Pompeo mette sulla ‘lista dei gruppi terroristi’ tutti gli stati che non ama

L'uso a sproposito della lista ha la ragione di giustificare azioni a sproposito contro i designati a sproposito...

Gli Houthi dello Yemen sono stati designati dal segretario di Stato USA Pompeo come ‘organizzazione terroristica’. Ma il movimento Houthi è il governo de facto di quasi metà del territorio dello Yemen, compresa la capitale Sanaa, e di gran lunga più della metà della popolazione del paese. Come è potuto succedere una cosa del genere? E’ successo per un uso improprio della legge che designa i gruppi terroristici. 

Anni fa, soprattutto prima degli attacchi terroristici dell’11 settembre, l’antiterrorismo negli Stati Uniti  era preso sul serio, come una preoccupazione ‘bipartisan’. La metà degli anni ’90 è stata un’epoca in cui questa preoccupazione era alta. Eventi rilevanti che alimentavano le paure sottostanti includevano gli attentati al World Trade Center nel 1993 e l’edificio federale di Oklahoma City nel 1995, con quest’ultimo attacco che uccise 168 persone e ne ferì altre centinaia.

Il Congresso degli Stati Uniti ha risposto promulgando l’ Antiterrorism and Effective Death Penalty Act del 1996. Questa legislazione omnibus includeva diverse misure antiterrorismo, comprese quelle rivolte a chiunque fornisse sostegno finanziario o di altro tipo a gruppi terroristici. L’obiettivo era di sottoporre tali individui a procedimenti penali, anche se credevano che scrivendo un assegno a un gruppo, stessero avanzando qualche altra causa più onorevole.

Penalizzando il sostegno materiale ai gruppi terroristici, la legge richiedeva una chiara definizione di ciò che costituisce un gruppo terroristico. Di conseguenza, la stessa legge ha creato per la prima volta  un elenco ufficiale delle organizzazioni terroristiche straniere. Lo statuto specifica i criteri per l’inserimento nell’elenco, incluso il fatto che un gruppo sia impegnato in attività terroristiche che in qualche modo incidono negativamente sugli interessi degli Stati Uniti. La compilazione dell’elenco iniziale di trenta di questi gruppi è stato fatto dopo un lungo processo di valutazione delle prove, che ha coinvolto più dipartimenti e agenzie. Ma la legge dà l’ultima parola sull’inserimento e sulla cancellazione dalla lista al Segretario di Stato.

Il fatto che l’elenco delle FTO dovrebbe essere inteso a facilitare il perseguimento di individui che sostengono il terrorismo, mostra quanto sia un uso improprio trattare l’elenco come una sorta di dispositivo ‘della vergogna generale’ rivolto a qualsiasi entità che l’amministrazione del giorno non ama.

Nessuna amministrazione ha abusato della lista più in questo modo dell’amministrazione Trump uscente. Il culmine di questo uso improprio è stato l’ aggiunta all’elenco delle FTO nel Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane del 2019che, come parte delle forze armate di uno stato, non è affatto il tipo di organizzazione non statale che l’elenco avrebbe dovuto includere.  Nessuno sarà perseguito per uccidere membri dell’IRGC.

Qualcosa di simile si può dire dell’ultima mossa del Segretario di Stato Mike Pompeo su questa linea, che è stata quella di designare gli Houthi dello Yemen come FTOIl movimento Houthi è il governo de facto di quasi metà del territorio dello Yemen, compresa la capitale Sanaa, e di gran lunga più della metà della popolazione del paese. È stato così negli ultimi sei anni. Ha almeno la stessa pretesa di essere il sovrano dello Yemen quanto l’aspirante presidente dall’altra parte della guerra civile yemenita, che è sostenuto dai sauditi e trascorre la maggior parte del suo tempo in Arabia Saudita.

Gli Houthi sono interessati al potere e alle risorse nello Yemen e non hanno alcun interesse per il terrorismo internazionale. La loro unica attività transfrontaliera è consistita in alcuni attacchi aerei mirati all’Arabia Saudita come tentativi relativamente piccoli di rappresaglia per la devastante guerra aerea saudita contro lo Yemen che ha ucciso migliaia di civili yemeniti.

