW, la perturbazione attraverso attacchi aerei in cui JKW non è in grado di porre ritorsioni,  assicura anche che la mancanza di una minaccia imminente dal gruppo a Israele .

L’ANCORA DI QUNEITRA:  LO SCOPO A JUBATHA AL-KHASHAB

Oltre alla lotta contro JKW, il conflitto tra il regime di Assad e i ribelli del governatore di Quneitra è di notevole interesse per Israele. Il governatorato è in gran parte al di fuori del controllo del regime, che si concentra nella città di Hadr, sulle colline di Majdal Shams, e le città arabe sunnite di Al-Ba’ath City e Khan Arnabah. È la cittadina ribelle di Jubatha al-Khashab, situata appena a sud di Hadr, che è di particolare interesse per questo studio in considerazione del coinvolgimento di Israele con gruppi ribelli nel governatorato di Quneitra. [20] Le intuizioni che questa relazione intende fornire sono tratte in considerevole parte dalle interazioni con i locali.

Le principali famiglie presenti a Jubatha al-Khashab, i cui abitanti praticano principalmente l’agricoltura, sono:

-Maryud
-Bakr
-Nasar
-Alan
-Ghanim
-Hijazi
-al-Sharihi
– Kiwan

Come molte altre aree della Siria, alcune delle popolazioni sono costituite da sfollati interni. Jubatha al-Khashab è passato al di fuori del controllo del governo siriano nel luglio 2012. [21] A seguito di questo vento è stato costituito nella zona un cosiddetto “consiglio militare”. Questo consiglio militare è stato anche meglio conosciuto  come “Il Consiglio Militare di Quneitra”, così come “Consiglio Militare in Quneitra e il Golan” e “Consiglio Militare Rivoluzionario in Quneitra e nel Golan”. [22] Comunque in un primo tempo il Consiglio è stato guidato da un ribelle siriano chiamato Abd al-Ilah al-Bashir, [23] il cui figlio è stato ucciso durante la lotta a Quneitra nel novembre 2013. [24] Abd al-Ilah al-Bashir in seguito è diventato il  Capo globale della struttura dell’esercito siriano libero (FSA) legato al governo interinale e all’opposizione in esilio nel febbraio 2014, sostituendo Salim Idris. [25] Al posto di Abd al-Ilah al-Bashir a Quneitra è arrivato Radwan Hamdi al-Rafi.

Non è nell’interesse di questo articolo affrontare mese per mese i dati di battaglia relativi al consiglio militare. Ciò che è evidente è che l’influenza del consiglio militare è stata maggiore tra il 2012 e il primo 2014. A metà del 2014 e oltre, ci sono segni di declino. Le accuse di corruzione sono sorte contro il consiglio militare. Per esempio, “Il Media Center di Quneitra” ha scritto in un post di giugno 2014 [26] :

“Una somma di $ 300.000 è stata pagata dal governo provvisorio al governatorato di Quneitra, e la somma è stata consegnata ad Abu Talal Abd al-Ilah al-Bashir. Ha distribuito 50.000 dollari alle Furkan [di Brigade] di Kanaker [una località nella campagna di Damasco]: cioè non i figli di Quneitra, e distribuì 250.000 dollari al consiglio militare di al-Rafid. Il suo nome è il consiglio militare di Quneitra. Il consiglio militare di Quneitra è diventato il capriccio di Liwa al-Sabtin e della tribù Nu’aim [la tribù di Abd al-Ilah al-Bashir]? Noi i figli di Quneitra chiedono un processo equo per il capo del consiglio militare e capo del capo dello staff Abd al-Ilah al-Bashir”.

Allo stesso modo, il consiglio militare è stato accusato di reprimere le proteste locali ed è stato al centro delle preoccupazioni circa l’appropriazione indebita di fondi destinati a progetti di servizio da parte del consiglio locale di al-Rafid . [27]
Anche così, il consiglio militare esiste ancora oggi come una formazione, anche se è una fazione estremamente piccola, senza presenza in Jubatha al-Khashab. La sua produzione media è principalmente limitata a rilasciare dichiarazioni di condoglianze ad altre fazioni, mentre le operazioni a terra consistono nel maneggiare alcuni punti di linea frontali contro JKW. [28]

Il consiglio militare è pertinente in quanto è la principale organizzazione da cui proveniva Fursan al-Jawlan (il gruppo ‘cavaieri del Golan). Abu Muhammad, della famiglia Nasar in Jubatha al-Khashab e uno dei leader di Fursan al-Jawlan, ha spiegato che parte di Fursan al-Jawlan apparteneva al consiglio militare. [29] Mentre Fursan al-Jawlan è stato inizialmente istituito nell’ambito del consiglio militare, una separazione dal consiglio militare è avvenuta a causa della “corruzione e mancanza di sostegno”.[30] Ha tracciato i problemi di corruzione al periodo successivo all’assunzione della leadership del consiglio militare di Radwan Hamdi al-Rafi. La separazione dal consiglio militare è avvenuta nel giugno 2015, ed è stata infatti pubblicizzata in alcuni media locali all’epoca. Un portavoce di Fursan al-Jawlan ha spiegato a SMART News che la defezione è dovuta alla mancanza di sostegno militare, nonché al taglio degli stipendi per i combattenti nei tre mesi precedenti. [31]

