Radovan Karadzic è stato condannato all’ergastolo

Radovan Karadzic condannato all’ergastolo

La Camera d’appello del tribunale penale all’Aia (l’erede del Tribunale dell’Aia) ha consegnato la sentenza finale al primo presidente della Republica Serba Radovan Karadzic che è l’ ergastolo.
La Camera d’appello ha respinto tutte le denunce della difesa, ha respinto la denuncia dell’ufficio dell’accusatore sull’erroneità dell’assoluzione di Karadzic sulle accuse di genocidio in sette comunità della Bosnia-Erzegovina.

Nello stesso tempo, la Camera d’appello ha ritenuto che la condanna a 40 anni di reclusione non corrisponda alla gravità dei crimini di Radovan Karadzic, questa frase è “irragionevole e ingiusta”.
Nel marzo 2016, la sessione del Tribunale dell’Aja ha condannato Karadzic a 40 anni di carcere per il genocidio di Srebrenica e i crimini contro l’umanità in Bosnia ed Erzegovina nel 1992-1995.

Nel verdetto originale, Karadzic fu assolto da una delle accuse – il genocidio contro la popolazione non serba nelle comunità di Bratunac, Prijedor, Vlasenica, Zvornik, Sanski Most, Focha e Klyuchny. Tuttavia, è stato scoperto che i crimini di guerra in queste comunità erano coordinati dalla leadership della Repubblica Serba. L’assemblea giudiziaria ha anche stabilito che Karadzic era responsabile dei crimini durante l’assedio di Sarajevo e la presa di ostaggi.
La difesa ha presentato un appello chiedendo la liberazione di Karadzic o un nuovo processo, mentre l’accusa chiede l’ergastolo.

http://ruserbia.com/society/vynesen-prigovor-radovanu-karadzhichu-pozhiznennoe-zakljuchenie/

Da un’intervista con l’ex agente della CIA Robert Baer:

Quando viene chiesto a Baer se sono impegnati nella propaganda contro i serbi, risponde:

E sì e no. Lo scopo della propaganda era di separare le repubbliche in modo da separarsi dalla Jugoslavia. Dovevamo scegliere un capro espiatorio da incolpare per tutto. Qualcuno che sarà responsabile per la guerra e la violenza. La Serbia è stata scelta perché in qualche modo è il successore della Jugoslavia.

Come e quando hai finito l’operazione e lei aveva un nome?

Per me, era finita in due settimane, ho avuto un nuovo lavoro in Slovenia. In caso contrario, l’operazione durò per diversi mesi e fu chiamata “Verità”. Anche se era tutto tranne quello!

Puoi nominare i politici dell’ex Jugoslavia pagati dalla CIA?

Sì, ma è delicato. Stipe Mesic, Franjo Tudjman, Aliya Izetbegovic, molti consiglieri e membri del governo in Jugoslavia furono pagati, e generali serbi, giornalisti, ecc. Radovan Karadzic fu pagato per qualche tempo, ma smise di prendere soldi quando si rese conto che poteva essere sacrificato e accusato di crimini commessi in Bosnia – che sono stati organizzati dall’amministrazione statunitense.

Srebrenica è una storia esagerata e, sfortunatamente, molte persone vengono manipolate. Il numero delle vittime tra i serbi non era inferiore al numero delle vittime tra le altre nazionalità, ma Srebrenica è il marketing politico. Il mio capo, che era un senatore degli Stati Uniti, ha ripetutamente sottolineato che ci sarà una specie di truffa in Bosnia. Un mese prima del presunto genocidio a Srebrenica, mi disse che la città sarebbe stata la principale notizia in tutto il mondo e ci ordinò di chiamare i media. Quando ho chiesto perché, ha detto che avrei visto. Il nuovo esercito bosniaco ricevette l’ordine di attaccare case e civili. Questi erano, naturalmente, i cittadini di Srebrenica. Allo stesso tempo, i serbi attaccarono dall’altra parte. Probabilmente qualcuno ha pagato per incitarli!

Allora chi è il colpevole del genocidio di Srebrenica?

