Progressi nei colloqui con l’Iran a Vienna ma le sanzioni vanno cessate

Progressi nei colloqui con l'Iran a Vienna ma le sanzioni vanno cessate 1

Conferenza a Vienna. In una conferenza stampa, Said Khatibzade ha affermato che in quattro aree di discussione, l’Iran ha compiuto progressi nei negoziati, sebbene molti dei documenti presentati siano ancora in discussione. Tutte le parti sono contrarie all’abbandono dei negoziati da parte degli americani e l’Iran non è d’accordo a un accordo provvisorio, che a quanto pare potrebbe essere concluso a questo punto.

Ministero degli Esteri iraniano:

Un accordo provvisorio non è all’ordine del giorno, non accetteremo alcuna precondizione

24 gennaio 2022 – Pars Today

Il rappresentante del Ministero degli Affari Esteri della Repubblica Islamica dell’Iran ha commentato l’andamento dei negoziati a Vienna.

Said Khatibzade ha dichiarato lunedì in una conferenza stampa sui colloqui dell’Iran con il Gruppo 4+1 a Vienna: “Tutte le parti hanno convenuto che non dovremmo vedere gli Stati Uniti ritirarsi di nuovo dall’accordo nucleare”.

Ha aggiunto: “Nei quattro settori su cui abbiamo documenti negoziali, abbiamo fatto buoni progressi e in alcuni documenti il ​​numero di disaccordi è diminuito”.

Khatibzade ha osservato: “Il grande successo è stato che molte delle idee avanzate dall’Iran, anche nel campo delle garanzie, si sono trasformate in formulazioni chiare e il principio secondo cui le garanzie dovrebbero essere calcolate è stato concordato da tutti”.

Ha continuato: “Abbiamo presentato a Vienna idee abbastanza funzionanti in modo realistico e crediamo che le idee dell’Iran ci abbiano permesso di avviare una conversazione sulle salvaguardie e non discuteremo nuovamente di ciò che viene discusso a porte chiuse”.

Khatibzadeh ha detto: “L’Iran è a Vienna per raggiungere un accordo stabile e affidabile, quindi il modo per ottenere garanzie è molto importante”.

“L’Iran non accetta alcuna precondizione sin dal primo giorno”, ha affermato un funzionario della politica estera, riferendosi a una recente osservazione dell’inviato statunitense in Iran Robert Malley sulle precondizioni dei colloqui.

Khatibzadeh ha anche toccato la questione dei prigionieri nei due Paesi: “Sin dall’inizio, abbiamo espresso preoccupazione per la situazione dei cittadini iraniani negli Stati Uniti, sia direttamente che indirettamente, per motivi umanitari, e questo sarà risolto al più presto possibile se gli Stati Uniti si impegnano a raggiungere accordi precedentemente raggiunti.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano ha anche osservato: “A differenza dei cittadini iraniani che sono stati presi in ostaggio negli Stati Uniti con il pretesto di aggirare le sanzioni extraterritoriali illegali contro il popolo iraniano, e oggi alcuni di loro sono detenuti in condizioni disumane, le persone incarcerate “.

Il portavoce del ministero degli Esteri ha anche aggiunto: “Quello che sta accadendo in Yemen è una tragedia umana, e l’Iran sta sempre dalla parte del popolo yemenita affinché le sue voci possano essere ascoltate dai popoli del mondo, e noi abbiamo sempre cercato di aiutare stabilire un dialogo inter-yemenita”.

Il rappresentante del ministero degli Esteri iraniano ha parlato anche dei colloqui interafghani: “Teheran sta seriamente cercando di garantire che i colloqui soddisfino gli interessi del popolo afghano”.

Ulyanov ha criticato il blocco delle risorse iraniane in Corea del Sud

Il rappresentante della Russia nelle organizzazioni internazionali ha definito illegale l’imposizione di sanzioni contro l’Iran e il congelamento dei suoi beni.

Mikhail Ulyanov, rappresentante della Russia ai colloqui di Vienna, ha scritto sul suo account Twitter: “Le sanzioni contro l’Iran sono contrarie al diritto internazionale”.

Il funzionario russo, inoltre, in risposta alla notizia del pagamento da parte dell’Iran del debito iraniano all’ONU dai beni congelati dell’Iran in Corea del Sud, ha aggiunto: “Le risorse finanziarie dell’Iran in Corea del Sud sono state congelate a causa della minaccia di sanzioni contro la Corea del Sud. Con la forza! Nello spirito della pirateria!” .

Va notato che il debito di 7 miliardi di dollari della Corea del Sud verso l’Iran in cambio di condensato di gas non è stato pagato da settembre 2018 con il pretesto delle sanzioni statunitensi.

Da allora, i funzionari dei due paesi hanno viaggiato e tenuto consultazioni, l’ultima con una visita del primo ministro sudcoreano a Teheran. Tuttavia, praticamente nessun risultato è stato ottenuto da queste visite e consultazioni.

fonte: Parstoday

Exit mobile version