Quindi, c’è stata qualche forma di ingerenza negli Stati Uniti?

La caccia alle streghe sfrenata che è stata avviata con noncuranza un paio di anni fa si è ora evoluta in un’arma di scelta per le fazioni politiche e finanziarie in competizione a Washington. Sì, stiamo parlando delle accuse sulle elezioni presidenziali in Russia che il MSMS ha discusso per mesi, in totale dispregio del fatto che non è stata mostrata al pubblico un singolo elemento di prova a sostegno di tali accuse. Per quanto riguarda quei politici che vorrebbero trasformare il sistema politico americano in modi civilizzati, quella nave ha praticamente navigato.

Mentre l’indagine Mueller inizia a mettere le sue carte sul tavolo, è chiaro che Donald Trump ha la possibilità di non dire in ufficio abbastanza a lungo da essere rieletto. Ma è ancora molto lontano  da questi documenti fino alla porta del presidente, e il viaggio rischia di essere pericoloso per tutti i soggetti coinvolti. Il pericolo per Trump è ovvio: i pubblici ministeri lo legheranno a reati abbastanza gravi da giustificare l’impeachment – e che i democratici che prenderanno il controllo della Camera a gennaio lo obbligheranno presto. Anche se Trump riesce a mantenere abbastanza voti repubblicani al Senato per evitare di essere rimosso dal suo incarico, il processo rischia di essere umiliante.

Naturalmente, nessuno è disposto a discutere del fatto che la caccia alle streghe è arrivata al prezzo di 30 mila dollari per i contribuenti americani. Come è stato recentemente specificato da Donland Trump stesso:

Dopo due anni e milioni di pagine di documenti, nessuna collusione!

A sua volta, il dipartimento di giustizia degli Stati Uniti avrebbe rilasciato una propria valutazione del prezzo pagato dagli americani per tentare di individuare casi di interferenze russe nelle elezioni presidenziali. Il corpo civile stesso, insieme al team del procuratore speciale Robert Muller, ha speso un totale di 8,5 milioni di dollari nel periodo da aprile a settembre. Con il team Mueller che contava 4,6 milioni di dollari, e il dipartimento di giustizia ha preso la sua quota di 3,9 milioni nello stesso periodo.

Tuttavia, l’intromissione della Russia a questo punto è più una leggenda metropolitana che altro, eppure l’indagine è riuscita a scoprire tracce di ingerenza israeliana e saudita che saranno valutate indipendentemente. E, se si pensa che il Daily Beast sia creduto, nel prossimo futuro il team di Mueller pubblicherà nuovi dettagli.

È curioso che mentre una parte della squadra di Mueller ha incriminato la  Russia, un altro gruppo ha passato il suo tempo concentrandosi su come i paesi mediorientali hanno spinto denaro per i politici di Washington nel tentativo di influenzare la politica sotto l’amministrazione del Presidente Trump. Vari testimoni affiliati alla campagna di Trump sono stati interrogati in merito alle loro conversazioni con individui profondamente connessi dagli Emirati Arabi Uniti, l’Arabia Saudita.

È stato anche rivelato che i principi della corona dell’Arabia Saudita e degli Emirati Arabi Uniti erano desiderosi di aiutare Trump a vincere le elezioni. Anche pronto a prestare i suoi servizi era Joel Zamel, un uomo con profondi legami con l’intelligence israeliana che era in stretto contatto con il team di Trump perché una delle sue società, Psy Group, aveva elaborato un piano per usare la manipolazione dei social media per aiutare Trump a convincere la nomina repubblicana. La società ha inviato la precedente campagna per anziani alla guida di Rick Gates.

Tuttavia, sullo sfondo della massiccia campagna volta a identificare coloro che sono effettivamente responsabili dell’interferenza nel processo democratico degli Stati Uniti, non si può fare a meno di essere completamente sconcertati dalla riluttanza della squadra di Muller a rivelare il ruolo giocato da Israele in questa materia.

Tuttavia, l’Independent britannico citerebbe le parole dell’attivista veterano di fama mondiale Noam Chomsky, che ha accusato Israele di “sfacciatamente” interferire nella politica elettorale americana in un modo che supera largamente qualsiasi sforzo che possa essere stato portato avanti dalla Russia.

Nell’articolo sopra menzionato è stato rivelato che Netanyahu ha la capacità di andare direttamente al Congresso, senza nemmeno informare il presidente, e parla ad esso ogni volta che lo ritenga opportuno, minando così le politiche del presidente. Noam Chomsky si sarebbe messo in evidenza nel chiedere:

Putin è venuto a dare un discorso alle sessioni congiunte del Congresso, chiedendo loro di invertire la politica degli Stati Uniti, senza nemmeno informare il presidente? E questo è solo un pezzettino di questa influenza travolgente. Quindi, se ti interessa essere influenzato dall’influenza straniera sulle elezioni americane, ci sono posti dove guardare.