Srebrenica denuncia bosniaci, serbi, americani. Ma in realtà, i serbi furono accusati di tutto. Sfortunatamente, molte delle vittime sepolte come musulmani erano serbi e di altre nazionalità. Alcuni anni fa, un mio amico, un ex agente della CIA e ora collaboratore del Fondo monetario internazionale, ha affermato che Srebrenica è il risultato di un accordo tra il governo degli Stati Uniti e i politici in Bosnia. Secondo Baer, ​​la città di Srebrenica è stata sacrificata per dare all’America una ragione per attaccare i serbi per i loro presunti crimini.
Era la “linea rossa” di Bill Clinton.

Inoltre, sul falso “campo di concentramento” a Srebrenica:

Nell’agosto del 1992, una foto orribile di un prigioniero torturato in piedi dietro il filo spinato era diffusa in tutto il mondo. Tutti erano convinti: i serbi hanno campi di concentramento in cui languiscono i poveri musulmani bosniaci. L’uomo che era davvero malato di guardare era chiamato Fikret Alich. Aveva allora 22 anni.
L’editore del dipartimento degli esteri Independent Television News (ITN), Mike Jeremy, ha successivamente definito l’istantanea “una delle immagini chiave della guerra nell’ex Jugoslavia”.
Mi venne in mente Auschwitz, Dachau e Buchenwald. Hanno ricordato l’Olocausto e la “soluzione finale del problema”. L’immagine divenne testimonianza del genocidio che i serbi presumibilmente inscenarono. Ed è diventato un argomento di ferro nella campagna per demonizzarli con forti richieste di bombardamenti e distruzioni.

Il punto di raccolta a Trnopolje, nel nord della Bosnia, è stato creato spontaneamente quando sono iniziati scontri intercomunali qui, vicino alla città di Prijedor. Guadagnò di slancio vendetta collettiva. Occhio per occhio Avendo ricevuto un’arma, la gente si vendicò per aver bruciato la casa, uccidendo parenti o amici …
Molti dei musulmani in fuga tentarono di trovare rifugio nei terreni della scuola a Trnopolje (qui era un punto di raccolta). Speravano di evitare entrambi gli incontri con i miliziani serbi e il reclutamento forzato di musulmani bosniaci nell’esercito. In effetti, si trattava di un campo profughi, in cui nessuno veniva ucciso o torturato, venivano nutriti in modo tollerabile e non erano trattenuti con la forza. Fuori dal punto di raccolta, che i serbi proteggevano da eventuali attacchi, e per i rifugiati era molto più pericoloso. Il campo consisteva negli edifici della ex scuola e del club locale.

È qui che ai giornalisti britannici ha sorriso la fortuna  due volte. Accanto al punto di raccolta c’era una piattaforma di circa cinquecento metri quadrati, circondata da filo spinato, in cui c‘erano dei buchi nel recinto. I reporter, che non sono stati ostacolati da nessuno, sono penetrati silenziosamente e hanno abbattuto i vicini musulmani bosniaci. Sono appena arrivati ​​al campo e hanno aspettato fuori mentrei profughi venivano  registrati, ricevettero del cibo e  gli veniva loro mostrato dove dormire. Uno dei rifugiati, nudo fino alla cintola nel caldo di agosto, si rivelò molto magro e divenne una “stella”.

La sua esaurimento e disidratazione è probabilmente il risultato di qualche tipo di malattia. Le fotografie di Fikret Alich si diffusero poi in tutto il mondo e terrorizzarono gli abitanti dalle copertine di riviste e pagine di giornali. E i giornalisti hanno ricevuto premi. Pochi giorni dopo questo gruppo di giornalisti, Paddy Ashdown, il leader dei liberaldemocratici britannici, ha visitato il campo di Trnopolye. Questo politico non ha simpatizzato con i serbi bosniaci. Al contrario, ha ripetutamente richiesto l’intervento britannico nel conflitto. Tuttavia, le impressioni di Ashdown sul campo di Trnopolye, descritte dall’Independent il 13 agosto 1992, sembrano una voce che grida nel deserto:
“Si sono riuniti qui perché almeno hanno bisogno di andare da qualche parte. Le loro case sono bruciate, le loro vite sono in pericolo. Gli estremisti islamici stanno costringendo tutti gli uomini ad andare dai partigiani, quindi sono venuti qui in cerca di sicurezza (…). ”
Tuttavia, le immagini drammatiche di Fikret Alich sono state l’asso di trionfo che ha battuto ogni ragionevole argomento.

