Putin: i confini delle Repubbliche popolari di Doneck e Lugansk sono quelli indicati in Costituzione -antefatti

Putin

Putin

Putin, rispondendo alle domande dei giornalisti, pone fine alla domanda su come la Russia comprenda i confini del DPR/LPR, su cui oggi sono state espresse molte opinioni contrastanti:

Gli accordi di Minsk furono “uccisi” da Kiev molto prima del riconoscimento della DPR e della LPR da parte della Russia. L’Europa non poteva costringere Kiev a conformarsi a Minsk-2, quindi non c’era altra via d’uscita, se non il riconoscimento di DPR e LPR … Entro quali confini riconosceremo queste repubbliche? Ma li abbiamo riconosciuti, il che significa che abbiamo riconosciuto tutti i loro documenti fondamentali, compresa la costituzione. E la costituzione precisa i confini all’interno delle regioni di Donetsk e Lugansk all’epoca in cui facevano parte dell’Ucraina… 

Putin ha risposto a una serie di domande di attualità di rappresentanti dei media riguardanti, in particolare, il riconoscimento delle Repubbliche popolari di Donetsk e Luhansk.

P. Zarubin:  Pavel Zarubin, canale televisivo russo.

Le vostre decisioni e dichiarazioni di ieri, ovviamente, hanno causato una reazione internazionale molto tempestosa, un’intera raffica.

E, naturalmente, ci sono molte riflessioni sull’argomento che Putin vorrebbe ricreare la Russia entro i confini dell’Impero russo. Lei ha già detto che non è così, ma questo riconoscimento della DPR e della LPR, è entro quali limiti? Dopotutto, le regioni di Donetsk e Lugansk sono grandi regioni e anche i russi vivono lì [in quelle zone].

E poi una domanda ovvia, è anche: che dire ora degli accordi di Minsk, sulla cui attuazione la Russia insiste esattamente da sette anni?

E, naturalmente, non posso fare a meno di chiedere sulle novità dell’ultimo minuto. Il Consiglio della Federazione ha appena approvato il suo appello sull’uso delle forze armate russe all’estero. Cosa puoi dirci a riguardo? Quanto può essere grande questa operazione?

Vladimir Putin: Uso delle Forze Armate all’estero. I confini della LPR, DPR sono i confini dell’impero russo, giusto?

Pavel Zarubin:  E gli accordi di Minsk: cosa accadrà ora agli accordi di Minsk.

Vladimir Putin: Cominciamo con gli accordi di Minsk, il pacchetto di misure di Minsk per risolvere la situazione nel sud-est dell’Ucraina: ecco come suonano.

Lo facciamo non solo da sette, ma da quasi otto anni. Quando dico “noi”, intendo la Russia, e il suo obbediente servitore era l’autore di quei documenti. E quindi, vorrei sottolinearlo ancora una volta, eravamo interessati all’attuazione di questo pacchetto di misure. Perché è il risultato di un compromesso.

Sotto di loro, sotto questi documenti, c’erano le firme dei leader di due repubbliche precedentemente non riconosciute. A proposito, uno di loro è stato ucciso a seguito di un atto terroristico, è morto per mano dei servizi speciali ucraini, un impiegato dei servizi speciali ucraini. Non ci sono dubbi qui: questa è una cosa ovvia, questo è solo un assassinio politico diretto.

Ma non è questo ciò che è importante, ma ciò che è importante è che sotto di loro, sotto questi documenti, c’erano le firme dei leader di queste repubbliche, e quindi abbiamo raggiunto questo compromesso. A proposito, non è stato facile farlo, perché inizialmente i leader di queste formazioni non volevano prendere parte agli accordi di Minsk e non volevano apporre le loro firme. Tuttavia, è stato trovato un compromesso, e questo è stato un vero movimento verso un accordo con mezzi pacifici.

In tutti questi anni, come è stato detto ieri qui in questa sala durante la riunione del Consiglio di sicurezza, tutto è stato ridotto a nulla dagli sforzi delle attuali autorità di Kiev. Pertanto, gli accordi di Minsk sono stati uccisi molto prima del riconoscimento di ieri delle repubbliche popolari del Donbass – e non da noi, non dai rappresentanti di queste repubbliche, ma dalle attuali autorità di Kiev.

Sul Rifiuto degli accordi di Minsk da parte ucraina

L’Ucraina ha effettivamente abbandonato gli accordi di Minsk ben prima della decisione della Federazione russa di riconoscere le Repubbliche.

Lo aveva affermato il segretario del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa, Alexei Danilov, in una recente intervista ad Associated Press, ha dichiarato esplicitamente di voler abbandonare gli accordi di Minsk. Per Danilov gli accordi di Minsk sarebbero fondamentalmente impraticabili.

Ma quella non fu solo una sortita a vantaggio dei media. Lo stesso presidente Zelensky ha detto più volte che gli accordi di Minsk erano impraticabili, nonostante l’Ucraina li avesse sottoscritti. La mancata volontà di portarli avanti è molto chiara, ciò che nessun media italiano ha mai citato è decisione presa con il varo della cosiddettalegge sulla reintegrazione“. Si tratta dell’emissione del decreto 117 del 24 marzo 2021, che rivendica il diritto di riprendere la Crimea ed il Donbass anche con la forza.

Pietra tombale sugli accordi

Questo decreto è stato la pietra tombale degli accordi di Minsk dal momento che il presidente ucraino Zelensky, con suddetto decreto 117 del 24 marzo (vedi qui), non solo ha reclamato la discrezionalità di riprendersi il Donbass con la forza ‘come e quando vuole’, ma ha anche incluso in questo diritto il fatto di riprendersi la Crimea che la Russia considera come una repubblica della Federazione Russa.

Poroshenko: “I loro figli siederanno negli scantinati” (Odessa, 27/10/14)

Inoltre, per testare il tenore della posizione di Kiev . ricordo  che a fine 2014, il presidente Poroshenko, riferendosi ai residenti in Donbass, disse “Avremo un lavoro, loro no. Avremo le pensioni, loro no. Avremo sostegno per le persone – bambini e pensionati – ma loro no. I nostri bambini andranno nelle scuole e negli asili nido e loro staranno seduti nei loro scantinati. Perché non possono fare niente! Ecco come, ecco come vinceremo questa guerra“. Questa è la misura di chi si accosta ad una soluzione di compromesso?

Non credo che queste parole abbiano bisogno di commento. La domanda è allora: come si può a partire da questi sentimenti pensare di riunificare il paese? E ieri anche dopo l’ingresso delle forze russe di interposizione di pace, per 14 volte le forze ucraine hanno tirato su obiettivi situati nelle due Repubbliche. È una situazione incancrenita, soprattutto per una mancanza di sincerità di base e per la convinzione di poter risolvere le cose solo con il soddisfacimento delle proprie rivendicazioni. senza tener conto della controparte.

Oggi a distanza di otto anni e con 14.000 morti – la maggior parte civili – per l’egoismo e l’odio di alcuni, nelle menti degli abitanti del Donbass riecheggiano le parole di Poroshenko, mentre persiste l’atteggiamento di parte di una comunità internazionale totalmente appiattita sulla posizione di Kiev.

VP News

Exit mobile version