Il Qatar, i legami con al Qaeda e i negoziati a suon di milioni di dollari

di Avid  Andrew e Thomas Joscelyn

Quando il segretario della Difesa statunitense James Mattis è arrivato ieri in Qatar , l’attenzione del paese è stato focalizzata sul ritorno di circa due dozzine di cittadini qatarioti che sono stati tenuti in ostaggio in Iraq; tra di essi erano compresi anche alcuni membri della famiglia reale. Nonostante l’ affermazione che decine di milioni di dollari sono stati versati dal Qatar a gruppi estremisti violenti e forse terroristi come parte dello scambio, l’ambasciatore degli Stati Uniti a Doha ha accolto con favore il ritorno degli ostaggi definendo l’evento come ‘veramente un venerdì benedetto’, mettendo in evidenza la natura irta di i rapporti dell’America con la piccola nazione del Golfo.

Gli ostaggi del Qatar sono stati catturati nel corso di una offensiva nel sud dell’Iraq effettuata nel dicembre 2015 dal gruppo Hezbollah iracheno “Kata’ib” , una milizia sciita supportata dall’Iran che gli Usa hanno  designato come organizzazione terroristica straniera.  Gli  Hezbollah iracheni sono stati ampiamente sospettati di tenere in prigionia i combattenti del Qatar.

Secondo diverse notizie trapelate , la liberazione degli ostaggi del Qatar è stata legata allo scambio dtra sfollati  dei due villaggi sciiti in Siria (di Kefraya e al Fua – NDR Vietato Parlare) circondati da miliziani jihadisti e quelli dei due villaggi sunniti circondati dall’esercito siriano (al Zabadani e Madaya – NDR Vietato Parlare); lo scambio è stato anche accompagnato dal rilascio di centinaia di prigionieri  dalle carceri siriane. Fonti vicine alla trattativa hanno detto all’agenzia  France-Press (AFP) che nei negoziati è è stato coinvolto  il ramo siriano di al Qaeda (al Nusra NDR – Vietato Parlare), che ha accettato di  rilasciare i “combattenti libanesi” sotto il proprio controllo. Questo è probabilmente in riferimento ad alcuni agenti Hezbollah libanesi detenuti. Il ruolo del braccio siriano di al Qaeda nello scambio è stata confermata da fonti jihadiste sunnite secondo notizie diffuse sui social media.

Il canale su Telegram di  Hay’at Tahrir al-Sham (HTS), un gruppo ‘ombrello’ di recente formazione  dominato da al Qaeda , ha annunciato che la “prima fase” dello scambio di prigionieri con il “nemico iraniano” era stato completato. La EBAA (l’agenzia di propaganda di notizie di HTS) ha riferito che 15 “autobus che trasportavano 500 mujahideen provenienti da  al-Zabadani, Serghaya, e dalla montagna orientale di Damasco” sono  “arrivati con le loro famiglie”, mentre “46 autobus che trasportavano i residenti e militanti di Kefraya e al-Foua si sono diretti verso le aree sotto il controllo del regime “. EBAA News aggiunto che l’accordo di scambio ha comportato il rilascio di  ‘più di 1500 prigionieri’ detenuti dal ‘regime criminale’ di Bashar al Assad e ‘l’introduzione di aiuti alimentari e sanitari nelle zone assediate’vicino a Damasco’ . L’annuncio di EBAA News in arabo è il seguente:

Screen Shot 2017 04 22 at 8.08.18 AM1

Kefraya e al-Fouah sono due città prevalentemente sciite nella provincia settentrionale di Idlib, che sono state attaccate e assediate da una coalizione guidata da al Qaeda  sin nei primi mesi del 2015. Gli scontri nelle due città sono stati a lungo legati alla situazione di al-Zabadani, un città nel sud della Siria, che si trova vicino al confine con il Libano. I Jihadisti sunniti insurrezionali hanno usato Kefraya e al-Foua come leva nella loro conflitto contro il regime di Assad ei suoi alleati sciiti iraniani. Ahrar al-Sham, uno dei partner più stretti in battaglia con al Qaeda, ha contribuito a negoziare i prigionieri e gli scambi  dei civili. Ahrar al-Sham ha ricevuto un finanziamento da parte del governo del Qatar, secondo i funzionari americani e regionali citati dal New York Times .

EBAA News ha postato una serie di foto e un video che celebra l’arrivo di civili sunniti e jihadisti nel nord della Siria dopo essere stati liberati da al-Zabadani  in altre zone assediate nel sud. Alcune delle foto possono essere viste di seguito.

