Putin cancella l’assalto finale all’acciaieria Azovstal, la traduzione dell’incontro con Shoigu

Qui di seguito la relazione del ministro della Difesa russo Shoigu sulla acciaieria Azostal di Mariupol e le conseguenti direttive impartite dal presidente russo Putin.

Si era quasi certi dell’imminente assalto finale agli ultimi uomini dell’Azov asserragliati nei bunker, ma inaspettatamente Putin ha impartito l’ordine di non attaccare. Il motivo addotto è, apparentemente, il non causare la morte dei propri soldati essendo la città presa completamente.
Questo è ciò che emerge dalla conversazione intercorsa tra Shoiugu e Putin, ma probabilmente Putin ha considerato e vagliato tutte le opzioni, compreso il vantaggio di risparmiare la vita di elementi NATO presenti nella struttura Azostal. In questo caso, non sono da escludere eventuali trattative tra la Nato e la Russia, nonché la volontà di non distruggere completamente la struttura.

Traduzione

Sergei Shoigu : Caro Vladimir Vladimirovich!

Mariupol è stata liberata dalle forze armate della Federazione Russa e dalla milizia popolare della Repubblica popolare di Donetsk. I resti della formazione dei nazionalisti si rifugiarono nella zona industriale dello stabilimento Azovstal.

Mariupol è un importante polo industriale e principale snodo dei trasporti sul Mar d’Azov. Nel 2014, il regime di Kiev ha dichiarato la città capitale temporanea de facto della regione di Donetsk, trasformandola nell’arco di otto anni in una potente area fortificata e in un rifugio per i nazionalisti ucraini radicali. Questa è in realtà la capitale dell’ “Azov”, il battaglione “Azov”.

Un gran numero di armi pesanti, equipaggiamento militare, inclusi carri armati, MLRS “Smerch”, “Hurricane”, sistemi di artiglieria ad alta potenza, sistemi missilistici “Tochka-U” furono portati in città. Tochka-U ha un raggio di 120 chilometri e la città russa di Taganrog si trova a 94 chilometri da Mariupol, mentre la capitale del Distretto Federale Meridionale [russo], Rostov, si trova approssimativamente a questa distanza.

Sono state create riserve di missili, munizioni, carburanti e lubrificanti, cibo per operazioni di combattimento a lungo termine. I principali oggetti delle infrastrutture urbane, tra cui il porto marittimo e il fairway, sono stati liberati e non solo liberati, ma anche bloccati da gru galleggianti. Le navi che c’erano erano per lo più navi straniere.

In totale, se parliamo di veicoli corazzati: carri armati, veicoli corazzati da combattimento, ce n’erano 179, 170 cannoni e mortai diversi, inclusi un certo numero di lanciarazzi, ne ho già parlato, “Tornados” e “Hurricanes”. Al momento dell’accerchiamento dell’11 marzo, il numero totale delle forze armate ucraine e delle formazioni nazionaliste, nonché dei mercenari stranieri, era di oltre 8100 persone. Durante la liberazione della città ne furono distrutti più di quattromila, 1478 si arresero, il restante gruppo – più di duemila – fu bloccato nella zona industriale dello stabilimento Azovstal.

Offrendo possibilità di resistenza, i nazionalisti hanno trasformato quasi tutti gli edifici residenziali in punti di fuoco a lungo termine. Ai piani terra furono posizionati veicoli corazzati e artiglieria e ai piani superiori furono posizionati cecchini. Distaccamenti separati con ATGM furono posizionati ai piani intermedi e nei sotterranei radunarono tutti gli abitanti, trasformandoli in uno scudo umano. [I civili] Erano tenuti sia ai piani intermedi che nei seminterrati. Erano infatti in ogni casa.

