Qual’è la soluzione per eliminare il razzismo? Per i progressisti, togliere la polizia…

Floyd e la pericolosa fantasia di un mondo senza polizia

La giornalista francese Karine Bechet commenta la notizia dello smantellamento della polizia di Minneapolis.

Un mondo senza polizia non esiste, perché la polizia svolge una funzione pubblica prima di essere un corpo organizzato. In verità, questa funzione protettiva dell’ordine pubblico può essere garantita  da diversi organismi: privatizzata, ma se proviene da gruppi sociali come comunità etniche o gruppi religiosi, gruppi economici come multinazionali, imprese, piccoli signori locali – allora proteggerà solo determinati interessi e non la società nel suo insieme; statale, tenuta nelle mani dello Stato, al fine di evitare eccessi razziali, la frammentazione della società; oppure può essere svolta da una forza di polizia di classe, ma in breve si avrebbe l’avvento di un neo-feudalesimo. Quella statale è l’unica in grado di farsi carico degli interessi della società, e quindi di tutti.

[su_spacer]Tuttavia la città di Minneapolis annuncia che smantellerà la sua polizia, trasferirà la funzione di polizia. Ma a chi? Non lo sanno ancora.

Se ci sono innegabili problemi nella polizia, devi pensarci senza buttare via il bambino con l’acqua sporca. Soprattutto perché i problemi del razzismo imputati alla polizia possono esistere solo a causa di una società progressista all’estremo, che dimostra l’impossibile convivenza tra questi gruppi eterogenei che i nostri politici in cerca di esistenza vogliono venderci come il massimo del paradiso progressista.

Rifiutare la polizia non farà scomparire la criminalità. Chi chiamerai allora per proteggerti? Il tuo vicino? Il capo del clan? Sarà il ritorno alla legge del più forte, dove dovrai giurare fedeltà a un maestro. È il mondo della schiavitù e della violenza.

A seguito dei disordini provocati dall’uccisione di Floyd, la città di Minneapolis annuncia di smantellare le sue forze di polizia a causa del razzismo.

Prima di tutto, le cose devono essere messe al loro posto, non si tratta di smantellare la polizia federale americana, né la polizia della Contea, ma quella della città dove i problemi sono più acuti. [Ma addirittura]  diverse città governate dai democratici non hanno nemmeno aspettato che queste rivolte trasferissero i poteri di polizia agli organi sociali. Siamo di fronte a questo tipo di ideologia progressista, l’utopia contemporanea, secondo la quale se sopprimiamo il criminale, sopprimiamo il crimine. Come se i criminali esistessero solo perché c’è una polizia, un tribunale, una prigione e codici di procedura penale.

Senza entrare nel dettaglio di questa utopia bohémien-progressista, il fatto che la città di Minneapolis faccia il grande passo, ci permette di porre una domanda: poiché la polizia svolge una sua funzione sociale , quella di mantenere l’ordine pubblico, chi quindi assumerà questa funzione? A dire il vero, la città non fornisce l’inizio di una risposta, perché se questa utopia rende possibile distruggere il sistema statale costruito nel corso dei secoli, non offre un nuovo modello praticabile. In teoria ci sarebbero alcune opzioni .

Ogni razza avrà la sua polizia etnica : i neri guarderanno neri, i bianchi – i bianchi o forse li controlleranno i non bianchi poiché i bianchi detengono il monopolio ufficiale del razzismo. In ogni caso, dovremo risolvere molte difficoltà: determinare l’elenco delle razze, decidere cosa fare con i meticci, come determinare la giurisdizione in caso di partecipazione simultanea di cittadini di più razze nello stesso reato, ecc. E soprattutto, tutti dovranno registrarsi in base alla propria razza e indossare il segno visibile per consentire al “buon” rappresentante della polizia di intervenire. Un modo per risolvere questa difficoltà sarebbe quello di rinchiudere le persone nei ghetti in base alla loro razza, e ogni ghetto potrebbe quindi avere la propria polizia. È un bel progresso progressivo, che non ricorda assolutamente nessun momento positivo della storia dell’umanità.