A seguito della separazione dal consiglio militare, i ranghi di Fursan al-Jawlan sono stati sostenuti dalle defezioni del Fronte Rivoluzionario della Siria (SRF). SRF è nato nella provincia settentrionale di Idlib alla fine del 2013 sotto Jamal Ma’arouf, ma anche una filiale meridionale è emersa rapidamente sotto la guida di un Abu Usama al-Jawlani. Mentre la filiale settentrionale fu distrutta dall’ allora affiliata siriana di al-Qa’ida, Jabhat al-Nusra alla fine del 2014, il ramo meridionale della SRF continua ad esistere e si trova principalmente nel governatorato di Quneitra. Come anche Abu Muhammad ha riconosciuto: “A livello di Quneitra, [SRF] è molto grande“. [32] Tuttavia, come il consiglio militare, SRF in Jubatha al-Khashab è crollato per divisione e ha smesso di esistere nella zona. Secondo l’ex capo del consiglio locale di Jubatha al-Khashab, SRF in Jubatha al-Khashab costituiva “3 battaglioni, che sono stati separati e divisi in fazioni”. [33] Infatti, il leader locale del SRF di Jubatha al-Khashab ha finito per aderire alla regina del Golan, un’associazione di Forze della Difesa Nazionale (NDF) la cui fondazione è in ex-ribelli nel governatorato di Quneitra. [34]

Un punto finale da notare in relazione alla composizione di Fursan al-Jawlan è che alcuni membri appartenevano in precedenza al Jabhat Ansar al-Islam (“sostenitori del fronte dell’Islam”) presente nel villaggio di  Jubatha al-Khashab. Il gruppo fa parte del Fronte Sud, [35] una coalizione ribelle molto ampia di gruppi  ribelli di Dar’a e Quneitra che sono aiutati nei combattimenti attraverso una sala operativa giordana e occidentale con sede a Amman. Jabhat Ansar al-Islam continua ad avere una presenza in Jubatha al-Khashab, con un piccolo contingente che consta di non più di 20 individui. Ora, sembra che stia lottando finanziariamente per la mancanza di sostegno esterno nell’ultimo anno e così,  i membri in parte vivono attraverso la vendita del latte.

Nei due anni successivi alla defezione di Fursan al-Jawlan dal consiglio militare, le seguenti fazioni sono diventate i principali gruppi esistenti nel villaggio di Jubatha al-Khashab (un villaggio che nel 2004 era di 3.400 abitanti circa):

-Fursan al-Jawlan
-Hay’at Tahrir al-Sham [36]
-Ahrar al-Sham
-al-Furqan Brigate
– Brigate di Saif al-Sham [37]

Si noti che questa lista non è necessariamente in ordine di dimensione della fazione. Non ci sono prove evidenti che queste fazioni hanno organizzato su base familiare in Jubatha al-Khashab (cioè che i membri di una famiglia predominano in ciascun gruppo particolare). In generale, le relazioni tra le fazioni sono descritte in termini positivi, e non sembrano emergere incidenti rilevanti. Di queste fazioni, è concordato che Fursan al-Jawlan costituisce il più grande gruppo. Abu Muhammad ha detto che il numero dei membri di Fursan al-Jawlan sono 340. [38] Al contrario, c’è un gruppo più piccolo e indipendente a Jubatha al-Khashab che va con il nome di Ansar al-Shari’a (“I sostenitori Di Shari’a “). Chiaramente di orientamento islamico, Ansar al-Shari’a si dice di ricevere il sostegno dalle reti di Salafite in Libano. L’ex capo del Consiglio locale ha messo il numero di membri di Ansar al-Shari’a a 27. [39]

Accanto a queste fazioni esiste un piccolo progetto giudiziario affiliato con il Dar al-Adl (La Dār al-ʿAdl (in arabo: ﺩﺍﺭ ﺍﻟﻌﺪﻝ , lett. “Casa, o sede, della Giustizia”) è stata un’istituzione islamica destinata ad ospitare i lavori giuridicamente rilevanti,) e un consiglio locale civile, che in ultima analisi è affiliato con il governo interinale e attualmente manca di un capo. L’ex capo del consiglio locale si è dimesso quattro mesi fa, dicendo che non è voluto rimanere nella sua posizione per sempre come se fosse Bashar al-Assad. [40] Attualmente, il consiglio comunale di Jubatha al-Khashab è molto limitato nei servizi che può offrire, limitandosi a questioni di distribuzione di pane e  cestini di aiuto alimentare ogni due mesi. [41] Invece, Fursan al-Jawlan sta riempiendo la mancanza nei servizi, qualcosa che il gruppo ha pubblicizzato nella sua propaganda sociale. Ad esempio, una pagina di Facebook affiliata al gruppo ha scritto in un post il 14 giugno 2017, “La brigata ha continuamente offerto il suo sostegno al settore settentrionale [di Quneitra] fin dall’inizio della sua istituzione fino ad ora: parte di questo è il Scuola di Jubatha al-Khashab che riceve la maggior parte degli stipendi degli insegnanti e delle necessità di insegnamento, in un momento in cui la coalizione di opposizione siriana trascura la nostra scuola “. [42]

Tre altri posti dello stesso giorno evidenziano le disposizioni relative ai servizi del gruppo [43] . Uno menziona la fornitura di acqua potabile libera ai civili, non solo in Jubatha al-Khashab ma anche nei villaggi vicini  a Quneitra, come Ufaniya e Taranja. Un altro post osserva che il gruppo aveva fornito energia elettrica per i civili a Jubatha al-Khashab e più a nord del Quneitra per 16 giorni di fila. [44] Infine, un post con un piccolo clip video mostra la distribuzione di carne per famiglie di combattenti e famiglie povere nel mese del Ramadan per quest’anno .