La dichiarazione di designazione di Pompeo afferma di “riconoscere le preoccupazioni” circa l’impatto sulla già terribile situazione umanitaria nello Yemen e parla di licenze per attività umanitarie. Ma come dimostra la storia di tali licenze con l’Iran, ciò significherà che gli aiuti saranno effettivamente bloccati fintanto che gli aspiranti donatori temeranno il braccio lungo della legge statunitense, e in questo caso la paura di essere etichettati come sostenitori materiali di un gruppo terroristico. La mossa aggraverà quella che le Nazioni Unite considerano ancora “la peggiore crisi umanitaria del mondo”, con “50.000 yemeniti … che già vivono in condizioni di carestia, con altri 5 milioni a un passo” e aggravata dai tagli agli aiuti dell’amministrazione Trump. destinato a punire gli Houthi.

Nella stessa settimana in cui Pompeo ha abusato della lista FTO, ha anche abusato della lista ufficiale separata degli sponsor statali del terrorismo inserendo Cuba in quella lista. Cuba non è uno stato sponsor del terrorismo. Come ho discusso altrove , sono passati decenni da quando Cuba si è impegnata in quel tipo di attività all’estero che potrebbe anche, in via forzata, essere interpretata come una base per tale elenco. Le giustificazioni nella dichiarazione di Pompeo che annuncia l’inserimento nell’elenco sono eccezionalmente esigue: si parla, ad esempio, del fatto che Cuba fornisce una casa di riposo per alcuni criminali fuggitivi degli anni ’70.Cita anche le relazioni più recenti di Cuba con i ribelli colombiani, ma ciò è oscurato dalla cooperazione di Cuba con il governo della Colombia nel facilitare i negoziati di pace.

La mossa di Pompeo riguardo a Cuba riguarda la politica interna degli Stati Uniti, volendo così premiare un segmento della popolazione cubano americana ferventemente anti-Castro nel sud della Florida che ha mantenuto lo stato nella colonna di Trump nelle elezioni di novembre e che Pompeo spera sosterrà la sua futura corsa alla carica nazionale. Questa motivazione non è più nobile di una manipolazione da parte dell’amministrazione Trump della lista degli stati sponsor del terrorismo: il mese scorso, in cui il Sudan è stato rimosso dalla lista. Ciò faceva parte del programma dell’amministrazione di fare doni al governo israeliano di Benjamin Netanyahu, in questo caso facendo pressioni sul governo di Khartoum per avviare relazioni diplomatiche con Israele. Ancora una volta, non era coinvolto nulla di terrorismo o antiterrorismo.

Per ottenere una tripletta di abuso della questione del terrorismo, Pompeo ha scelto questa stessa settimana per fomentare l’ incredulità che l’Iran e Al-Qaeda siano, nelle parole di Pompeo, un “asse” e “partner nel terrorismo”. Questo risuona molto come la precedente presunta collaborazione tra Al-Qaeda e l’Iraq, anch’esso a suo tempo falsamente consideratocome un  così come un precedente “asse del male”. Oggi nonostante quella pretesa è stata definitivamente chiarita, è stata riproposta ancora per altri stati.   I governi iraniano, sciita e persiano, non è un partner di Al-Qaeda più di quanto lo fosse il regime laico di Saddam Hussein. L’Iran e al-Qaeda sono stati sui lati opposti di quasi ogni divisione politica, ideologica, militare e settaria, come si è manifestato in Afghanistan, Siria, Yemen e altrove.

La presenza di alcuni tipi di Al-Qaeda in Iran, per lo più sotto una sorta di arresti domiciliari, è nota da anni e riflette un modus vivendi tra i nemici piuttosto che qualsiasi cosa si avvicini a una partnership – vedi il bel riassunto della questione di Michael Hirsh . Pompeo non presenta nulla di nuovo.

La presentazione da parte di Pompeo di tale materiale fuorviante proprio adesso, così come le sue altre manipolazioni presumibilmente in nome dell’antiterrorismo, fa parte di alcune deprecabili azioni fatte dall’amministrazione Trump prima di lasciare il posto all’amministrazione Biden. E questa manipolazione presenterà davvero difficoltà immediate per la nuova amministrazione su questioni come mettere la politica nei confronti dell’Iran, dello Yemen e di Cuba , costituendo una ipoteca per passare da  binari altamente improduttivi a binari più produttivi.

Ma l’uso improprio degli strumenti antiterrorismo e la promozione di miti su argomenti come chi è o non è alleato di Al-Qaeda, indeboliscono anche l’antiterrorismo nel lungo periodo. Il prezzo finale da pagare per tale uso improprio e creazione di miti sarà la morte, inclusa la morte di americani, in futuri attacchi terroristici.

fonte: Responsible Statecraft

Exit mobile version