Quando nel 2014 il presidente turco Erdogan disse che la Turchia non era nemica dell’ISIS….

Nelle sue osservazioni al British Royal Institute for International Studies (Chatham House) nel 2014, l’ex presidente turco Abdullah Gul non ha esitato ad esprimere la sua rassicurazione al suo vicino ISIS, descrivendolo come “un movimento politico, non religioso, e non una minaccia ideologica per la Turchia ” mentre questo ‘movimento’, secondo la visione turca, si stava espandendo in Siria e Iraq.

Questa dichiarazione del Presidente turco all’epoca rivelava l’estensione delle relazioni e le dimensioni delle relazioni tra ISIS e Turchia in Iraq e Siria. All’epoco sia l’ISIS che la Turchia avevano schemi di espansione simili, ispirata dalla mappa dei loro antenati ottomani.

Al tempo della improvvisa invasione dei mercenari dell’ISIS e del rapido controllo della città irachena di Mosul nel giugno 2014, tutti stavano osservando il movimento del consolato turco nella città, dove tutti erano in allerta e si ritiravano poiché solo i membri consolari rimanevano intimoriti in prossimità degli scontri, Fu allora che i media turchi mostrarono un documento ufficiale inviato dal console turco nella città irachena di Mosul al Ministero degli Affari Esteri nel suo paese che avvertiva  “la situazione a Mosul sta peggiorando “. Mentre l’ISIS avanzava, la risposta che arrivò fu la seguente: “non è il nostro avversario.”

Rapporti e giornali internazionali hanno parlato del ruolo della Turchia ha avuto nel trasferire elementi di al-Qaeda in Siria e nel facilitare il loro passaggio nel nord della Siria per sostenere i mercenari nella lotta contro i curdi; gli stessi hanno sottolineato che Ankara ha chiuso un occhio sul flusso di migliaia di mercenari stranieri provenienti da tutti i paesi del mondo, che si recavano in Siria per combattere al fianco dei ribelli e in tal modo accelerare il rovesciamento del regime siriano.

La BBC ha mostrato un video il 7 dicembre 2013, in cui mercenari stranieri stavano usando case protette nella Turchia meridionale come centro di transito per la Siria. Un intermediario, che li chiamava “jihadisti”, di solito trascorreva un giorno o due a casa prima di attraversare la Siria, e sulla via del ritorno usava di nuovo la casa per attendere coloro che rimpatriavano

Il sostegno turco all’ISIS è aumentato soprattutto dopo il fallimento del proprio progetto in Siria, Iraq ed Egitto, dove il progetto dei Fratelli Musulmani è caduto rapidamente e il risentimento contro le responsabilità turche  ha aumentato il deterioramento della situazione economica, politica e dei diritti umani nel paese. Per questo, nel 2013, la Turchia è stata spinta a cercare nuove opzioni politiche, incluso il supporto dell’ISIS al fine di lottare per delega e attuare ciò che non erariuscita a raggiungere  sostenendo il progetto dei Fratelli Musulmani nella regione.

L’ambasciatore dell’ISIS ha quasi incontrato Erdogan

Con l’SDF che avanza contro l’ISIS in Siria e la fulminea  liberazione di vaste aree, sono state evidenziate molte prove del sostegno turco all’ISIS.

Secondo l’US Homeland Security, Abu Mansour ha confermato di essere un ambasciatore dell’ISIS in Turchia, dove ha incontrato funzionari di alto livello in tutti i settori della sicurezza del governo turco e stava per incontrare il presidente Recep Tayyip Erdogan.

“La mia missione era quella di indirizzare gli agenti a ricevere combattenti stranieri in Turchia”, ha affermato Abu Mansour, un ingegnere marocchino che si è unito all’ISIS in Siria nel 2013, riferendosi a una rete di persone finanziate dall’ISIS che ha facilitato il viaggio di mercenari stranieri da Istanbul verso il aree di confine con la Siria, come Gaziantep, Antakya e Urfa, “i membri della rete sono stati pagati principalmente dall’ISIS”.

