Relazioni cino-pachistane

Recentemente, gli Stati Uniti hanno incluso l’India nella sua politica in evoluzione in Asia del Pacifico, come parte del suo Dialogo sulla sicurezza quadrilatero (spesso denominato “Quad”). Il quartetto comprende anche l’Australia e il Giappone insieme agli stessi Stati Uniti.

La nascente alleanza è apertamente schierata contro la Cina, con gli stati membri che dichiarano apertamente la loro intenzione di contribuire a contenere le attività di Pechino nella regione e competere contro gli sforzi cinesi per stabilire maggiori legami con i suoi vicini immediati. Ciò include il Giappone e l’Australia che si impegnano a pattugliare in modo più aggressivo i mari del sud e della Cina orientale.

Per parte dell’India, cerca di diventare  un potere maggiore all’interno dell’Oceano Indiano . Inoltre, Nuova Delhi ha sempre più posto le sue forze armate contro la Cina sullo sfondo di maggiori tensioni lungo il confine tra Cina e India.

La Cina sembra perseguire la propria strategia per uscire dalla politica di contenimento del Quad, comprese le misure per porre l’India sotto controllo.

Il Pakistan di Pechino nell’India di Washington  

Parte di questa strategia include crescenti legami tra Pechino e Islamabad. Ciò include una serie di importanti progetti di infrastrutture comuni in tutto il Pakistan. Collettivamente noto come Corridoio Economico Cina-Pakistan (CPEC), l’ambiziosa rete di progetti collega il porto di Gwadar nella provincia pakistana del Balochistan sul Mar Arabico con il confine pakistano-cinese vicino alla provincia cinese occidentale dello Xinjiang.

Ferrovie e strade forniscono alla Cina l’accesso al Mar Arabico, eliminando la necessità di spostare determinate merci oltre Singapore e attraverso lo Stretto di Malacca.
CPEC comprende anche un gasdotto da Gwadar a Nawabshah che consentirà infine l’importazione di gas dall’Iran.

Oltre alla CPEC, la Cina sta anche costruendo centrali elettriche in tutto il Pakistan, sviluppando legami più forti tra le varie industrie e istituzioni cinesi e pakistane e sviluppando legami più stretti tra Cina e Pakistan.

I legami militari cinese-pakistani forniscono la risposta ideale alle intenzioni di Washington di usare l’India contro la Cina. Pakistan e India hanno mantenuto relazioni controverse per decenni, ma il fatto che entrambe le nazioni possiedano formidabili arsenali nucleari e grandi eserciti convenzionali significa che ogni conflitto è di breve durata con entrambe le parti che tentano di evitare importanti escalation.

La Cina ha assicurato che il Pakistan ha mantenuto la parità militare con la vicina India, anche attraverso lo sviluppo congiunto di entrambi i sistemi di armi convenzionali e del suo programma nucleare.

Insieme, questi legami miglioreranno significativamente l’economia pakistana, fornendo posti di lavoro a lungo termine sia nella costruzione e nel mantenimento di progetti infrastrutturali, sia nell’aggiungere alla crescita economica nazionale. Assicureranno inoltre che il Pakistan mantenga una parità militare con l’India vicina, mantenendo un equilibrio di potere nell’Asia meridionale.

Per Pechino, questi legami consentono alla Cina di accedere non solo al Mar Arabico, ma anche a un mezzo per collegare ulteriormente la sua provincia occidentale dello Xinjiang, consentendo ulteriori sviluppi economici lì. Con un forte alleato al confine con l’India, i legami con il Pakistan concedono anche a Pechino più leva quando manovrano diplomaticamente nei confronti di Nuova Delhi.

Attaccando il fianco pakistano della Cina 

Per entrambe le nazioni, questi legami rappresentano una risposta alla pressione che entrambi affrontano da Washington. Nella provincia cinese dello Xinjiang, gli Stati Uniti hanno sfruttato la disparità socioeconomica per alimentare i movimenti separatisti e persino il terrorismo mirato a destabilizzare Pechino.

Allo stesso modo, la provincia pakistana del Balochistan ospita estremisti violenti che accompagnano un movimento separatista sponsorizzato anche da Washington.

Il National Endowment for Democracy degli Stati Uniti, un fronte sempre più famoso usato da Washington e Wall Street per influenzare la politica interna delle nazioni di tutto il mondo, ha pompato milioni di dollari ogni anno per costruire reti nello Xinjiang e nel Belucistan per non si limitano a contestare il controllo su queste regioni da parte dei rispettivi governi centrali, ma anche a sconvolgere lo sviluppo economico ambizioso in entrambe le province.

Il movimento separatista in Belucistan, ad esempio, ha preso di mira i progetti di costruzione cinesi nel tentativo di ostacolare lo sviluppo della regione e complicare i legami tra Cina e Pakistan. Il conflitto sponsorizzato dagli Stati Uniti illustra il vero volto della campagna di Washington per contenere più ampiamente l’ascesa politica ed economica della Cina nella regione.