In ritirata, l’esercito ucraino, i battaglioni nazionalisti a Mariupol, così come in altre città ucraine, furono coperti dalla popolazione civile. Qui abbiamo molti casi in cui, ci siamo ritirati per facilitare il loro ritiro. In ogni caso, abbiamo registrato quattro di questi casi in cui per coprire il loro ritiro, [le forze ucraine] hanno cacciato le persone dagli scantinati. A proposito, questo è stato fatto letteralmente quattro giorni fa, quando l’area portuale è stata liberata, e hanno spinto quasi tutti [i civili] dai grattacieli sulle strade per nascondersi, lasciando dietro di sé continue distruzioni, inclusi oggetti culturali socialmente significativi.

Durante la liberazione di Mariupol, l’esercito russo e le unità della milizia popolare della DPR hanno adottato tutte le misure per salvare la vita dei civili. Qui, su sua istruzione, Vladimir Vladimirovich, dal 21 marzo sono stati aperti quotidianamente corridoi umanitari per l’evacuazione di civili e cittadini stranieri.

Ai militari delle forze armate ucraine e ai militanti dei battaglioni nazionalisti è stato chiesto di deporre le armi. A loro ovviamente erano garantiti, vita, sicurezza e cure mediche.

Per quanto riguarda le azioni umanitarie pianificate – le chiamo “azioni”, abbiamo approntato in modo combinato sia i corridoi umanitari che i mezzi di trasporto, questi ultimi erano composti sia da ambulanze che da autobus, c’erano giorni in cui erano a disposizione fino a cento di questi autobus e 25-30 ambulanze – noi abbiamo notificato e siamo stati in contatto con il vice primo ministro del governo ucraino [Irina] Vereshchuk quotidianamente.

Missioni diplomatiche di Stati esteri hanno fatto appello in un modo o nell’altro, poiché i [loro] cittadini erano presenti. Quindi, molti di questi cittadini sono stati rilasciati e portati fuori da Mariupol durante queste azioni umanitarie. L’Ufficio dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, le strutture dell’OSCE specializzate, il Comitato Internazionale della Croce Rossa e altre organizzazioni internazionali, sono stati ufficialmente informati dell’ora e del luogo [di queste evacuazioni]. E, naturalmente, a un certo punto abbiamo anche chiesto la loro presenza, al fine, ovviamente, di rispettare tutte le regole umanitarie al riguardo, per quanto possibile, nonostante la condotta costante e ininterrotta nonché la mancata cessazione del fuoco in Mariupol da parte Battaglioni Nazionali e da parte delle forze armate dell’Ucraina.

Nonostante la loro opposizione – sia da parte dei militanti che da parte di chiunque altro – siamo riusciti a evacuare da Mariupol 142.711 civili seguendo le vostre istruzioni. Tutti gli ostaggi che si trovavano nel porto commerciale sono stati rilasciati, compresi gli equipaggi delle navi marittime, i cui sistemi di comunicazione sono stati distrutti da coloro che li hanno catturati in modo che non potessero contattare nessuno. Il porto è minato. La zona del mare è chiusa. Spero che presto avranno l’opportunità di lasciare questo porto.

Oggi, l’intera Mariupol è sotto il controllo dell’esercito russo, della milizia popolare della Repubblica popolare di Donetsk e il territorio dello stabilimento Azovstal con i resti di nazionalisti e mercenari stranieri è bloccato in modo sicuro.

Negli ultimi due giorni, sempre su vostra indicazione, abbiamo dichiarato un regime di silenzio dalle 14:00 alle 16:00, tutte le ostilità sono cessate completamente e sono stati aperti corridoi umanitari per l’uscita dei civili che potrebbero trovarsi nel territorio dello stabilimento Azovstal.

Abbiamo preparato per loro circa 90 autobus e 25 ambulanze. Naturalmente, tenendo presente che tutto questo è costantemente distorto, abbiamo installato delle telecamere per videoconferenza, e c’era quasi una diretta qui, nel nostro centro di controllo. Nessuno ha lasciato Azovstal. Ma altri civili, più di 100 persone, sono riusciti a partire. In questi giorni, questo questo è il duro lavoro che abbiamo svolto con tutte le organizzazioni internazionali.

