Pubblicati da El Pais i documenti riservati degli USA in risposta a Mosca

Gli Stati Uniti e la NATO hanno offerto a Putin accordi di disarmo in cambio di una riduzione dell’escalation militare in Ucraina. Lo dimostrano i documenti riservati inviati mercoledì scorso da Washington e dall’Alleanza a Mosca, a cui ha avuto accesso il quotidiano spagnolo El Pais.

Gli Stati Uniti hanno offerto misure di disarmo alla Russia in cambio dell’attenuazione della minaccia militare in Ucraina:
https://elpais.com/internacional/2022-02-02/ee-uu-ofrece-acuerdos-de-desarme-a-cambio-de-desescalar-en-ucrania.html

Per quanto riguarda invece le “Risposte” a lungo termine alle richieste russe di garanzie di sicurezza da parte dei signori a Washington e della Nato, i documenti trapelati dai burocrati della NATO, la risposta è NO.

E ci sono riposte molto concrete e dello stesso segno (e non secretate ma pubbliche):

  • Ieri mattina intanto pesanti bombardamenti ucraino su Donetsk
  • Ed arrivano notizie di minacce di bombe anche sulla Crimea (esercitazione ucraina sul confine con la Crimea di razzi Mlrs).

Sulla Crimea Putin ha detto che l’occidente non vi ha ancora rinunciato

Il presidente Putin ha fatto ieri le prime osservazioni in oltre un mese sulla crisi in Ucraina. Putin ha detto che la Crimea è ancora importante e potrebbe portare alla terza guerra mondiale. La conquista del territorio da parte della Russia nel 2014 non è solo un prologo all’attuale crisi. La penisola resta al centro degli eventi.

La novità è che sembra ci sia una fazione nell’establishment USA che è ancora ossessionata dalla “perdita” della penisola. Queste persone vogliono creare una “coalizione di volenterosi” per sottrarre la Crimea ai russi.

Comunque il timore di Putin è che l’Ucraina, entrando nella Nato, possa renderla ancora più aggressiva, trascinando gli alleati in una guerra totale. Ecco il passaggio sulla Crimea e sull’adesione alla Nato come riportato da Interfax:

Mosca. 1 febbraio. INTERFAX.RU – L’adesione dell’Ucraina alla NATO creerà la minaccia di un conflitto militare tra la Russia e l’alleanza sulla Crimea, ha affermato il presidente russo Vladimir Putin.

È scritto nei documenti dottrinali della stessa Ucraina che stanno per riprendersi la Crimea, anche con mezzi militari. Non quello che dicono al pubblico, è scritto nei documenti”, ha detto Putin in una conferenza stampa dopo i colloqui con l’ungherese. Il primo ministro Viktor Orban.

Immaginiamo che l’Ucraina sia un membro della NATO, imbottita di armi, abbia moderni sistemi di attacco, come in Polonia e Romania, e inizi un’operazione in Crimea, ora non parlo nemmeno del Donbass”, ha continuato Putin.

Allo stesso tempo, ha sottolineato che la Crimea è un territorio russo sovrano.

Immaginiamo che l’Ucraina sia un paese della NATO e inizi queste operazioni militari. Dovremmo entrare in guerra con il blocco della NATO? Qualcuno ci ha mai pensato? Sembra che non sia così“, ha detto Putin.

Il presidente russo Vladimir Putin ha affermato che il principio delle “porte aperte” non è fissato nei documenti della NATO.

“Dicono che sia una politica della porta aperta. Da dove viene? Dove è registrata? Da nessuna parte”, ha detto. Il capo di stato ha osservato che l’articolo 10 del Trattato che istituisce la NATO del 1949 afferma che l’alleanza, in accordo con tutti i membri e membri della NATO, può accettare altri paesi europei in questa organizzazione.

“Forse, ma non è obbligata. E gli stessi Stati Uniti e la stessa NATO possono dire, anche all’Ucraina, – vogliamo garantire la tua sicurezza, lo apprezziamo. Rispettiamo la tua aspirazione, ma non possiamo accettarti, perché abbiamo altri obblighi internazionali già accettati”. – ha detto Putin.

Dobbiamo trovare un modo per garantire la sicurezza e gli interessi di tutti i partecipanti a questo processo – sia l’Ucraina, i paesi europei e la Russia. Ma questo può essere fatto solo con un atteggiamento serio e ponderato nei confronti dei documenti che abbiamo proposto (su garanzie di sicurezza). Spero che questo caso sarà. Abbiamo concordato ieri con il presidente della Francia che anche lui potrebbe venire a Mosca nel prossimo futuro e discuteremo anche con lui di questi problemi“, ha detto Putin.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.