Quella storia non detta sulla 2^ guerra mondiale

Pubblicità

Gli Stati Uniti hanno perso 411.000 persone a causa della seconda guerra mondiale, la Gran Bretagna ne ha perso 450.000, la Germania circa 7 milioni e l’Unione Sovietica oltre 20 milioni. Putin non è stato invitato alla commemorazione… ha senso!?

A Portsmouth, nel Sud dell’Inghilterra, il 6 giugno si si èsvolto la commemorazione del D-Day che ha aperto il 2° fronte con il 3° Reitch in occidente- Alla cerimonia commemorativa internazionale in presenza dei capi di Stato i capi di Stato di sedici nazioni hanno partecipato alle celebrazioni dell’anniversario dello sbarco degli Alleati in Normandia. Tutti sono stati invitati (anche la Germania) , meno la Russia

In proposito lasciamo il commento a Moon of Alabama, uno dei blog “Alt media” più seguiti in tutto il mondo:

D-Day e il mito che gli Stati Uniti che sconfissero i nazisti

Moon of Alabama

Ogni anniversario del D-Day viene in su la stessa domanda. Chi ha sconfitto la Germania e i suoi alleati? La risposta è, senza alcun dubbio, l’Unione Sovietica.

Ma dopo decenni di propaganda occidentale, le affermazioni che gli Stati Uniti hanno sconfitto il 4° Reich hanno preso il sopravvento nelle menti in occidente. I sondaggi mostrano che tale propaganda funziona. Più della metà dei francesi oggi crede che gli Stati Uniti abbiano contribuito di più [dell’Unione Sovietica] alla sconfitta della Germania.

Gli Stati Uniti hanno perso 411.000 persone a causa della seconda guerra mondiale, la Gran Bretagna ne ha perso 450.000, la Germania circa 7 milioni e l’Unione Sovietica oltre 20 milioni.

[Ciononostante] Molte persone pensano che l’Unione Sovietica, “i russi”, fossero sempre i cattivi e che la Germania fosse un [loro] leale alleato durante quella guerra. Questo è almeno ciò che sembra far credere il resoconto [della commemorazione del D Day] pubblicizzato della famiglia reale britannica .

The Royal Family @RoyalFamily – 10:30 utc – 5 giu 2019Il Primo Ministro @ 10DowningStreet ha presentato alla Regina ogni rappresentante delle nazioni alleate che hanno preso parte al D-Day . # DDay75

Il presidente russo Vladimir Putin non è stato invitato al ricevimento reale per commemorare il 75 ° anniversario del D-Day. Invece la regina ha stretto la mano al cancelliere tedesco Merkel. La Merkel avrebbe dovuto rifiutare di essere lì, a meno che anche Putin non venisse invitato. Anche i leader di altri paesi ex sovietici, Vladimir Zelensky dell’Ucraina e Alexander Lukashenko della Bielorussia, avrebbero dovuto essere presenti.

 

C’è ovviamente un po ‘di verità nel dire che alcune divisioni tedesche hanno preso parte al D-Day. Alcune decine di divisioni  tedesche si unirono ai combattimenti delle truppe alleate sul fronte occidentale. Ma nello stesso tempo circa 200 divisioni di forze tedesche furono impegnate nell’est [contro i sovietici].

Pubblicità

Due settimane dopo il D-Day, l’Armata Rossa lanciò l’ Operazione Bagration e attaccò le linee detenute dal Gruppo Centrale dell’esercito tedesco a est su un fronte lungo mille miglia. A seguito di questa offensiva in otto settimane le forze tedesche furono respinte indietro di circa 200 miglia. La maggior parte delle 30 divisioni sotto il comando del Gruppo Centrale dell’esercito tedesco furono distrutte. Fu quell’attacco che sfondò le linee  della Wehrmacht tedesca. Cinicamente detto [dato il grandissimo numero di caduti] – l’invasione guidata dagli Stati Uniti ad occidente [rispetto ai caduti sovietici] fu un semplice diversivo per il molto più grande attacco ad est.

Dieci anni fa Anatoly Karlin ha scritto in The Poisonous Myths of the Eastern Front :

MITO I: Gli eroici americani con i loro aiutanti britannici hanno vinto la seconda guerra mondiale, mentre la campagna russa è stata un evento secondario.

REALTÀ: Sebbene il fronte occidentale e il bombardamento strategico fossero molto utili, la realtà è che la stragrande maggioranza dei soldati e degli aviatori tedeschi combatterono e morirono sul fronte orientale durante la guerra.