Il New York Times pubblicherebbe  un articolo molto convincente sul ruolo che Israele ha svolto nelle elezioni americane. Altre fonti mediatici hanno anche studiato a fondo  il modo in cui Israele controlla gli Stati Uniti, sfruttando sia il Congresso senza spina dorsale che la Casa Bianca.

Ma Israele non ha cercato di affrontare la questione direttamente attraverso i suoi lobbisti o il ben noto influente comitato delle relazioni pubbliche americano-israeliane (AIPAC), che ha speso ben oltre 1,75 milioni di dollari solo quest’anno nella promozione delle politiche filo-israeliane gli Stati Uniti.

Invece, Israele trarrebbe vantaggio dall’influenza che ha sull’odierna Ucraina neo-nazista. Non è certo un segreto che i funzionari ucraini abbiano tentato di influenzare le elezioni presidenziali americane facendo tentativi di assistere Hillary Clinton portando alla luce fatti spiacevoli sul suo rivale, Donald Trump. Anche il Politico ha fatto una serie di punti equi  su questo.

Non sorprende che, con così tanti fatti a disposizione, la Casa Bianca abbia scelto di accusare le autorità ucraine di interferire nelle elezioni americane dello scorso anno. Sul suo Twitter, Donald Trump ha definito un’indagine approfondita sul ruolo dell’Ucraina nel sostegno di Hillary Clinton durante la campagna elettorale americana. Scrisse:

Sforzi ucraini per sabotare la campagna di Trump – “lavorare tranquillamente per dare impulso a Clinton”. Quindi dov’è l’investigatore Procuratore generale.

Abbastanza curioso, ha indirizzato questo tweet al presentatore di Fox News Sean Hanniti, che è stato abbastanza coraggioso da menzionare la presa di Politico sui tentativi di Kiev di influenzare le elezioni americane in onda.

È chiaro che il fatto  che i politici ucraini abbiano pagato Paul Manafort in aggiunta a una serie di altre figure politiche negli Stati Uniti, usando i loro conti offshore di Cipro non ha ricevuto una dovuta considerazione da parte degli analisti.

Sì, e è improbabile che Israele permetta a Washington di condurre un’indagine simile contro l’Ucraina, che essa, con l’aiuto degli Stati Uniti, ha preso molto tempo fa. Basta dare un’occhiata al numero dei politici ucraini di oggi che hanno collegamenti diretti con Israele.

Prendiamo, ad esempio, il presidente ucraino Petro Poroshenko. Sappiamo dalle fonti dei media che il suo vero nome è Valtzman, il nome che risale a un verbo yiddish che è entrato in tedesco – walzen che significa macinare, schiacciare in polvere.

Volodymyr Groysman, l’oratore del parlamento ucraino, la Verkhovna Rada, ha anche degli antenati ebrei.

Arseniy Yatsenyuk, l’ex primo ministro ucraino, è estremamente fiero di sua madre, il cui nome da ragazza era Bakaj, in quanto appartenente a un’antica famiglia ebrea passata alla storia grazie all’interpretazione più autorevole del Talmud, il rabbino Bakaj .

Borys Lozhkin è il capo dell’amministrazione presidenziale dell’Ucraina: è curioso che lui stesso abbia detto ai media di aver ricevuto una proposta per sostituire Poroshenko durante il suo viaggio in Israele. Si è anche limitato ai media a cui è stato permesso di allenarsi con agenti speciali durante la sua permanenza lì. Secondo le dichiarazioni di Borys Lozhkin, l’Ucraina dovrebbe trasformarsi in un analogo di Israele nell’Europa orientale.

E esempi simili di rappresentanti dei circoli politici e commerciali dell’Ucraina collegati con Israele possono essere portati avanti …

Quindi chi ha dirottato le recenti elezioni presidenziali in America? E Robbert Muller non ha ordinato ai burattinai dietro le quinte di attirare l’attenzione del pubblico in generale sul fatto che gli Stati Uniti sono controllati da un altro stato avviando un’indagine sulla presunta intromissione della Russia?

Grete Mautner è una ricercatrice indipendente e giornalista dalla Germania, in esclusiva per la rivista online ” New Eastern Outlook. ” 

Source link: Journal NEO

Sulle spese per il Lobbyng,vedi anche : Quanto spende il tuo ISP per fare lobby?