Nel 2017, i terroristi hanno attaccato un campo di lavoratori nel porto di Gwadar, ferendone 26. Gli   organi di stampa come la Reuters menzionerebbero in particolare la probabilità che tali attacchi sconvolgessero l’iniziativa One Belt, One Road cinese a cui i progetti CPEC cadono. Interrompere questo ambizioso progetto è diventato l’obiettivo primario dei politici statunitensi ed europei concentrati sull’Asia.

Politico nel suo articolo, ” I piani della Cina di governare i mari colpiscono problemi in Pakistan “, affermerebbe:

L’ambizione strategica della Cina di estendere la propria potenza marittima attraverso l’Oceano Indiano sta causando gravi ostacoli nella gigantesca e instabile provincia pakistana del Belucistan. La priorità di Pechino è quella di sviluppare il sonnolento porto peschereccio di Baloch di Gwadar, 300 miglia a ovest di Karachi, per proiettare la sua influenza commerciale e navale più a ovest. Ma rapimenti, sparatorie e attentati dinamitardi nelle ultime settimane e mesi offrono un agghiacciante avvertimento che la Cina dovrà pagare un prezzo elevato per un porto di acque profonde vicino alla foce del Golfo Persico.

L’articolo di Politico fa notare come i legami tra Cina e Pakistan mettono l’India sotto controllo. Ma in un senso molto più ampio, hanno anche messo sotto controllo gli sforzi degli Stati Uniti per contenere la Cina. L’articolo osserva inoltre che sia la Cina che il Pakistan rimangono non influenzati dalla violenza che affligge il Belucistan e si impegnano a portare a termine i progetti CPEC nella provincia in difficoltà.

Mentre l’articolo di Politico non menziona mai il governo degli Stati Uniti e il suo sostegno ai separatisti in Balochistan, un rappresentante del governo locale ha citato l’occupazione in corso da parte dell’esercito statunitense del vicino Afghanistan come parzialmente responsabile della situazione di sicurezza del Belucistan.

Più recentemente è stato riferito che la Cina sta cercando di stabilire una base militare nel Balochistan. Questo è in aggiunta a un aumento delle risorse militari pakistane nella provincia.

Il Washington Times nel suo articolo, ” China Building Military Base in Pakistan “, riferirebbe:

La Cina sta costruendo la sua seconda base militare d’oltremare in Pakistan come parte di una spinta per maggiori capacità di proiezione di potenza lungo le rotte marittime strategiche. La struttura sarà costruita a Jiwani, un porto vicino al confine iraniano sul Golfo di Oman, secondo due persone che hanno familiarità con l’affare. I piani prevedono che la base di Jiwani sia una struttura navale e aerea comune per le forze cinesi, situata a breve distanza lungo la costa dalla struttura portuale commerciale cinese di Gwadar, in Pakistan. Sia Gwadar che Jiwani fanno parte della provincia del Baluchistan occidentale del Pakistan.

La mossa rafforza ulteriormente i piani congiunti Cina-Pakistan per il Balochistan e innalza gli sforzi sostenuti dagli Stati Uniti per fomentare conflitti nella regione. La presenza invitata dalla Cina nella regione contro il movimento separatista non protetto dell’america è un microcosmo della politica generale insostenibile dell’America di contenere la Cina.

Scelte difficili per i membri del quartetto 

Il dominio degli Stati Uniti in Asia è stato per decenni costruito sull’immensa disparità economica tra sé e le nazioni in tutta la regione tormentate da guerre, vaste popolazioni e accordi sbilanciati trattati da istituzioni presumibilmente internazionali. Con l’ascesa della Cina e di altri stati regionali, questa disparità sta diminuendo e con essa il predominio dell’America nella regione.

Un tempo, un movimento separatista segretamente sostenuto avrebbe (e avrebbe) confuso lo sviluppo in Pakistan. Oggi, era il pretesto che la Cina aveva bisogno di espandere ulteriormente la sua portata e rispondere definitivamente agli sforzi degli Stati Uniti con una soluzione permanente a cui gli Stati Uniti non hanno alcuna risposta.

Il tentativo americano di competere contro lo sviluppo economico della Cina con insostenibili minacce militari e ugualmente insostenibile conflitto occultato è una battaglia persa. L’alleanza Quad guidata dagli Stati Uniti porterà solo disagi ai suoi membri australiani, giapponesi e indiani, che saranno incaricati di riprendere il gioco e fare pagare prezzi ripidi economicamente e diplomaticamente per farlo. Alla fine, il conflitto che il Quad cerca di sventare la Cina e il resto delle ambizioni dell’Asia ferirà solo l’intera regione nel suo insieme, inclusi tre dei quattro membri del Quad stessi,  come hanno sottolineato altri analisti .

Questo lascia solo una domanda: quanto tempo ci vorrà prima che i partner Quad americani realizzino la cooperazione con il continente piuttosto che competere con il resto dell’Asia nel loro miglior interesse, e lasciare l’America alla ricerca di nuovi partner anche in altre parti dell’Asia? La risposta sarà fornita dagli sforzi diplomatici di Pechino per convincerli, compresi vecchi nemici come il Giappone e concorrenti feroci come l’India, che c’è un posto in questa nuova Asia per loro.

Ulson Gunnar, analista geopolitico e scrittore di New York, in particolare per la rivista online ” New Eastern Outlook “.  

Collegamento sorgente

Pubblicità