Secondo l’ex capo del consiglio locale, la fornitura di servizi di Fursan al-Jawlan come testimoniata è in corso per 8 mesi.[45] Al contrario, Hay’at Tahrir al-Sham, nonostante il suo crescente apparato amministrativo e l’immagine di stato propagandata  nel nord-ovest del paese, [46] non fornisce servizi a Jubatha al-Khashab. Questo contrasto può essere semplicemente messo in risalto alle risorse, una questione che solleva la questione del sostegno israeliano a Fursan al-Jawlan, che sembra aver aver avuto inizio intorno al momento della separazione del gruppo dal consiglio militare ed è probabilmente aumentato nell’ultimo anno . Così, è coincidente con l’istituzione di un’unità di collegamento dell’esercito israeliano per le zone di confine con la Siria. [47]

Anche se un membro di Fursan al-Jawlan ha dichiarato di non sapere se Israele fornisce il sostegno per il gruppo per il fatto che non si è coinvolto in questi argomenti [48] , è facilmente riconosciuto che il sostegno è arrivato al gruppo attraverso Israele. Una persona che ha partecipato alle battaglie con Fursan al-Jawlan sostiene che l’aiuto stesso è effettivamente fornito dagli Emirati, ma passa per Israele perché la Giordania rifiuta di consentire l’erogazione di aiuti a Fursan al-Jawlan. [49] È vero che Fursan al-Jawlan è al di fuori del quadro del Fronte Meridionale e pertanto non riceve alcun aiuto attraverso la sala operativa di Amman. Eppure la nozione che l’aiuto stesso è l’Emirati è provato. Ciò che è al centro del dibattito è invece la natura dell’aiuto fornito.

Coloro che riconoscono che l’aiuto israeliano viene fornito cercano di minimizzare la sua portata e di giustificarlo sulla base di una terribile situazione umanitaria e che almeno per il momento il regime di Assad ei suoi alleati sono i peggiori nemici di Israele. “L’aiuto di Israele è limitato all’aiuto medico e umanitario, come qualsiasi fazione nella regione meridionale con aiuti presi dalla Giordania”, ha dichiarato Abu Muhammad. [50] Un esempio specifico di aiuti umanitari di cui ha parlato era il carburante diesel per far funzionare  le pompe per la fornitura di acqua per la gente del luogo e il bestiame. [51] Ha elaborato ciò che ha visto come la situazione difficile che giustifica l’accoglienza degli aiuti israeliani:
“Siamo stati assediati da sei anni, e nessuno ci ha offerto una mano per qualsiasi cosa. I feriti stavano morendo di fronte a noi … Immaginate che tuo figlio sia ferito, o tuo fratello o il tuo amico stia morendo  davanti ai tuoi occhi.  E non puoi fare niente, e lui è tra la vita e la morte. Qualcuno si è mai trovato in situazioni simili a queste posizioni difficili? “ [52]

Jubatha al-Khashab è descritto che si trova  in una situazione equivalente all’assedio. Come spiega Abu Muhammad, “è una zona assediata da tutti i lati: dal lato occidentale c’è l’Israele, dal nord si trova il villaggio di druso di Hadr , all’est è la zona del regime: da sud- ad est c’è la città di al-Ba’ath, che è con il regime, c’è un attraversamento molto stretto chiamato ‘percorso di morte’, che attraversiamo sotto i colpi del regime solo nella notte. Ogni giorno c’è un martire e ferito su questo cammino, ci sono bombardamenti continui “. [53] Mentre le prove non indicano una situazione come al-Zabadani o Madaya, in cui i casi di fame sono stati segnalati, il regime sembra controllare i percorsi che consentirebbero per i beni alimentari e altre merci di entrare in Jubatha al-Khashab .

Il controllo di queste rotte è stato un mezzo importante per leva finanziaria per il regime per tentare di imporre i cosiddetti accordi di “riconciliazione” su alcune località in Siria. Nella regione meridionale più ampia, esercitare pressioni limitando l’accesso ai beni e ai beni alimentari ha contribuito a creare riconciliazioni in alcune città di Dar’a come al-Sanamayn [54] e Mahajja. [55] Le riconciliazioni ufficialmente riportano queste città sotto il controllo del regime, permettendo alle fazioni ribelle di continuare ad esistere e a gestire la sicurezza interna e le questioni di criminalità. In cambio, le fazioni promettono di non orientare la popolazione contro  le forze governative; alcune armi vengono consegnate come parte del procedimento di riconciliazione formale; e alcune persone si impegnano in un processo chiamato taswiyat al-wad (“smistamento degli affari”), che serve come un’amnistia temporanea ed è particolarmente rivolto a coloro che sono renitenti o hanno abbandonato il servizio militare obbligatorio a loro riservato. Si è parlato ripetutamente di un accordo di riconciliazione in Jubatha al-Khashab, ed è possibile che, se un tale accordo potesse essere attuato in città: seguirebbe ampiamente i precedenti in al-Sanamayn e Mahajja. In alternativa, un accordo potrebbe condurre ad una fusione di alcuni o tutti i combattenti ribelli di Jubatha al-Khashab in una forza di supporto ausiliaria, come la regina del Golan dell’NDF o il “reggimento di Hermon” creato per agire come forza di comando nelle città di campagna di Damasco occidentale Vicino a Mt. Hermon. [56]

Nonostante le rivendicazioni nel gennaio 2017 dall’ex deputato siriano Mus’ab al-Halabi, attivista della riconciliazione per le aree di campagna di Damasco, che affermava che i negoziati di riconciliazione erano nelle loro fasi finali in Jubatha al-Khashab, [57] la riconciliazione continua ad essere respinta. Non sorprende che ci siano affermazioni nei circoli pro-governo che Israele sta lavorando per ostacolare la riconciliazione nella zona incontrando i ribelli. [58] Indipendentemente dalla verità di questa particolare affermazione, non c’è dubbio dalla prospettiva di Israele che esiste un interesse a prevenire l’attuazione della riconciliazione in Jubatha al-Khashab, per motivi che verranno discussi nella conclusione. La fornitura di aiuti non letali a forme di Fursan al-Jawlan come le cure mediche e le forniture, i beni alimentari e persino i pagamenti in contanti per aiutare a pagare i salari dei combattenti o finanziare l’ufficio del servizio del gruppo – può essere considerato un mezzo importante Per impedire che la pressione di riconciliarsi diventi troppo grande, impedendo così al governo siriano  di riaffermare il controllo su Jubatha al-Khashab.