Allo stato attuale, la situazione in città è calma, ciò ci permettende di iniziare a ristabilire l’ordine, riportare la popolazione e ristabilire una vita pacifica. Per quanto riguarda coloro che sono fuggiti allo stabilimento dell’Azovstal e sono rimasti completamente bloccati lì e attorno all’intero perimetro, ci vogliono circa tre o quattro giorni per completare questo lavoro all’Azovstal.

Il rapporto è terminato.

Vladimir Putin: Considero inappropriata la proposta di assalto alla zona industriale.

Ti ordino di cancellare.

Sergej Shoigu: Sì.

Vladimir Putin: Questo è il caso in cui dobbiamo pensare – cioè dobbiamo sempre pensare, ma in questo caso ancora di più – a preservare la vita e la salute dei nostri soldati e ufficiali. Non c’è bisogno di arrampicarsi in queste catacombe e strisciare sottoterra attraverso queste strutture industriali.

Blocchi questa zona industriale in modo che la mosca non voli attraverso.

Sergej Shoigu: Sì.

Vladimir Putin: Ancora una volta inviti tutti coloro che non hanno ancora deposto le armi a farlo. La parte russa garantisce la loro vita e un trattamento dignitoso in conformità con le norme internazionali pertinenti. Tutti i feriti riceveranno assistenza medica qualificata.

Il completamento del lavoro di combattimento per liberare Mariupol è un successo. Congratulazioni. Mandi i suoi ringraziamenti alle truppe. Si prega di presentare proposte per premiare i nostri illustri soldati per riconoscimenti statali. È chiaro che in questi casi non può essere altrimenti, si tratta di riconoscimenti diversi, ma voglio che tutti sappiano: nella nostra comprensione, sono tutti eroi, nella comprensione di tutta la Russia. Sono tutti eroi.

A questo proposito, oltre ad adempiere a tutti gli obblighi sociali verso il nostro personale militare, in particolare verso i feriti, verso le famiglie dei nostri compagni morti, è necessario assicurare l’assolvimento incondizionato di tutte le garanzie sociali.

Ma mi sembra che questo non basti. Dobbiamo pensare a ulteriori misure di sostegno e in alcuni casi pensare a perpetuare la memoria di quei nostri compagni che hanno davvero mostrato eroismo e hanno sacrificato la loro vita per la vita pacifica del nostro popolo nel Donbass e per garantire la vita e l’esistenza pacifica di La stessa Russia, l’esistenza pacifica del nostro Paese. Queste persone lo meritano con le loro azioni e il loro atteggiamento nei confronti del giuramento.

Si dia l’avvio a queste istruzioni secondo l’iter previsto del Ministero della Difesa, per favore risolvete. Darò le istruzioni pertinenti all’amministrazione presidenziale, parlerò con i colleghi nelle regioni e svolgeranno il lavoro corrispondente nei comuni della Russia.

Certo, mettere sotto controllo un centro così importante del sud come Mariupol è un successo. Congratulazioni.

Sergei Shoigu: Grazie, Vladimir Vladimirovich.

fonte: sito del Cremlino (http://kremlin.ru/ev…news/68254)

fine citazione

La traduzione credo sia abbastanza intellegibile, utile per farsi una idea diretta non mediata o trasformata dai media mainstream.

patrizioricci by @VpNews

*****

Nota a margine:

Se civili sono asserragliati nella fabbrica Azovstal, mentre fuori tutti i civili, in tutta la città , circolano liberamente tra ciò che è rimasto in piedi vuol dire 2 cose: la prima è che l’AZOV usa questi civili come scudi umani e la seconda è che l’Azov ha fatto della città terra bruciata, usando civili e abitazioni. Probabilmente l’AZOV non avrebbe attuato questo schema in un’altra città, ma a Mariupol sì. Quindi dire ‘Putin non può permettersi di uccidere civili‘, mentre l’altra parte ha messo in atto una condotta di combattimento inqualificabile, usando indiscriminatamente i civili – che piaccia o no – è una scelta. Sarebbe onesto dirlo.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.