Quando l’ISIS ha ceduto terreno all’ SDF, la Turchia ha iniziato a rimpatriare questi mercenari dalla Siria alla Libia, all’Egitto e ad altre aree, ovunque fossero attività, consolati o posizioni militari dell’ISIS.

L’ISIS appare in Libia e minaccia coloro che combattono i gruppi appoggiati dalla Turchia

Dopo Mosul e l’incidente del consolato turco, l’ISIS sta riemergendo in Libia. Secondo il quotidiano al-arabo, negli ultimi mesi, intensi movimenti di mercenari dell’ISIS – che hanno approfittato della mancanza  di sicurezza e del vuoto militare – sono stati monitorati mentre le forze armate dell’esercito libico erano impegnate in battaglie armate contro il governo turco di riconciliazione nazionale.

In queste occasioni, decine di mercenari con il volto coperto sono apparsi in un video trasmesso dai media affiliati all’ISIS, rinnovando la fedeltà ad al-Baghdadi e minacciando rappresaglie contro l’esercito libico che combatteva i gruppi appoggiati dalla Turchia.

L’ISIS sta cercando di riorganizzarsi e risvegliarsi dopo che un gran numero dei propri mercenari sono stati accerchiati in diverse città della Libia meridionale e persi dopo la grande guerra a Sirte nel 2016.

La Turchia è fortemente coinvolta nel conflitto in Libia, dove è presente con basi militari, e attrezzature che includono droni e altre armi.

Il giornalista libico Abubakr Byzantine ha detto ad Al-Arab che l’ISIS ha perso la roccaforte nella Libia centrale a Sirte nel dicembre 2016, ma si è ritirato nel vasto deserto per riorganizzarsi.

Sembra che i resti di Daesh si siano dissolti  nel deserto libico e siano fuggiti in alcune città africane dopo essere stato stretto a Sirte.

Un giornalista libico ha osservato che la situazione di tensione in Libia ha permesso allo Stato islamico di tornare in Libia e espandersi nuovamente nel sud del paese e in alcune aree occidentali.

Citando testimoni oculari, i residenti delle città del sud hanno notato l’afflusso di strani elementi di varie nazionalità nella città, accompagnati da armi e  bandiere dell’ISIS.

L’ISIS si sta espandendo nel continente … La Somalia sarà un punto di partenza

L’ISIS sta cercando di espandersi in Africa, oltre alla Libia, la Somalia ha trovato un ambiente fertile per la sua crescita.

“Finora l’influenza dell’ISIS in Somalia è limitata, perché il movimento di al-Shabaab fedele ad al-Qaeda rimane contrario al suo ingresso”, ha dichiarato l’esperta di affari africani Attia Essawi al quotidiano al-Bayan degli Emirati Arabi Uniti. Attia ha aggiunto, l’influenza dell’ISIS sarà limitata a meno che il movimento al-Shabaab non si allei con l’ISIS contro il governo somalo “.

L’esperta di movimenti estremisti ha detto  che l’ISIS utilizzerà la Somalia come punto di partenza per l’espansione in Africa, giacchè i paesi del Sahel e del Sahara ne rappresentano una vera estensione e lo aiuteranno a penetrare nell’est e Africa centrale.

La Turchia sta usando l’ISIS per combattere gli avversari

La Turchia, il cui presidente Erdogan ha visitato diversi paesi africani, ha basi militari in Somalia, Qatar e Cipro. E attualmente sta per stabilire una base navale sull’isola sudanese di Suakin .

La Turchia fornisce armi e attrezzature alle forze che sta addestrando in Somalia e con il pretesto della formazione sta lavorando per espandere la propria influenza in loco e sfruttare la ricchezza del paese.

Ankara sta combattendo i propri avversari sostenendo gruppi mercenari in Libia e Somalia, dove mira a rafforzare la propria influenza in questi paesi per affrontare l’Egitto, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti.

fonte: ANHA

link sorgente: https://www.hawarnews.com/en//haber/isis-is-not-our-adversary-wherever-turkey-is-isis-will-be-active-h11728.html