Nessuna prova definitiva indica la fornitura di armi a Fursan al-Jawlan, ma è probabile che alcuni dei pagamenti in contanti siano utilizzati per l’acquisto di alcune armi leggere. [59] Considerando la dimensione del gruppo, Fursan al-Jawlan non ha la capacità di lanciare in modo una offensiva da solo. Le attività militari invece sono principalmente limitate alla fornitura di manodopera dei punti di primo piano. Il gruppo non sembra essere stato un importante partecipante ad un assalto ribelle sulla città di Al-Ba’ath che ha avuto inizio il 24 giugno. [60] L’assalto è stato guidato da Hay’at Tahrir al-Sham e ha anche visto la partecipazione del Al-Furqan Brigade, Ahrar al-Sham e alcune fazioni FSA. Uno scopo probabile dell’assalto è stato quello di alleviare la pressione militare  nei confronti di altri ribelli nella città di Dar’a.

CONCLUSIONI: OBIETTIVI E INTERESSI

Con questa panoramica delle dinamiche in queste aree di confine, resta da chiedersi quali siano esattamente gli obiettivivi degli interessi israeliani nelle zone descritte. Gran parte della recente analisi ha utilizzato la terminologia di una “zona tampone” in relazione alle politiche di frontiera israeliane, il che significa che l’obiettivo è quello di creare un’area di forze alleate o “amichevoli” che mantengano gli elementi considerati minacce attive a Israele lontano dalla frontiere. [61] 

A questo proposito, le principali minacce sono considerate l’Iran e le milizie alleate, come l’Hezbollah del Libano, la preoccupazione che era il regime per riconquistare il pieno controllo sul governo governativo di Quneitra. L’Iran ei suoi alleati avrebbero libero accesso a questo territorio per costruire un fronte “di contro resistenza” del Golan contro Israele, che almeno comporterebbe la minaccia di attacchi su piccola scala per combattere le forze israeliane nel Golan e “testare le acque”, per così dire, e, al peggio, realizzare un’invasione su larga scala in territorio israeliano.

In realtà  può essere non necessario che l’Iran stabilisca in futuro il proprio personale o  membri di forze straniere filo iraniane in Quneitra: potrebbe ben realizzare le aspirazioni di costruire un fronte di “resistenza” nella zona attraverso  le forze Hetzbollah native nella zona, sorte durante la guerra civile. In linea generale, i gruppi di Hetzbollah siriani possono essere divisi in due tipi: movimenti più grandi come Liwa al-Baqir, che prevede 4.000 combattenti [62] e ha sviluppato reti considerevoli all’interno della provincia di Aleppo e gruppi di “special operation” su piccola scala che si distribuiscono in numero di fronti diversi a seconda delle esigenze militari e di  crisi. Alcuni di questi piccoli raggruppamenti siriani di Hetzbollah sono stati schierati al fronte di Quneitra, [63] anche se non vi è alcuna prova che abbiano fatto per prepararsi ad un attacco imminente su Israele. In un futuro scenario dello sviluppo di una “resistenza” più ampia lungo il Golan, questi piccoli gruppi potrebbero essere un attore chiave per minacciare Israele.

Una fonte di preoccupazione correlata si è concentrata sul villaggio druso di Hadr , in quanto Samir al-Quntar, un comandante di Hetzbollah di origine Drusa e Farhan al-Sha’alan, un comandante NDF originariamente dal villaggio di Ein Qiniyya nel Golan Heights – stavano cercando di costruire un movimento di “resistenza” a Hadr per mettere combattere Israele. [64] Entrambi gli uomini sono stati uccisi in un sospetto airstrike israeliano nel dicembre 2015. Nessun suggerimento è emerso a partire dalla rinascita di un simile progetto.

Eppure il caso di Hadr dimostra che la narrazione del “buffer zone”, pur apparentemente convincente nella sua semplicità, non riprende completamente l’approccio di Israele verso queste aree di confine. Sul piano generale, è certamente vero che in una scelta tra regime e controllo ribelle su città come Jubatha al-Khashab, la preferenza è che le forze ribelli dovrebbero controllarle. Con Hadr, però, la preoccupazione di Israele è che il villaggio non dovrebbe cadere in mani ribelli, nonostante le preoccupazioni riguardo a Hetzbollah che lo usano come base per il reclutamento di personale destinato ad essere ostile a Israele. Questa posizione è sorta nella deferenza dei sentimenti della comunità di drusi in Israele e nelle alture del Golan, che hanno paura del destino dei loro co-religiosi se il villaggio cadesse mai in mano ai ribelli. Muru Hawran ha dimostrato una consapevolezza di questa mancanza di volontà di Israele di vedere cadere Hadr, elaborando: “Tutto ciò che sta succedendo è un gioco internazionale a scapito del sangue siriano: dobbiamo rendercene conto”. [65] Conseguentemente, a Muru Hawran è  chiaro che ancora considera Israele uno stato nemico, ma giustifica l’accettazione di aiuti da parte di Fursan al-Jawlan attraverso Israele, poiché è meglio farlo che “distruggere se stessi”. [66]

È veramente discutibile quanto sia possibile chiamare i ribelli che interagiscono con Israele o raccomandano la fornitura del trattamento medico a ribelli e civili nei commenti proposti per i media in lingua inglese come necessariamente “amichevole”Quattro anni fa, YMB ha fatto i titoli quando un portavoce del gruppo ha affermato che YMB non ha avuto contestazioni con Israele, apparentemente anche in caso di rimozione di Assad dal potere. [67] Quel gruppo è ora parte del JKW islamica Stato-linked, che non ha ancora causato grossi disagi per la sicurezza di Israele sulle alture del Golan, ma che è solo una questione di priorità del gruppo in guerra contro altri gruppi ribelli e in espansione le sue partecipazioni. Che cosa succede se JKW dovesse decidere che la sua priorità non dovrebbe più essere in lotta gli altri ribelli, ma invece di trattenere ciò che già controlla invece molestare le forze israeliane?

