Valdai club: Putin capisce tutto. Perché non lo capiamo? (American Conservative, USA)

La rivista statunitense ‘American Conservative’ riporta una traduzione parziale del discorso del presidente russo Putin al Valdai club a Sochi.

E’ evidente quel giudizio fondamentale che è carente nelle nostra politica occidentale e che anche la chiesa non dice ad alta voce, giustificando il tutto come ‘cambiamento d’epoca’. Ma non si chiama ‘cambiamento d’epoca’, è in corso una lotta di civiltà (perchè non è rispettato il cuore dell’uomo che desidera il suo compimento).

Putin capisce tutto. Perché non lo capiamo?

22 OTTOBRE 2021| ROD DREHER

Il motivo per cui ho scritto Live Not By Lies è perché le persone che vivevano sotto il comunismo sovietico mi dicevano che ciò che sta accadendo negli Stati Uniti in questo momento, con l’accelerazione della cultura dell’annullamento, la veglia militante e il resto, ricorda loro com’era la vita sotto Comunismo. Sono arrabbiati perché gli americani non gli credono. Da qui il libro. Beh, non mi aspettavo che il presidente russo Vladimir Putin confermasse la tesi di Live Not By Lies , ma l’ha appena fatto – e se qualcuno dovesse sapere del totalitarismo sovietico, è un ex colonnello del KGB. Estratti dal pezzo del Daily Wire sul discorso di Putin:

Il presidente russo Vladimir Putin giovedì ha criticato  l’ideologia del ‘risveglio’ di estrema sinistra èdei progressisti]  che, secondo lui, sta causando mali sociali in tutto il mondo occidentale. Putin ha detto che tutto ciò non è diverso da quello che è successo in Russia durante la rivoluzione del 1917.

Il presidente russo ha fatto le osservazioni nel corso di una sessione plenaria del 18 ° , l’ incontro annuale di discussione del Club Internazionale Valdai a Sochi, il cio  tema  era  il “Global Shake-up nel 21 °  secolo.” Le osservazioni di Putin sono state  tradotte  da un interprete e quel video è stato caricato sul sito web del governo russo.

“Vediamo con stupore la paralisi che si sta sviluppando nei paesi che sono abituati a considerarsi i fiori all’occhiello del progresso”, ha detto Putin durante un evento in cui ha parlato per alcune ore.

“Naturalmente, non sono affari nostri quello che sta succedendo. Ma in alcuni paesi dei paesi occidentali stanno avvenendo shock sociali e culturali, alcuni credono che l’aggressiva cancellazione di intere pagine della propria storia, l’azione affermativa nell’interesse delle minoranze, e l’esigenza di rinunciare all’interpretazione tradizionale di valori fondamentali come madre, padre, famiglia e la distinzione tra i sessi siano una pietra miliare… siano un rinnovamento della società”.

Putin ha affermato che le nazioni occidentali hanno il diritto di fare tutto ciò che vogliono, ma che “la stragrande maggioranza della società russa” ha rifiutato questi nuovi modi di pensare.

“La preparazione del cosiddetto progresso sociale crede che il portare una nuova coscienza, una nuova coscienza all’umanità, sia qualcosa di più corretto”, ha detto Putin. “Ma c’è una cosa che vorrei dire: le ricette che escogitano non sono una novità. Per quanto paradossale possa sembrare, è qualcosa che abbiamo visto in Russia.

È successo nel nostro paese prima che dopo la rivoluzione del 1917, i bolscevichi seguissero i dogmi di Marx ed Engels. E hanno anche dichiarato che avrebbero cambiato lo stile di vita tradizionale, lo stile di vita politico, economico, così come la nozione stessa di moralità, i principi fondamentali per una società sana.

Cercavano di distruggere valori secolari e secolari, rivisitando il rapporto tra le persone, incoraggiavano l’informazione sui propri cari e sulle famiglie. Tutto questo fu salutato come la marcia del progresso. Ed è stato molto popolare in tutto il mondo ed è stato supportato da molti. E, come vediamo, sta riaccadendo proprio ora”.

Ed così Putin ha proseguito:

“Per inciso, i bolscevichi erano assolutamente intolleranti verso altre opinioni, diverse dalla loro”, ha continuato Putin. “Penso che questo dovrebbe ricordarti qualcosa che sta accadendo.

E vediamo cosa sta succedendo nei paesi occidentali, è con perplessità che vediamo le pratiche che la Russia usava e che abbiamo lasciato in un percorso lontano, la lotta per l’uguaglianza e contro la discriminazione si trasforma in un dogmatismo aggressivo sull’orlo dell’assurdo, quando grandi autori del passato come Shakespeare non vengono più insegnati nelle scuole e nelle università perché annunciati come classici arretrati che non capivano l’importanza del genere o della razza”.

“A Hollywood ci sono dépliant che ricordano cosa dovresti fare al cinema, nei film, quali personalità e attori ci devono essere, di che tipo di colore, di che sesso, e a volte è persino più stretto e severo di quello che il Dipartimento di propaganda del Comitato Centrale del Partito Comunista Sovietico ha fatto”, ha detto.

“E la lotta al razzismo, che è un obiettivo alto, si trasforma in una nuova cultura, annulla la cultura. è la discriminazione al contrario, il razzismo al contrario. E separa le persone, mentre i veri combattenti per i diritti civili cercavano di eliminare quelle differenze.

Ho chiesto ai miei colleghi di trovare questa citazione di Martin Luther King, lui infatti aveva detto: “Ho un sogno, che i miei quattro figli piccoli un giorno vivranno in una nazione dove non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per il contenuto del loro carattere.

“Sai, i bolscevichi parlavano di nazionalizzare non solo la proprietà, ma anche le donne”, ha continuato Putin. “I fautori di nuovi approcci arrivano al punto di voler eliminare l’intera nozione di uomini e donne, e coloro che osano dire che gli uomini e le donne esistono, che questo è un fatto biologico, sono quasi ostracizzati. Genitore numero uno, genitore numero due, o il genitore che ha partorito, o al posto del latte materno, devi dire ‘latte umano’. E tu dici tutto questo, quindi le persone che non sono sicure della loro agenda sessuale sono felici.

Leggi tutto. E se vuoi vedere il discorso doppiato in inglese, clicca qui. Qualunque altra cosa tu pensi di lui, Putin sta dicendo l’onesta verità di Dio qui.

(…)

Ci sono molti americani che guarderanno a Putin e Orban e indicheranno la corruzione che hanno permesso sotto i loro governi, e lo useranno come motivo per respingere il giudizio che dicono. Questo è un errore sciocco.

Non è necessario sostenere la corruzione per riconoscere che su queste questioni culturali hanno ragione. Inoltre, come mi ha detto una ragazza con cui ho condiviso un taxi dall’altra parte della città a Budapest, ha riconosciuto che il governo del Partito Fidesz aveva tollerato troppa corruzione, ma avrebbe votato comunque per loro nelle elezioni del prossimo anno. Come mai? Ha detto che non vuole che i suoi figli crescano in un paese che ha distrutto l’idea dell’uomo e della donna e della famiglia. Ci sono alcune forme di corruzione, ha spiegato, da cui è più difficile riprendersi.

Per come la vedo io, questa è la principale lezione che i conservatori americani possono imparare da Viktor Orban e dal suo governo. Capiscono che questa è una lotta di civiltà e che non hanno a che fare solo con avversari, ma con persone molto potenti che spingono un programma che sta lacerando le nostre società. (..)

(…)

da: American Conservative

 

Exit mobile version