In una dichiarazione separata rilasciata tramite telegram, EBAA ha diffuso l’arrivo dei “quattro autobus che trasportavano 120 detenuti” che “sono stati rilasciati dalle prigioni del regime  [di Assad] ” secondo i termini del contratto di scambio con il “nemico iraniano.” EBAA  ha anche sostenuto che più di “750 miliziani detenuti dalle province di Aleppo, Damasco e Idlib” sarebbero stati rilasciati come parte della transazione.

Ci sono indicazioni aggiuntive che la liberazione degli ostaggi del Qatar e ‘sono state aggiunte all’accordo di scambio in Siria’.

Come riferito, i negoziati per gli ostaggi del Qatar hanno avuto luogo sia a Doha che a Beirut , la sede dei Hezbollah libanesi. Come parte di questi colloqui, Al-Monitor ha riferito che Doha ha ospitato i negoziatori del Corpo della Guardia Rivoluzionaria Islamica dell’Iran, così come Tharir al Sham (HTS), la  già citata coalizione di milizie guidata da al Qaeda. Uno degli individui ospitati a Doha per i colloqui, secondo diverse fonti citate da Al-Monitor , era Hussam al-Shafii, che è stato descritto come capo politico di HTS’ e portavoce del braccio siriano di al Qaeda. All’inizio di questo mese, l’Osservatorio siriano per i diritti umani ha riferito che il negoziato per lo scambio dei prigionieri e dei civili  è avvenuto sotto “ la supervisione del Qatar .”

Tuttavia,  la vittoria diplomatica del Qatar è stata segnata non solo dai rapporti con le parti ma hanno contemplato anche il pagamento di molti milioni di dollari di riscatto al gruppo terroristico HTS (designato dagli USA)  , la  ‘coalizione’ di al Qaeda in Siria, anche se il Qatar ha negato (di routine) tale pagamento.

Il 19 aprile, The Guardian ha riferito che i funzionari del Qatar sono arrivati a Baghdad con “grandi sacchi.” Il giornale ha citato che alti funzionari iracheni  hanno detto che “credevano che le borse contenessero milioni di dollari: il prezzo del riscatto” destinato a  Kata ‘ib Hezbollah, Ahrar al-Sham, e HTS.

Associated Press ha riportato ieri che un individuo coinvolto nei colloqui, ha riferito che il Qatar aveva pagato “decine di milioni di dollari per i gruppi sciiti”, HTS, e Ahrar al-Sham. Allo stesso modo, il New York Times ha citato un alto funzionario iracheno che ha affermato che il Qatar ha pagato milioni di dollari come parte della transazione per  il gruppo Hezbollah iracheno  ‘Kata’ib’, una milizia che ha sostenuto di aver ucciso alcuni membri dei servizi segreti degli Stati Uniti in Iraq.

Il Qatar ha negoziato numerose offerte per il rilascio degli ostaggi con al Qaeda e in molti di questi casi, Doha è stata accusata di aver pagato svariati milioni di dollari di riscatto al gruppo. Funzionari di governo occidentali e mediorientali hanno sollevato preoccupazioni sgradevoli per l’offerta di riscatto. Secondo il Wall Street Journal , il Qatar ha già ammesso di aver incontrato funzionari di al Qaeda in Siria basati nel suo territorio per incontri ufficiali. Inoltre, è in corso contro il Qatar  un’azione legale perchè accusato di finanziare il ramo siriano di al Qaeda.

Tuttavia, la nuova amministrazione degli Stati Uniti deve ancora indicare se vorrà tenere una posizione ferma contro il Qatar in merito ai presunti pagamenti di riscatto che hanno presumibilmente arricchito i jihadisti sunniti e i gruppi di sciiti che hanno mietuto vite americane. L’arrivo di Mattis nel Qatar poche ore prima dell’incontro dell’emiro del paese con i membri della famiglia reale liberati  sulla pista può aumentare la pressione su Washington per affrontare finalmente questa spinosa questione.

EBAA News Agency Hay’at Tahrir al Sham ha pubblicato queste foto di uomini di al-Zabadani mentre scendono dagli autobus nel nord della Siria:

17 04 21 Ebaa News Agency photo of arrival from Zabadani 21

 

17 04 21 Ebaa News Agency photo of prisoners arriving from Zabadani 11

David Andrew Weinberg è senior fellow presso la Fondazione per la Difesa delle Democrazie. Si è specializzato in Arabia Saudita e gli Stati del Golfo. Thomas Joscelyn è senior fellow presso la Fondazione per la Difesa delle Democrazie e il Senior Editor per FDD di Long War Journal.

[su_divider]

Titolo originale : Analysis: Qatar’s ill-timed hostage deal increases pressure on Washington
AVID ANDREW WEINBERG & THOMAS JOSCELYN | April 22, 2017 | [email protected]
fonte Long War Journal: http://www.longwarjournal.org/archives/2017/04/analysis-qatars-ill-timed-hostage-deal-increases-pressure-on-washington.php

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.