Il punto di questa linea di pensiero non è che ogni gruppo ribelle è un nuovo in attesa di essere affiliato allo Stato islamico . Piuttosto, che è probabilmente intesa sul lato israeliano che di carattere dei gruppi ribelli possono cambiare nel tempo e che il problema per questi gruppi ribelli non è necessariamente colpire un’alleanza o di vera amicizia con Israele, ma piuttosto che considerare il regime di Assad e il suo alleati di essere di gran lunga il male maggiore. Abu Muhammad di Fursan al-Jawlan ha spiegato così questo punto:. “Sì, fratello, [Israele è] un nemico che ha usurpato la tua terra, ma non ha usurpato onore a tutti coloro che Israele ha ucciso dagli arabi fin dai tempi della sua costituzione fino ad ora non è uguale una frazione a quelli  che Bashar al-Assad ha ucciso, e la Russia è [anche] un nemico, e l’Iran è un nemico, ed Hezbollah è un nemico “. [68]

In un’altra occasione, Abu Muhammad affermato il disprezzo per Israele come una forza militare quando gli viene chiesto in merito alla questione della restituzione delle alture del Golan alla Siria: “[Il Golan] sarebbe tornato entro 24 ore [in Siria], aveva i martiri o giovani che sono stati uccisi in Siria … e le armi e munizioni fornite alle parti in conflitto [stati usati per liberare il Golan] … il militare israeliano è l’essere più vile sulla Terra, e l’uomo siriano, o arabo musulmano, è l’uomo più forte .” [69] E ‘possibile, naturalmente, che indulge in tale retorica in parte perché sta parlando con un interlocutore arabo,ma queste osservazioni devono essere tenuto presente prima di presumere automaticamente che i ribelli saranno i clienti in qualche modo sottomessi agli ordini israeliani e capricci nella zona solo perché ricevono aiuti e pagamenti in contanti.

Se si vuole contemporaneamente  evitare che l’Iran e i suoi alleati utilizzino Quneitra come terreno di partenza per mettere in atto attcchi contro Israele e per evitare Hadr di cadere ai ribelli, che non possono essere considerati alleati in quanto tali, ma piuttosto il male minore con priorità concentrata altrove, allora l’unica la politica logico che concilia questi interessi è la calibrazione del conflitto. Cioè, assicurando che il conflitto in Quneitra, in particolare, rimane una situazione di stallo, idealmente con un nulla di fatto . Il modo con cui la situazione di stallo in Quneitra è mantenuta, come accennato in precedenza, è attraverso la fornitura di aiuti a gruppi del calibro di Fursan al-Jawlan, che allevia in parte la situazione umanitaria in Jubatha al-Khashab e aiuta a prevenire l’imposizione di riconciliazione in città. Un altro modo è attraverso l’applicazione della forza militare limitata in forma di bombardamenti sulle posizioni del regime quando il combattimento intensifica in Quneitra e un colpo di mortaio vagante atterra in Golan. Il punto sollevato nella critica che la “rappresaglia” per tali incidenti finisce sempre per colpire le posizioni del regime è di fatto corretta: considerando che il regime ei suoi alleati sono considerate molto più ostili attori, Israele non può indirettamente li aiuti attraverso attacchi aerei contro i ribelli, anche se i ribelli possono essere responsabili di un proiettile atterraggio accidentalmente nelle alture del Golan. Allo stesso tempo, è evidente questi attacchi non sono condotte in modo tale da rischiare determinare uno spostamento decisivo nella prima linea. Piuttosto, l’obiettivo è semplicemente quello di fare pressione sul regime e dei suoi alleati attraverso la loro messa sulla difensiva.

Anche se queste politiche potrebbero sembrare ciniche, si deve ancora una volta sottolineare che essi sono analiticamente parlando l’unico modo logico per affrontare i vari interessi in gioco, come sono stati definiti. L’approccio attuale è lontano rimosso dalle discussioni della possibilità di un cambio di regime in Siria. [70] Data la miscela di differenti fazioni concorrenti nel contesto attuale, la possibilità di eliminare Assad dal potere in Damasco è giustamente temuta per il rischio di creare un vuoto di potere. Una debole Siria mantenuta in uno stato di guerra civile e in una situazione di stallo, tuttavia, presenta il peggior risultato almeno in termini di rischi per la sicurezza. Inoltre, in un tale scenario, sarà più probabile essere riconosciuto presa di Israele sulle alture del Golan, in particolare se i nativi siriani e popolazione drusa accetterebbe la cittadinanza israeliana su una scala più ampia . Finora, non c’è stato un grande cambiamento nel numero di cittadinanza, ma le interazioni con alcuni dei residenti più giovani, in particolare, mostrano un crescente riconoscimento della stabilità e dello sviluppo umano in Israele in contrasto con l’ambiente guerra civile e il sistema autocratico in Siria, [71] lontana dalle concezioni che considerano le alture del Golan come un luogo in cui i siriani vivono sotto “occupazione  brutale”. [72][71]

Nel lungo periodo, però, Israele non ha la capacità di influenzare la tendenza generale nella guerra, in parte significativa, perché gli interventi a terra non sono opzioni valide, come accennato in precedenza. Se la tendenza generale continua ad andare a favore del regime e la sua alleati-la cui priorità in questo momento è la regione orientale della Siria e le frontiere con l’Iraq, allora la sostenibilità della politica di calibrazione conflitto può venire in discussione se le forze sufficienti possono essere liberati per un’offensiva su larga scala in Dar’a e Quneitra e non v’è alcuna realizzazione significativa di un accordo internazionale per mantenere le forze iraniane e le milizie filo-iraniane lontano dai confini con le alture del Golan.