Rüdiger Overmans in Deutsche militärische Verluste im Zweiten Weltkriegstima  afferma che dalla campagna polacca alla fine del 1944, il 75-80% di tutto il personale delle forze armate tedesche morì o scomparve in azione sul fronte orientale fino alla fine del 1944. Secondo la ricerca di Krivosheev, durante tutta la guerra,  la maggior parte delle divisioni tedesche era concentrata contro l’Unione Sovietica – nel 1942, ad esempio, c’erano 240 combattimenti nell’Est e 15 nell’Africa settentrionale, nel 1943 c’erano 257 nell’Est e fino a 26 in Italia e persino nel 1944 c’erano più di 200 in Oriente rispetto a sole 50 divisioni sottotraccia e di meno di quando ci si aspetta in Occidente. Dal giugno 1941 al giugno 1944, 507 divisioni tedesche (e 607 tedesche e alleate) e 77.000 combattenti furono distrutti in Oriente, contro le 176 divisioni e 23.000 combattenti in Occidente.

Questo non significa screditare i soldati alleati occidentali che combatterono e morirono per liberare il mondo dal nazismo. In particolare, [furono] i marinai che permisero di portare i rifornimenti – ad alto rischio di attacchi letali dei sottomarini – le navi alleate trasportarono in Russia alimenti indispensabili come cibo in scatola, camion e carburante per l’aviazione. [Questi rifornimenti]  hanno probabilmente svolto un ruolo cruciale  nel 1941-42 nel procurare  il  collasso [dell’armata tedesca]. Inoltre, furono gli equipaggi dei bombardieri sconvolsero il potenziale bellico tedesco: essi anche se  a scapito di orrendi rapporti di mortalità, accorciando significativamente la guerra.

Un altro mito è che furono le forze statunitensi a guidare l’invasione del D-Day:

Andrew Neil @afneil – 11:05 utc – 2 giu 2019Nel 75 ° anniversario del D-Day, è il tempo di sfatare il mito di Hollywood secondo il quale  in gran parte [il D Day fu realizzato principalmente da ] una forza di invasione degli Stati Uniti.
Delle 1.213 navi da guerra coinvolte, erano 892  britanniche / canadesi; solo 200 era degli Stati Uniti. La Royal Navy è responsabile dell’operazione Neptune. Dei 4.126 mezzi da sbarco coinvolti, 805 furono americani, 3.261 britannici.
Due terzi dei 12.000 aerei coinvolti nel D-Day erano della RAF / RCAF. Due terzi delle truppe sbarcate sulle spiagge erano britannici / canadesi. Eisenhower era comandante supremo, ma tutti i suoi ufficiali più anziani incaricati di terra, mare e aria erano inglesi 2 /2

Quando la Germania attaccò l’Unione Sovietica nel giugno 1941, gli Stati Uniti erano indecisi su cosa fare. Entrambi i paesi serano visti come nemici. [Fino al punto che] il ben noto senatore Harry Truman  espresse la posizione degli Stati Uniti in modo abbastanza sintetico:

“Se vediamo che la Germania sta vincendo, dovremmo aiutare la Russia e se la Russia sta vincendo, dovremmo aiutare la Germania, in modo tale da permettergli [in ogni caso] di uccidere il maggior numero possibile [di foze a vicenda]”.

Dal momento che furono attaccati dai tedeschi nel 1941, i sovietici avevano spinto i loro alleati ad aprire un fronte occidentale contro la Germania. Nel 1943, dopo la sconfitta dei tedeschi a Stalingrado e il fallimento del loro contrattacco nella battaglia di Kursk, divenne evidente che i sovietici avrebbero sconfitto le forze naziste. Alla conferenza di Teheran, nel novembre del 1943, Stalin spinse nuovamente Roosevelt e Churchill ad aprire finalmente un fronte occidentale. Sapendo che i sovietici avrebbero conquistato la Germania, decisero di lanciare la loro invasione nel maggio del 1944.

Gli Stati Uniti hanno dominato l’Europa occidentale da allora e l’hanno indottrinato con successo [la popolazione]  con la loro falsa versione della storia.

JOIN THE DISCUSSION

Comments

  • Piero 9 Giugno 2019 at 14:10

    Era il 3° Reich e non il 4°.

  • Andrea Brunacci 9 Giugno 2019 at 16:26

    4 Reich?

  • Francesco 9 Giugno 2019 at 18:19

    Il nazionalsocialismo o nazismo tedesco creò il 3° Reich, non il 4° come viene menzionato nell’articolo, che da molti indizi sembra tradotto.

  • Patrizio Ricci 9 Giugno 2019 at 18:58

    Un refuso, la fonte è indicata. Grazie

  • Patrizio Ricci 9 Giugno 2019 at 18:58

    Un refuso, grazie dell’appunto…

  • Patrizio Ricci 9 Giugno 2019 at 18:59

    Un refuso, grazie dell’appunto…

  • Mario Pereira 9 Giugno 2019 at 23:37

    E del Brasile,unica nazione sudamericana partecipante al conflitto nessuno parla….

  • Angelo 15 Giugno 2019 at 13:19

    Liberare un corno liberale