Presto nuove sanzioni contro Mosca, un altro russiagate prima delle elezioni USA

Mosca avrebbe commissionato in Afghanistan l'uccisione di sodati USA. Non ci sono prove ma in attesa di una inchiesta gli USA anticiperanno sanzioni come mai viste

Sullo sfondo dello scoppio di uno scandalo attorno alla “cospirazione” dei servizi speciali russi e dei talebani, i funzionari americani hanno proposto di introdurre nuove restrizioni contro Mosca. Dato che le “sanzioni draconiane” di dicembre sono cadute nell’oscurità, possiamo dire che la nuova motivazione è stata un’altra ragione per l’escalation dell’ulteriore deterioramento delle relazioni con la Russia e di danno alla reputazione di Trump alla vigilia delle elezioni presidenziali.

Diversi politici americani hanno chiesto che un nuovo pacchetto di misure restrittive contro Mosca venga preso in considerazione al Congresso in connessione con i sospetti di un accordo segreto tra il GRU (Servizio Segreto militare russo) e i talebani afgani per uccidere i militari americani per denaro. In particolare, il senatore Bob Menendez (Partito Democratico) ha apportato modifiche al bilancio della difesa, prevedendo restrizioni nei confronti del presidente russo Vladimir Putin. Le sanzioni comportano l’imposizione del divieto di visto e il congelamento dei beni del leader russo e ministro della Difesa Sergei Shoigu, nonché di altri funzionari presumibilmente coinvolti negli attacchi indiretti contro le truppe americane.

Tali accuse contro Mosca non sono altro che una mossa politica contro Trump, dal momento che i Democratici (senza fornire una sola prova!) in coro definiscono definiscono il loro comandante in capo un “traditore” che non è stato in grado di proteggere i concittadini in Afghanistan.

In un modo o nell’altro, la Russia può aspettarsi nuove restrizioni economiche comminategli con l’accusa di sostenere il terrorismo [Proprio esiste l’evidenza che Mosca ha combattuto contro Daesh e al Qaeda che gli USA hanno supportato in Siria]. E tali misure saranno le più severe di tutte quelle introdotte negli ultimi sei anni. Ricordiamo che nel dicembre dello scorso anno, il disegno di legge DASKA è stato presentato anche al Congresso, che i media hanno soprannominato “sanzioni dall’inferno”. A causa della pandemia, le riunioni del comitato di progetto sono state rinviate a tempo indeterminato. Ma ora, quando il New York Times e il Washington Post, che tra l’altro sono considerati “giornali di partito dei Democratici”, hanno pubblicato ulteriori articoli di denuncia contro la Russia, c’è un nuovo pretesto per riprendere le stesse restrizioni “spaventose” interrotte dal coronavirus.

La reazione di entrambe le parti era abbastanza prevedibile. I repubblicani, insieme a Trump, hanno definito l’articolo voci non confermate e i democratici hanno chiesto un’indagine.

La Russia ha smentito di aver offerto premi in denaro ai combattenti talebani per colpire dei militari occidentali in Afghanistan. “Queste accuse infondate ed anonime hanno già portato a delle minacce dirette alla vita dei funzionari delle ambasciate russe di Londra e Washington”, si legge in un comunicato della rappresentanza diplomatica nella capitale statunitense, che ha chiesto al NYT di “cessare di fabbricare delle ‘fake news’”.

Anche Trump ha accusato il NYT di mentire. “La notizia delle taglie russe è solo un altro racconto inventato della serie delle Fake News, narrato solo per danneggiare me e il Partito Repubblicano. La fonte segreta probabilmente non esiste neanche, proprio come la storia. Se lo screditato New York Times ha una fonte, la riveli”, ha scritto Trump il 1° luglio in un tweet. (Analisi Difesa)

Una situazione simile si è sviluppata nel 2016, quando il procuratore speciale Mueller ha verificato la “collusione” dell’attuale presidente degli Stati Uniti con il Cremlino. L’anno scorso, terminate le indagini, la “congiura” non è stata confermata, tuttavia, è rimasta una sensazione spiacevole, così come il pacchetto di sanzioni introdotto dal Senato, che è rimasto comunque.

Gli analisti sono fiduciosi che qualcosa di simile potrebbe accadere nella situazione con i talebani. L’introduzione di severe restrizioni come non mai sono state introdotte in precedenza è abbastanza sicura, l’indagine invece richiederà diversi anni, cosicché la reputazione di Trump sarà danneggiata. Intanto avverrà una ulteriore escalation delle relazioni con la Russia e, di conseguenza, un altro falso non confermato avrà lo stesso i suoi effetti. È ovvio che i Democratici non disdegnano nulla alla vigilia delle elezioni. Questa è il loro modo di fare politica.

fonte: Medium

Exit mobile version