APPENDICE: FOTO DA JUBATHA AL-Khashab (JUNE 2017)

Jubatha al-Khashab (giugno 2017)

GLI APPUNTI

[1] Nour Samaha, “Campagna Tranquillo di Israele a prendere piede in Siria meridionale,” la Siria Profondamente , 15 giugno 2017, https://www.newsdeeply.com/syria/articles/2017/06/15/long-read -israels-quiet-campagna-to-guadagno-a-punto d’appoggio-in-sud-siria ; Rory Jones, Noam Raydan, e Suha Ma’ayeh, “Israele per dare aiuti segreto per ribelli siriani,” Wall Street Journal , 18 giugno 2017, https://www.wsj.com/articles/israel-gives-secret-aid -per-siriano-ribelli-1497813430 .

[2] Aymenn Jawad Al-Tamimi, “la minaccia jihadista sul confine settentrionale di Israele,” Medio Oriente Review of International Affairs (MERIA) , vol. 20, No. 1 (Spring 2016), http://www.rubincenter.org/wp-content/uploads/2016/05/Jawad-YC-au1-PDF.pdf .

[3] “ex-ministro della Difesa dice è ‘chiesto scusa’ in Israele per novembre Clash,” Times of Israel , 24 Aprile, 2017, http://www.timesofisrael.com/ex-defense-minister-says-is-apologized -to-israel-per-novembre-scontro / .

[4] Aymenn Jawad Al-Tamimi, “Il significato di uno scontro di Israele con un’islamica Stato di affiliazione,” War on the Rocks , 13 dicembre 2016, https://warontherocks.com/2016/12/the-meaning-of -un-israelo-scontro-con-un-islamico-stato-di affiliazione / .

[5] Ibid.

[6] Ad esempio, l’affermazione non confermate che è arrivato in Turchia avendo precedentemente venuto a Raqqah, a fianco del reclamo era stato ucciso nel gennaio 2017 in attacchi aerei della coalizione. Posta in Siria Corrispondente su Facebook 18 maggio 2017, https://justpaste.it/abuayyubmasalammay2017 .

[7] Conversazione con un residente nel bacino Yarmouk città di al-Shajrah, 2 novembre 2016.

[8] Phil Sands e Suha Ma’ayeh “Come Ribelli di ISIL sono ingannati Siria ida auto-tradimenti e sconfitta,” The National , 8 Marzo 2017, http://www.thenational.ae/world/middle-east/how -isil-inganno-Syrias-ribelli-in-auto-tradimento-e-sconfitta .

[9] conversazione con un amico in Jamlah, 29 Maggio 2017.

[10] Ibid.

[11] Il nome suggerisce che è dalla città in Binnish nella provincia di Idlib.

[12] La conversazione con un amico in Jamlah, 21 giugno, 2017.

[13] Ad esempio, “Dopo le esecuzioni e le incursioni aeree, l’Organizzazione Dawla è ‘senza testa’ nel bacino Yarmouk,” Orient Notizie , 7 giugno 2017, http://orient-news.net/ar / news_show / 137393/0 /% D8% A8% D8% B9% D8% AF% D8% A7% D9% 84% D8% A5% D8% B9% D8% AF% D8% A7% D9% 85% D8 % A7% D8% AA-% D8% A7% D9% 84% D9% 85% D9% 8A% D8% AF% D8% A7% D9% 86% D9% 8A% D8% A9-% D9% 88% D8 % A7% D9% 84% D8% BA% D8% A7% D8% B1% D8% A7% D8% AA-% D8% A7% D9% 84% D9% 85% D8% AC% D9% 87% D9% 88% D9% 84% D8% A9-% D8% AA% D9% 86% D8% B8% D9% 8A% D9% 85-% D8% A7% D9% 84% D8% AF% D9% 88% D9% 84% D8% A9-% D8% A8% D9% 84% D8% A7% D8% B1% D8% A3% D8% B3% D8% A8% D8% AD% D9% 88% D8% B6% D8% A7% D9% 84% D9% 8A% D8% B1% D9% 85% D9% 88% D9% 83 . L’ Orient Notizie rapporto è anche errato nel sostenere che ci fosse un annuncio JKW su uno di questi argomenti.

[14] Conversazione con Abu al-Kinana Yarmouki (un residente Yarmouk bacino e membro del JKW), 21 giugno 2017.

[15] La conversazione con l’amico in Jamlah, 21 giugno 2017.

[16] La conversazione con l’amico in Jamlah, 28 giugno 2017.

[17] Conversazione con Abu Uday al-Dar’awi (un residente Yarmouk bacino originario di IBTA e di supporto di JKW), 29 giugno 2017.

[18] CENTCOM comunicati stampa su attacchi aerei militari contro lo Stato islamico in Iraq e la Siria, 6 giugno – 10 Giugno, 2017 e 26 giugno – 30 giugno, 2017 (alcuni raid non sono riportati fino a pochi giorni dopo che sono stati inizialmente condotti, avendo stato “chiuso nelle ultime 24 ore”). Vedere http://www.centcom.mil/MEDIA/PRESS-RELEASES/ .

[19] Conversazione con Abu Uday al-Dar’awi, 29 giugno 2017.