[su_spacer]Gli stessi problemi sorgono se le funzioni di polizia sono affidate a gruppi religiosi . Tutti devono registrarsi, indossare un segno distintivo o essere rinchiusi. E cosa fare con agnostici, atei, coloro che fanno parte di una setta? In breve, un caos. Se non ci si ferma alle domande morali sollevate (non sono più di moda), questo approccio alla domanda non è “efficace”.

Dal momento che è il potere che garantisce l’ordine, un’altra opzione è trasferire alle multinazionali le funzioni di polizia –  sono davvero loro che sono al  posto del potere nelle nostre società. È anche una pista, che consentirà a una forza di polizia di classe e presenterà il grande vantaggio (teorico) di sovrastare gli Stati. Il che  è totalmente in sintonia con i tempi.

Il problema qui è tecnico: concretamente, è necessario determinare le aree di giurisdizione, con le persone che vi fanno parte per garantire l’ordine pubblico. E le nostre care multinazionali non hanno nulla a che fare con i problemi della vita di tutti i giorni, i vicini rumorosi, i bambini che lanciano pietre nel giardino e fanno male al cane, l’auto che supera il limite di velocità.

Ci sono poche a cui sono interessati, a meno che non si monetizzi  il mantenimento dell’ordine, permettendo a coloro che possono permetterselo di pagare per un servizio di protezione privato. Ma anche questo nulla ha a che fare con l’ordine pubblico.

Infine, rimane solo lo stato per proteggere l’ordine pubblico . Vale a dire, non interessi privati ​​o di categoria, non persone basate sulla razza o sulla religione, ma per garantire un equilibrio nella società. La funzione della società civile di garantire l’ordine pubblico ci è stata recentemente data durante i movimenti di strada organizzati a Parigi attorno all’affare Traoré.[su_spacer]

Quando i manifestanti hanno insultato un poliziotto nero,SOS Racisme”  ha rifiutato di condannare l’episodio. Quindi, non è la lotta contro il razzismo che motiva così tanto queste strutture, ma il suo uso per stigmatizzare i bianchi e gli organi di polizia. L’altro aspetto viene dalla famiglia di Traore, abituata a rinchiudere questo caso molto dubbio: difficile da prendere per grandi combattenti dei diritti civili:[su_spacer]

La polizia è un organo della società e riflette anche i problemi di questa società. Nessuno nega che ci siano persone razziste (contro persone di colore e contro i bianchi), nella società e nella polizia. Per risolvere questo aspetto della questione, non è necessario smantellare la polizia, poiché non possiamo smantellare la società per risolvere questi problemi. 

È necessario andare alla fonte, proprio per mettere in discussione i limiti della progressiva “convivenza”, per reinstallare la scuola al centro del processo di costituzione del cittadino , al fine di evitare che la situazione degeneri completamente. Altrimenti, abbiamo solo il diritto dell’appartenenza più forte e tribale.

Possiamo anche chiederci della pertinenza delle nuove istruzioni di polizia che rendono una norma l’uso della violenza e chiederci come aver trasformato la nostra polizia in Robocop – averle disumanizzate – aiuta a mantenere il collegamento legame umano tra le forze dell’ordine e i residenti – che devono proteggere.

Molte domande devono essere sollevate, perché siamo di fronte a un problema generale di malessere delle nostre società alla deriva sulle onde progressiste. E non è certo portando alcune brevi proposte, come richiede Macron , che possiamo uscirne. D’altra parte, abbiamo piuttosto l’impressione che le nostre élite non vogliano porre domande sistemiche, altrimenti dovrebbero mettere in discussione il corso distruttivo di queste politiche, portate avanti per decenni, che portano a queste esplosioni. e ancora più distruttive per queste proposte.

Karine Bechet

Exit mobile version