Qualcosa sugli indicatori del prossimo crollo, ma la UE pensa ancora solo a salvare l’Euro piuttosto che i paesi reali

Il fatto che la crisi stia guadagnando slancio è meglio dimostrato dai dati sul consumo mondiale di energia. Quando la produzione crolla, diminuisce anche bruscamente, perché semplicemente non c’è richiesta di petrolio, gas e carbone. E quando il mercato automobilistico crolla, le prospettive per il mercato dell’energia diventano estremamente pessimistiche. Tuttavia, l’Unione Europa sta affrontando una forte recessione aggravata dal coronavirus, con gli stessi strumenti e mentalità che l’ha contraddistinta finora che ha solo causato decadenza.

Le vendite di auto in Cina a febbraio sono diminuite dell’80%

L’Agenzia Reuters ha riferito che le vendite di auto in Cina a febbraio hanno mostrato un crollo record, poiché lo scoppio del coronavirus ha frenato gli acquirenti, il che ha solo aumentato la pressione sulle case automobilistiche che avevano già avuto seri problemi prima dello scoppio dell’epidemia. Le vendite di automobili sono diminuite dell’80% a febbraio, secondo i dati preliminari della China Association of Passenger Cars.

Quello che è in vista non è solo un declino – quello che i intravede è davvero un collasso. Non sorprende che quest’anno si prevede il crollo del mercato petrolifero : se non acquistano nuove auto, la domanda di prodotti petroliferi diminuirà di conseguenza.

Bloomberg – riferendosi ai partecipanti ad una delle principali conferenze del settore tenutasi a Londra – riporta che nel 2020, la domanda di petrolio potrebbe non crescere affatto. Questo è successo solo tre volte negli ultimi 40 anni . “Stiamo assistendo alla debole performance economica della Cina, che riflette gli effetti del virus”, ha affermato David Lennox di Fat Prophets. “Ora abbiamo altri paesi che sono diffusi ed esposti al coronavirus. E questo contribuirà a questo umore ribassista”.

Il 9 marzo 2020, Deutchestat riferì sui risultati del lavoro dell’industria tedesca nel mese di gennaio. Venne rilevato per il 15 ° mese consecutivo di declino industriale. E’ successo solo una volta che il record fosse ripetuto (16 mesi), nella storia di una Germania unita. Quindi, a gennaio 2020, si è registrato un calo del 3,0% rispetto a gennaio 2019. Hanno concorso al calo: estrazione mineraria – meno 4,3%, produzione – meno 2,4%, elettricità e servizi pubblici – meno 10,0%. Questo è accaduto senza coronavirus. A gennaio non c’era ancora nessun virus in Europa.

Quindi, il coronavirus ha messo in recessione l’economia globale? No, questa è appena diventata un’occasione alla quale può essere attribuito ciò che sta accadendo.

A febbraio – prima del coronavirus –  l’attività commerciale nel mondo ha iniziato a diminuire per la prima volta da maggio 2009. L’indice di riferimento per l’economia globale, che è calcolato mensilmente da IHS Markit, è sceso a 46,1 punti, superando la soglia critica di 50 punti, che separa la tendenza di crescita dalla contrazione. Entrambi i settori chiave dell’economia mondiale – sia l’industria (47.2 punti) che i servizi (47.1 punti) – sono al di sotto di questo “spartiacque” condizionale .

Il tasso di crescita economica globale nel 2020 diminuirà rispetto all’anno precedente e questo dipenderà, solo in parte dalla situazione con la diffusione di un nuovo tipo di coronavirus. Questo parere è stato espresso mercoledì dall’amministratore delegato del Fondo monetario internazionale (FMI) Kristalina Georgieva. ” In qualsiasi scenario, nel 2020, la crescita economica globale rallenterà al di sotto di quella dell’anno scorso”, ha affermato in una conferenza stampa congiunta con il presidente della Banca mondiale David Malpas a Washington. Cioè, la recessione è inevitabile in ogni caso, e questo clamore virale ha solo leggermente aggiunto benzina sul fuoco.

A fronte di questa chiara tendenza ribassista e recessiva l’élite europea propone solo palliativi. La UE non intende concedere alcun aiuto all’Italia e dice che le risorse dobbiamo trovarcele autonomamente attraverso i tagli di spesa. Questo mentre la borsa sprofonda e gli speculatori si possono comprare mezza Italia. Unico spiraglio che ci propongono è il MES, ovvero il commissariamento. Nei periodi di crisi si completa la costruzione europea come diceva Monti. Mi domando verso quale orizzonte andiamo e con che respiro.

L’impressione è che si navighi a vista e questo è molto inquietante. Sembra che non si abbia la percezione di ciò che sta accadendo.

patrizioricci by @vietatoparlare

nota a margine:

Vi propongo questo video che dimostra come anche da parte della nostra politica è totalmente passiva a ciò che accade, fino a non usare nemmeno gli strumenti che abbiamo a disposizione:

Exit mobile version