[20] Questa relazione non intende suggerire che le interazioni tra israeliani e persone in Quneitra governatorato si sono limitati a Jubatha al-Khashab (ad esempio, come Samaha fa notare nel suo Siria Profondamente segnalare, gruppi della società civile israeliani sono impegnati in più ampia diffusione e disposizioni degli aiuti per i locali in zona), ma la città non sembra essere diventato il principale punto focale per quanto riguarda i legami con i gruppi ribelli sono interessati.

[21] “Breaking: Quneitra-Liberazione della Jubatha al-Khashab e Distruggere le forze nemiche,” OmawiLive 18 luglio 2012, https://justpaste.it/jubathaalkhashabuly2012 .

[22] Ad esempio, Facebook Share dal 16 settembre 2013, https://justpaste.it/majlisaskarithawrqu .

[23] Una piccola biografia può essere trovato qui: libero Ladha’iya Coordinamento, 17 febbraio 2014, https://justpaste.it/abdilahbashirquneitra . Si dice che sia nato nel villaggio di al-Rafid nel 1965 e venne a Jubatha al-Khashab dopo la sua caduta al di fuori del controllo del regime, insieme ad altri ufficiali che hanno istituito il consiglio militare. E ‘diventato leader del Consiglio subito dopo la sua formazione.

[24] “Condoglianze alla Abd al-Ilah dal Consiglio locale in località Jubatha al-Khashab e dei suoi dintorni,” 26 nov 2013, https://justpaste.it/talalsonaskariqun .

[25] “Nomina del generale di brigata ‘Abd al-Ilah al-Bashir al-Nu’aimi Come Capo del Capo di Stato Maggiore dell ‘esercito libero'”, All4Syria , 16 febbraio 2014, http: //www.all4syria .info / Archivio / 131606 .

[26] Media Center di Quneitra, Facebook Share, 12 Giugno 2014 https://justpaste.it/mediacentrequneitrajune2014 .

[27] “La corruzione Accusa cani il capo del Consiglio locale di al-Rafid nel Quneitra e del Consiglio nega,” SMART News Agency , 28 gennaio 2015, https://justpaste.it/majlisaskaricorruptionjan2015 .

[28] Raccolta delle dichiarazioni rilasciate dal “consiglio militare rivoluzionario di Quneitra e il Golan” tra settembre 2016 e maggio 2017, https://justpaste.it/majlisaskaristatements .

[29] La conversazione, 30 giugno 2017.

[30] Ibidem.

[31] “defezione di ‘Liwa al-Fursan Jawlan’ dal consiglio militare di Quneitra A causa del ‘tagliando di sostegno’,” SMART Notizie 14 giugno 2015, http://smartnews-agency.com/ar/ fili / 1840 /% D8% A7% D9% 86% D8% B4% D9% 82% D8% A7% D9% 82-% D9% 84% D9% 88% D8% A7% D8% A1% D9% 81 % D8% B1% D8% B3% D8% A7% D9% 86-% D8% A7% D9% 84% D8% AC% D9% 88% D9% 84% D8% A7% D9% 86-% D8% B9 % D9% 86-% D8% A7% D9% 84% D9% 85% D8% AC% D9% 84% D8% B3% D8% A7% D9% 84% D8% B9% D8% B3% D9% 83 % D8% B1% D9% 8A-% D8% A8% D8% A7% D9% 84% D9% 82% D9% 86% D9% 8A% D8% B7% D8% B1% D8% A9 .

[32] Conversazione con Abu Muhammad, 20 giugno 2017.

[33] La conversazione, 30 giugno 2017.

[34] Conversazione con Abu Muhammad, 20 giugno 2017. Il Reggimento Golan ha erroneamente caratterizzato come milizia drusa. Per un correttivo, vedere Nour Samaha, “come questi siriani sono passati da combattenti dell’opposizione pro-regime miliziani,” al-Monitor , 3 aprile 2017, http://www.al-monitor.com/pulse/originals/2017/ 04 / siria-sud-opposizione-defezione-esercito-israel.html .

[35] posta esempio della dell’ala media del Gruppo con riferimento questa affiliazione, 26 giugno 2017, https://justpaste.it/jabhatansarislam26jun2017 .

[36] intervistati ancora riferimento a questo gruppo come Jabhat al-Nusra, un predecessore all’affiliato di al-Qa’ida, Hay’at Tahrir al-Sham. Considerando che la maggior parte dei beni Hay’at Tahrir al-Sham sono nel nord-ovest del paese, il continuo riferimento a Jabhat al-Nusra è abbastanza comprensibile. C’è poca differenza di composizione manodopera o dimensioni tra Hay’at Tahrir al-Sham in Jubatha al-Khashab e Jabhat al-Nusra. A livello più ampio Quneitra, la presenza più significativa Hay’at Tahrir al-Sham si trova nella zona del vecchia della città di Quneitra . Abu Muhammad dice che un uomo ferito di Hay’at Tahrir al-Sham  ha anche ricevuto un trattamento sanitario in Israele . Questo però non prova che si tratta di una questione di politica israeliana generalizzata per fornire un trattamento a tutti  i membri di Hay’at Tahrir al-Sham.

[37] Southern . Il gruppo locale specifico affiliato con i Sayf al-Sham Brigate di al-Jubatha Khashab è chiamato Liwa al-Izz, che a quanto pare anche gestisce un passaggio per portare feriti in Israele.

[38] La conversazione, 19 giugno 2017.

[39] La conversazione, 22 giugno 2017.

[40] Ibid.

[41] Ibid.

[42] Fursan al-Jawlan, Facebook Share, 14 giugno 2017, https://justpaste.it/fursanjowlan14jun2017 .

[43] Questi i messaggi di Facebook possono essere visualizzate qui: https://justpaste.it/fursanjowlan14jun2 .