Come ha notato il giornalista tedesco Thomas Deichmann, nei primi giorni dopo la pubblicazione (6 agosto 1992), i giornalisti che lo hanno preparato hanno evitato di chiamare Trnopolya un campo di concentramento. Ma dopo che le immagini sono state girate per il mondo intero, questo termine è entrato in una svolta costante. E persino colpire i libri. Ma, cosa più importante, nessuno dei giornalisti non ha spiegato da dove provenisse il filo spinato.

Dopo la pubblicazione delle immagini, le chiamate ad alta voce per i serbi bosniaci a chiudere i campi hanno cominciato ad essere ascoltate ovunque. Sir John Thompson, il capo della commissione dell’OSCE in Bosnia, ha cercato di mettere in guardia l’Occidente dalle conclusioni affrettate: “Mi sembra che se alcuni campi fossero semplicemente chiusi, molti prigionieri non andranno lontano – tombe appariranno nelle vicinanze”.

Ma la pressione internazionale sui serbi bosniaci ha già prodotto risultati. Il campo di Omarska, che è stato anche filmato da ITN, è stato chiuso nell’agosto del 1992. La maggior parte della gente è stata trasferita da lì a Trnopolje, che da un campo profughi è diventata una stazione di posta. Il primo ottobre 1992, il primo grande convoglio della Croce Rossa partì da lì, trasportando rifugiati oltre il confine, in Croazia e poi in Europa. Le informazioni false hanno guarito la sua vita.

Negli Stati Uniti, dove la campagna presidenziale era in pieno svolgimento nel 1992, il tandem del Partito Democratico (Bill Clinton e Al Gore) usò le immagini per costringere il presidente George W. Bush Sr. a lanciare un’operazione militare contro i serbi bosniaci.

Il primo ministro britannico John Major ha ricordato il suo ufficio dal congedo per una riunione di emergenza. Fu presto annunciato che le truppe britanniche sarebbero andate in Bosnia. Le fotografie di Fikret Alich da Trnopolya in seguito influenzarono il lavoro del Tribunale Internazionale per l’ex Jugoslavia (ICTY) a L’Aia. Questo tribunale si è basato in gran parte sul rapporto della commissione di esperti, in cui in diversi luoghi viene menzionato il recinto di filo spinato a Trnopolje. Il documento, pubblicato nell’estate del 1994, è stato controverso. Ma nell’annesso V (“Rapporto su Prijedor”) si afferma inequivocabilmente: “Il campo era circondato da filo spinato e diverse guardie sorvegliavano i prigionieri”.

Dopo la fine della guerra, nel 1997, un giornalista tedesco, Thomas Deichmann, pubblicò un’indagine nell’edizione britannica di LM, intitolata “The Picture that Fooled the World” Tutto è iniziato con il fatto che sua moglie, guardando attraverso le foto, ha notato che il filo era attaccato sull’altro lato del recinto. Ha influito sulla sua esperienza di giardiniere.
Il giornalista è arrivato sulla scena. Lui personalmente e meticolosamente, con meticolosità tedesca, esplorò il territorio del campo. Daykhman si rilevò che il campo di Trnopolje non era recintato con filo spinato e che quindi la gente non poteva essere trattenuta con la forza. I giornalisti britannici hanno trovato l’unica angolazione con il filo spinato e ha filamto la gente  dietro il recinto. Sì, i musulmani sono nella cornice dietro il filo spinato, ma … all’esterno. Nell’articolo, Deichman dava spiegazioni ad ogni punto. Ma il sistema con cui è entrato in lotta, ha fatto una mossa di rappresaglia

A tutii gli organizzatori di tali provocazioni, delle operazioni sotto falsa bandiera, ecc., – per non parlare degli organizzatori dell’aggressione contro la Jugoslavia-  ha avuto alcuna responsabilità.

Come il Dipartimento di Stato ha recentemente spiegato lucidamente, alla Corte penale internazionale non sarà permesso calunniare e indagare sui crimini di guerra una “grande nazione”.
In realtà, questo è tutto ciò che devi sapere sulla cosiddetta “giustizia internazionale”, dove i serbi sono stati usati come capri espiatori. Come nota Baer, ​​i serbi furono semplicemente nominati responsabili della guerra, che fu completamente scatenata da altri.

Source link

Pubblicità