[44] L’ex capo del consiglio locale chiarito che il ruolo di Fursan al-Jawlan nella fornitura di energia elettrica sta fornendo gasolio per i generatori (conversazione, 22 giugno, 2017). Non ci sono attualmente rete elettrica nazionale in Jubatha al-Khashab.

[45] Ibid.

[46] Sam Heller, “jihadisti siriani mettono a rischio il soccorso umanitario,” The Century Foundation , 1 giugno 2017, https://tcf.org/content/report/syrian-jihadists-jeopardize-humanitarian-relief/ .

[47] “Al confine con la Siria, IDF cerca un più stretto contatto con i civili sul lato opposto,” Tempi di Israele, 29 maggio 2016 http://www.timesofisrael.com/on-syrian-border-idf-sets-up-unit -che-will-lavoro-con-siro-civili /

[48] La conversazione, 20 Giugno 2017.

[49] Conversazione con Muru Hawran, 19 giugno 2017.

[50] La conversazione, 19 giugno 2017.

[51] Ibid.

[52] Ibid.

[53] Ibid.

[54] Aymenn Jawad Al-Tamimi, “Riconciliazioni: il caso di al-Sanamayn in Nord Deraa,” la Siria Commento , 27 aprile 2017, http://www.joshualandis.com/blog/reconciliations-case-al-sanamayn -North-Deraa / .

[55] “Il regime Completa la Riconciliazione del Mahajja del Nord Dar’a,” All4Syria , 13 maggio, 2017, http://www.all4syria.info/Archive/410207 . Mahajja ha visto un accordo simile al-Sanamayn con fazioni ribelli interno sostanzialmente rimanenti come sono. Alcune di queste fazioni sono affiliati a gruppi ribelli più familiari nel sud, come l’al-Sunna Divisione e SRF Usud. Conversazione con Usud al-Sunna capo divisione affiliati Mahajja, 31 maggio 2017.

[56] Aymenn Jawad Al-Tamimi, “La guerra civile siriana e cambiamento demografico,” la Siria Profondamente , 15 marzo 2017, http://www.aymennjawad.org/19745/the-syrian-civil-war-demographic-change .

[57] “La riconciliazione di Beit Jann e Jubatha al-Khashab nelle sue fasi finali,” al-Watan , 17 gennaio 2017, http://alwatan.sy/archives/87590 .

[58] Facebook post di Ghassan Ali, 15 febbraio 2017, https://justpaste.it/ghassnali15feb217 .

[59] Jones, Raydan, e Ma’ayeh, “Israele dà Aiuti segreto ai ribelli siriani.”

[60] La sala operativa si chiama “Esercito di Maometto”. Vedere dichiarazione di fondazione, 24 giugno 2017, https://justpaste.it/armymoopsjune24 .

[61] Ibid. e Samaha, “Campagna Tranquillo di Israele a prendere piede in Siria meridionale.”

[62] Post di Omar Ashour nel gruppo Liwa al-Baqir Facebook 22 giugno 2017, https://justpaste.it/liwabaqir22june2017 .

[63] Gli esempi includono Liwa al-Imam al-Mahdi, al-Ghalibun e Maghawir 313. L’ultimo di questi è un gruppo siriano Hezbollah con origini in Aleppo, istituito nel 2014, sotto la supervisione e l’ordine di Hezbollah comandante di al-Hajj Ala Albu Sana. Il suo primo impegno è stato nel cosiddetto ‘triangolo della morte” che si trova tra le zone di campagna Dar’a, Quneitra, e Damasco. Altri impegni hanno incluso campagne Latakia, Idlib, Hama, e la campagna per riprendere Aleppo città. Conversazione con Maghawir 313 leader, 1 maggio 2017.

[64] Cf. “Il generale di brigata … Un documentario di al-Aalem Channel Martire Samir al-Quntar,” Inbaa.com 15 febbraio 2016, http://www.inbaa.com/%D8%A7%D9%84 % D8% B9% D9% 85% D9% 8A% D8% AF% D9% 88% D8% AB% D8% A7% D8% A6% D9% 82% D9% 8A-% D9% 85% D9% 86 -% D9% 82% D9% 86% D8% A7% D8% A9-% D8% A7% D9% 84% D8% B9% D8% A7% D9% 84% D9% 85-% D8% B9% D9% 86-% D8% A7% D9% 84% D8% B4% D9% 87% D9% 8A% D8% AF / .

[65] La conversazione, 19 giugno 2017.

[66] Ibid.

[67] Ilan Ben Zion e Agam Rafaeli, “Non abbiamo alcun manzo con Israele, Siria islamista Rebel gruppo dice,” Times of Israel , 1 luglio 2013, http://www.timesofisrael.com/we-have-no- manzo-con-israel-siriano-islamista-rebel-gruppo-dice / .

[68] La conversazione, 19 giugno 2017.

[69] Ibid. 21 giugno al 2017.

[70] Itamar Rabinovich, “View israeliana della crisi siriana,” Brookings Analisi Paper , n ° 28 (novembre 2012), https://www.brookings.edu/wp-content/uploads/2016/06/Rabinovich-web -final.pdf .

[71] Una varietà di aneddoti interessanti sono emersi dalle interazioni con i locali a Majdal Shams, la più grande città siriana rimanendo nelle alture del Golan. Molti residenti, naturalmente ancora credono nella necessità di restituire le alture del Golan alla Siria. Una interessante notare detto che questo ritorno potrebbe avvenire solo con la rimozione di Assad e una transizione. Altri se riconoscono la realtà della stiva di Israele sulle alture del Golan. Un giovane residente ha respinto l’idea di restituire il Golan alla Siria e che rientrano nei “governanti degli arabi.”

[72] Nour Samaha su Twitter 20 dicembre 2016, https://twitter.com/Nour_Samaha/status/811216001849262080 .

Exit mobile version